Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Italiano Español English Português Dutch Српски

panfili1Di Funima International

Come hai conosciuto Funima International e perché hai scelto di esserne volontaria?

In passato, ero già stata volontaria di altre associazioni che si occupavano di tematiche ambientali e umanitarie. Ho conosciuto Funima nel 2010 ed ero felicissima perché desideravo occuparmi di progetti legati al recupero dell'infanzia di strada, cooperazione internazionale e educazione alla mondialità. E' stato quindi amore a prima vista!

Inizialmente come volontari a Gubbio eravamo solo in due, io e mio compagno Marco. Allestivo i banchetti solidali in piazza da sola però, dopo poco tempo, con la volontà di far crescere questa realtà, si sono aggiunti a noi altri ragazzi. Si è formato così un bellissimo gruppo da cui sono nate tante iniziative, riuscendo ad avere una grandissima risposta a livello locale.

ourvoice200Di Adriano Ardu

Quattro giorni nell’isola, trasferta breve ma intensa; tanto è durato il blitz nell’isola dei ragazzi di Our Voice. Sonia Tabita Bongiovanni e Lorenzo Capretta, accompagnati dalla presenza protettiva e solare di Sonia Alea, con la premurosa presenza di Donatella e Adriano, hanno eletto come base sarda la casa del saggio Miro a Ghilarza.

Il precedente viaggio in Sardegna del gruppo Our Voice, nell'ottobre scorso, non è rimasto fine a se stesso. Durante gli spettacoli tenuti a Cagliari, Macomer e Terralba, agli incontri e dibattiti con i ragazzi delle scuole, si è seminato.

emilia200Di Emilia Cardoso                       

In un quartiere della città di Rosario vive un sacerdote tanto umile, come il quartiere stesso. Il suo nome è Joaquín Núñez. E lui, insieme ai suoi collaboratori, porta avanti sul posto un centro comunitario chiamato “San José Obrero”, dove da lunedì a venerdì si realizzano diverse attività di sostegno di emergenza alle persone del quartiere: vengono distribuiti dei pasti a mezzogiorno, la mattina ben presto una tazza di latte e poi la sera si impartiscono lezioni nei saloni della scuola, costruite anni fa nel centro per offrire educazione alle famiglie del posto. Il pomeriggio ci sono lezioni di ballo e ginnastica, oltre a laboratori per apprendere dei mestieri. Tutto è frutto di tanto sforzo e sacrificio, i soldi non sono mai abbastanza e i volontari nemmeno.

trabajo100Di Stefanía Rodrigo

 

Anche quest’anno, come ogni anno, abbiamo avuto l’importante ed emozionante compito di organizzare il pranzo solidale al fine di raccogliere donazioni per la Fondazione Los niños de San  Juan e informare sulla dura realtà che si trovano a vivere le famiglie della Puna Salteña (altopiano dell’Argentina, ndr.) e ovviamente condividere un bel momento con amici, famiglia, simpatizzanti e collaboratori.

camila100Di Camila Ocampo

"Dio mi ha salvato molte volte, altrimenti, non sarei qui oggi con i miei figli", sono queste le parole che ripeteva continuamente la madre di due bambini.

Era lo scorso 9 giugno, in occasione della quinta edizione di "Tutti Siamo Responsabili". Ci siamo posizionati nella Piazza Cagancha della città di Montevideo (Uruguay), per portare avanti l’attività organizzata dall’Associazione Culturale Un Punto en el Infinito e dal Movimento Culturale Internazionale Our Voice.

In questa occasione erano con noi i giovani del gruppo Our Voice di Rosario (Argentina), con i quali abbiamo condiviso ogni momento.

leandro100Di Leandro Gómez

Non saremo mai soli. Egli sarà sempre accanto a noi, che accompagna il nostro cammino. So che sarà molto difficile ma non dobbiamo mai permettere che la mente ci controlli e prenda decisioni tralasciando ciò che sente il nostro cuore. Viviamo e lasciamo vivere, sono parole che in molti spesso dicono, ma cosa significa vivere? Vivere significa sacrificarsi… sì, avete sentito bene, significa sacrificarsi per coloro che amiamo e per chi non conosciamo. Dare sempre tutto senza aspettare qualcosa in cambio, tenere aperto il nostro cuore verso chi vuole entrarvi, sebbene dobbiamo essere sempre all’erta e fare attenzione, la mente è astuta… non dobbiamo mai abbandonarla lungo il nostro tortuoso cammino, ma dobbiamo mantenerla fredda, così sarà lei a rispondere a noi e non noi a lei.

