Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Italiano Español English Português Dutch Српски
pilEppure dal 2015 le persone in grave difficoltà sono tornate ad aumentare. Saranno necessarie «risorse aggiuntive fino a 265 miliardi di entro il 2030»

Il mondo si è impegnato a eliminare la piaga della fame dalla faccia della terra: è questo l’obiettivo numero 2 che i firmatari – come l’Italia – dell’Agenda Onu per lo sviluppo sostenibile si sono impegnati a tagliare entro neanche 12 anni, ovvero il 2030. Nonostante i progressi compiuti negli ultimi lustri, dal 2015 stiamo però marciando a passo di gambero. Come ha recentemente confermato un rapporto Onu, negli ultimi tre anni la fame nel mondo è tornata ad aumentare, fino a colpire oggi una persona su nove (mentre un adulto su otto è obeso); il fattore chiave ad aver innescato la retromarcia è il cambiamento climatico, che insieme ai conflitti armati risulta anche un elemento determinante delle migrazioni in corso – e che in genere solo in piccolissima parte notiamo, quando pochi disperati raggiungono le nostre coste.

Eppure il nostro mondo, non fosse segnato da profonde e crescenti disuguaglianze, avrebbe in abbondanza le risorse necessarie per mettere fine a fame e povertà cronica. Secondo i dati forniti dalla Fao – l’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’alimentazione e l’agricoltura – nel corso del Global forum che ieri ha accolto a Roma oltre 200 tra investitori, leader aziendali e decisori politici da tutto il mondo, saranno necessarie «risorse aggiuntive fino a 265 miliardi di dollari per porre fine alla povertà e alla fame entro il 2030». Si tratta di una cifra che potrebbe apparire enorme, ma che rappresenta in realtà circa lo 0,3% del Pil globale (stimato dalla Banca mondiale in oltre 80 mila miliardi di dollari a fine 2017).

«Con il rapido avvicinarsi del 2030, istituzioni per lo sviluppo e istituzioni finanziarie internazionali devono collaborare con il settore privato per trovare soluzioni sostenibili alle principali sfide allo sviluppo, come la povertà, i cambiamenti climatici e le migrazioni. Questo significa – spiega Suma Chakrabarti, Banca europea per la ricostruzione e lo sviluppo – creare contesti in cui l’innovazione possa fiorire e dove gli investitori privati siano incentivati a contribuire ad una crescita economica inclusiva e alla sostenibilità ambientale».

Ad oggi gli investimenti pubblici non sono sufficienti a raggiungere gli Obiettivi Onu di sviluppo sostenibile, ma istituzioni per lo sviluppo e istituzioni finanziarie internazionali possono collaborare in modo più strategico per fare leva sugli investimenti privati. Da questo punto di vista «un trend incoraggiante, già visibile nel settore agricolo – sottolinea il vicedirettore generale della Fao, Daniel Gustafson – sono gli investimenti “ad impatto sociale” nei quali gli investitori privati investono in iniziative che generano profitto oltre , appunto, a impatti sociali e ambientali».

I sistemi alimentari e agricoli sono oggi confrontati da gravi sfide: dalla necessità di produrre di più con meno per sfamare una popolazione mondiale in crescita, a ridurre l’impronta di carbonio del settore, al creare opportunità di impiego decente, soprattutto per i giovani nei paesi in via di sviluppo che altrimenti non avrebbero altra alternativa che migrare altrove. Si tratta di sfide enormi e urgenti, ma non al di fuori delle possibilità economiche globali: a scarseggiare non sono i soldi, ma la volontà politica.

Di Luca Aterini [24 ottobre 2018]

http://www.greenreport.it/news/economia-ecologica/fao-basterebbe-lo-03-del-pil-globale-per-mettere-fine-a-fame-e-poverta-nel-mondo/

 

DVD - CD

mensajes_secretos

dvd-lacrima

CD MUSICALI PER SOSTENERE FUNIMA INTERNATIONAL
cd-alea cd-viaje-bg

Siti amici

220X130_mystery

ban3milenio

ILSICOMOROA

ban antimafia

Collaboratori

unpunto_boxdelcielo_box
logofunimanuevo2015crop_box
catania3banner flavio ciucani 125

Libri

ilritorno1 tapa libroGB Giovetti1
cop dererum1 ricagni1
Nuova copertina libro Debora1 books11

libroicontattiuniti139