Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Italiano Español English Português Dutch Српски
ladrillosa100Pareti isolanti in plastica, muri di cartone e mattoni di plastiglomerati. Le idee per trasformare i rifiuti in materiali per edilizia circolare

Gli oggetti realizzati con materiali da riciclo non ci sorprendono quasi più. Ci stiamo abituando a vedere abiti, gioielli, utensili ed elementi di arredo progettati a partire da prodotti di scarto. Se nel design questo trend è sempre più in voga, c’è ancora molto da fare sul fronte architettonico. Eppure è proprio il mondo legato alla progettazione che avrebbe tanto bisogno di maggiore sostenibilità, a partire dai materiali per edilizia circolare.

Materiali per edilizia circolare: un circolo virtuoso

L’edilizia è uno dei comparti più energivori e inquinanti ed è anche uno dei più complessi, dove è necessario il rispetto di standard rigorosi per garantire sicurezza e resistenza di strutture ed elementi. È per questo motivo che i cosiddetti materiali per edilizia circolare, ovvero quelli che prevedono un utilizzo virtuoso delle risorse in un’ottica di recupero e riuso, fanno ancora fatica ad affermarsi definitivamente. Eppure idee e progetti non mancano, come dimostrano le tre soluzioni innovative che vi illustriamo.

cuoredanzante100Uno studio pubblicato sulla rivista Monthly Notices of the Royal Astronomical Society ha mostrato che gli ammassi di galassie hanno un centro in continua oscillazione

L’ammasso di stelle più luminoso dell’universo (finora conosciuto) rappresentato da un artista per la Nasa nel 2003 (Afp)

Il titolo del paper è, come si conviene, al limite della freddezza scientifica: «A detection of wobbling brightest cluster galaxies within massive galaxy clusters», cioè «un rilevamento delle galassie più luminose all’interno di ammassi di galassie». Ma lo studio guidato, al Politecnico di Losanna, da David Harvey, racconta qualcosa che insieme sfiora i confini della poesia, e illumina un nuovo angolo dell’universo.

nonno100Come? Tenendoli in braccio, coccolandoli, cantando per loro.

David è per tutti, medici, infermieri, genitori, il “nonno dell’ospedale”: la clinica è il “Children’s Healthcare of Atlanta“.

Questo attempato signore, da 12 anni, fa il lavoro a suo dire più importante e gratificante al mondo. Lo dice lui, ex executive del marketing. “Non sanno che ricompensa sia tenere in braccio quei bimbi!”, racconta.

Sono neonati prematuri, costretti per il loro bene, a restare in ospedale diverse settimane.

I loro genitori spesso abitano lontano, racconta David con calma e bontà, o hanno altri figli a casa a cui badare. Per questo, pur desiderandolo, non possono stare troppe ore accanto al loro piccolo.

“Ma io posso”, dice il nonno con le sue intere giornate spese in ospedale a canticchiare, accarezzare, dondolare questi bimbi.

“Guariscono prima. Aumentano di peso più in fretta”. I medici, le infermiere non hanno dubbi.

E’ il loro tesoro.

nonno2

(Qui il video, nella versione sottotitola in italiano di Fanpage.it)

Ottobre 10, 2017

Fonte: https://it.aleteia.org/2017/10/10/nonno-americano-coccola-bambini-prematuri-video/

PALESTINA ISRAELE100Israeliani e palestinesi insieme, per strada, in nome della pace. In centinaia sono sfilati per le vie di Gerusalemme, sabato sera, sotto lo slogan
Israeliani e palestinesi insieme, per strada, in nome della pace. In centinaia sono sfilati per le vie di Gerusalemme, sabato sera, sotto lo slogan comune “Ebrei e arabi si rifiutano di essere nemici”. La manifestazione avviene nel momento di massima tensione a Gerusalemme e nei Territori col moltiplicarsi di attacchi palestinesi contro ebrei.

fondo100Gli agricoltori di un piccolo villaggio nello Zambia settentrionale, in collaborazione con il Fondo Internazionale per lo Sviluppo Agricolo (IFAD) hanno lanciato un messaggio importante ai leader mondiali riunitisi questa settimana a New York: pensare a maggiori investimenti nell’agricoltura per porre fine a povertà e fame entro il 2030. Per far sì che il messaggio ricevesse la dovuta attenzione, i 16 agricoltori di Kasama, Zambia, lo hanno scritto direttamente sulla terra che coltivano, producendo un gigantesco “Field Report” (“rapporto sul campo”), completo di grafici e dati, per spiegare la reale importanza di investimenti a lungo termine a sostegno della piccola agricoltura.

DVD - CD

mensajes_secretos

dvd-lacrima

CD MUSICALI PER SOSTENERE FUNIMA INTERNATIONAL
cd-alea cd-viaje-bg

Siti amici

220X130_mystery

ban3milenio

ILSICOMOROA

ban antimafia

Collaboratori

unpunto_boxdelcielo_box
logofunimanuevo2015crop_box
catania3banner flavio ciucani 125

Libri

ilritorno1 tapa libroGB Giovetti1
cop dererum1 ricagni1
Nuova copertina libro Debora1 books11

libroicontattiuniti139