emilia cardoso100Di Emilia Cardoso
La Pasqua cristiana commemora la resurrezione di Gesù Cristo dopo essere stato torturato e crocifisso dai romani a gran richiesta del popolo ebreo. L’evento più importante da celebrare per i cristiani è il compimento della profezia che Lui stesso fece: al terzo giorno sarebbe risorto dai morti, ma lo avrebbe fatto in un modo particolare, con le ferite dei chiodi impresse sul suo corpo. Per dimostrare che era Lui e non una farsa, ma anche per non farci dimenticare quello che gli avevamo fatto, per ricordarci per sempre che il nostro Dio è un Dio ferito dai nostri peccati. Gesù Cristo non è risorto con il corpo senza le stigmate, lo ha fatto con le sue ferite di sangue. Attraverso questo atto sacro ci ha insegnato che la morte non esiste, perché Lui l’ha vinta per tutti noi, dandoci un messaggio di speranza, di redenzione, ci ha dimostrato un amore unico, estremo, inconcepibile per noi. Ma allo stesso tempo un messaggio di avvertimento prima di lasciare questo mondo: dobbiamo aspettare il Suo ritorno con le “mani sull’aratro” perché ritornerà con “la spada della giustizia” a separare “il grano della gramigna”, nessuno sa il giorno né l’ora ma dobbiamo rimanere vigili ogni giorno delle nostre vite, perché Lui verrà “come un ladro nella notte”, cioè, quando nessuno lo aspetta.

jovenes200DAL CIELO ALLA TERRA
 

HO SCRITTO IL 27 MARZO 2017:        

JUAN MANUEL, GIOVANE VIRGULTO DELL'ARCA DI MONTEVIDEO.
L'EMOZIONE, L'UMILTÀ E L'AMORE DEL SUO SPIRITO CARATTERIZZANO IL VERBO ESPRESSO NELLA SUA CRONACA DEI GIORNI VISSUTI CON I SUOI SIMILI: I GIOVANI.
SI, I GIOVANI CHE IERI ERANO BAMBINI E CHE IL MIO CUORE, NON PIÙ GIOVANE, A MOLTI DI LORO HA PRESO PER MANO PER CAMMINARE INSIEME NEL SENTIERO CHE PORTA ALLA VIA STRETTA, QUELLA DI GESÙ CRISTO NAZARENO FIGLIO DI DIO.
SONO FELICE!
GRAZIE JUAN MANUEL, FIGLIOLO CARO. ADONIESIS TI BENEDICA.
IN CRISTO E IN FEDE
TUO. G. B.
 

P. S.: LEGGETE! MEDITATE E DEDUCETE.

Palermo (Italia)
27 Marzo 2017
 
CERCANDOLI

Di Juan Manuel Ferreira 

Giorni intensi, forti e piacevoli, colmi di insegnamenti, di senso di libertà e di unione.  

Attendevamo con ansia l'arrivo di Giorgio, Sonia, Sonia Tabita e dei fratelli dalle diverse parti del mondo. Appena arrivati siamo andati a trovarli, alcuni li conoscevamo già, altri erano volti nuovi. Poco a poco abbiamo familiarizzato, tra risate e scambi. Sentivamo l’unione tra noi, ma non sapevamo ancora quello che avremmo vissuto insieme.

sofia1Di Sofia Capretta

Mi sembra che stiamo dimenticando l’arte di essere felici, e che quando lo siamo, per paura che lo stato di grazia sia un’illusione, lo condanniamo a esaurirsi, come un giardiniere che non si fida del seme di una rosa a causa della sua piccolezza e fragilità, e per questo decide di non curarlo.

DVD - CD

mensajes_secretos

dvd-lacrima

CD MUSICALI PER SOSTENERE FUNIMA INTERNATIONAL
cd-alea cd-viaje-bg

Siti amici

220X130_mystery

ban3milenio

ILSICOMOROA

ban antimafia

Collaboratori

unpunto_boxdelcielo_box
logofunimanuevo2015crop_box
catania3banner flavio ciucani 125

Libri

ilritorno1 tapa libroGB Giovetti1
cop dererum1 ricagni1
Nuova copertina libro Debora1 books11

libroicontattiuniti139