Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Italiano Español English Português Dutch Српски

angelesomar200Di Omar Cristaldo

Continuiamo con le nostre visite, il 16 e il 19 maggio, alle scuole di Villa Hayes, questa volta arriviamo alla Scuola Nazionale Blas Garay, dove veniamo ricevuti dalla Direttrice Isabel Molinas, con la quale organizziamo il luogo dove tenere l’incontro.

Il primo incontro si è tenuto con la presenza dell'insegnante Angelica Acosta Vera e gli studenti del 1°, 2° e 3°. Corso di Livello Medio.

potessiDi Michela Raddi

Se potessi sottrarre al Cielo un frammento della sua bellezza,

Lo porrei nelle mani di chi non si stupisce più della Vita.

Lo donerei a chi, nella solitudine, possa ricordarsi che quei piccoli diamanti lassù brillano anche per lui.

Lo condividerei con chi non ha fiducia in se stesso e gli mostrerei che l'Infinito può specchiarsi anche nei suoi occhi.

A chi ha perso la strada, indicherei quale stella seguire.

artigasoniaDi María José Lastra

Lo scorso 5 aprile il sindaco della città di Artigas (Uruguay) Pablo Caram ha incontrato, presso la sede comunale, Giorgio Bongiovanni e i giovani del movimento culturale Our Voice, rappresentato da Sonia Bongiovanni e Matías Guffanti, che hanno colto l’occasione per presentare il loro spettacolo che si sarebbe tenuto proprio ad Artigas.

Sonia ha presentato il movimento e ha parlato degli ideali che lo ispirano: denunciare le ingiustizie e la corruzione attraverso l’arte e l’impegno sociale. A questo proposito Our Voice organizza incontri nelle scuole, perché il loro messaggio, come Sonia tiene a specificare, è diretto soprattutto ai giovani. Un messaggio che dice NO alla droga, che distrugge la mente dei ragazzi.

L’opera da portare in scena è “Sueño Blanco”, una storia che vede il confronto di due generazioni. Un padre ex militare durante la dittatura e sua figlia.

Giorgio Bongiovanni ha raccontato brevemente la sua esperienza mistica iniziata a Fatima nel 1989 e come anni dopo ha deciso di denunciare la mafia diventato anche giornalista.

Maria José Lastra
22 maggio 2019


Video dell’intervista:

https://www.youtube.com/watch?v=w-bEAEveLaU

oscarmanoDi Oscar Morosini

Non è nostro figlio
e per questo
restiamo indifferenti.

Lo lasciamo in mare
invece di inviare navi.

Abbandonandolo
dovrà lasciare il corpo
che ritroveremo spiaggiato
o, sopra un altro, depositato in un fondale.

pierentrevistaStanton Friedman ritDi Pier Giorgio Caria

Il fisico nucleare Stanton Terry Friedman, ufologo e famoso ricercatore a livello mondiale, è morto all'età di 84 anni lo scorso lunedì 13 maggio 2019, all'aeroporto internazionale Pearson di Toronto. A dare la notizia è stata sua figlia Melissa Friedman la quale ha detto che il padre è deceduto mentre rientrava a casa, a Fredericton, di rientro dall'Ohio, dove aveva partecipato ad una cerimonia di fidanzamento.

Nato ad Elizabeth, nel New Jersey, nel 1934, è stato un ferreo sostenitore della realtà scientifica della visita extraterrestre e della censura imposta al tema dai poteri mondiali, in primis da quello statunitense. Friedman, era ritenuto tra i più autorevoli esperti sul tema UFO, ed in particolare sul caso dell'UFO crash avvenuto a Roswell l'8 luglio del 1947.

amor19Di Oscar Morosini

Nasciamo
in uno sguardo d’amore
non il giorno
che i nostri genitori
ci hanno concepito,
bensì
quando i loro occhi
per la prima volta
si sono incrociati.
Un canto alla vita
come i fiori che danzano nel vento
o il calore del sole bacia il creato.

revelandoomar200Di Omar Cristaldo

Proseguiamo con le nostre visite alle scuole di Villa Hayes. In questa occasione siamo giunti alla Scuola Nazionale Dr. Raul Peña, dove avevamo concordato con il Direttore Antolin Trinidad lo svolgimento degli incontri sia con gli studenti del turno del mattino che con quelli del turno pomeridiano.

Ed è così che il 10 maggio 2019, dopo esserci salutati, il Direttore ci ha assegnato la sala con i primi studenti dell'8° e del 9° grado, per proseguire poi dopo la ricreazione con il gruppo successivo.

Jessica200MONETA SCRITTURALE

Ultima Frontiera per l’Umanità

Scritto da Jessica Pezzeta Savogin

“Nessuno può servire due padroni, perché o odierà l'uno e amerà l'altro, oppure si affezionerà all'uno e disprezzerà l'altro. Non potete servire Dio e la ricchezza. Perciò io vi dico: non preoccupatevi per la vostra vita, di quello che mangerete o berrete, né per il vostro corpo, di quello che indosserete; la vita non vale forse più del cibo e il corpo più del vestito? Guardate gli uccelli del cielo: non seminano e non mietono, né raccolgono nei granai; eppure il Padre vostro celeste li nutre. Non valete forse più di loro? E chi di voi, per quanto si preoccupi, può allungare anche di poco la propria vita? E per il vestito, perché vi preoccupate? Osservate come crescono i gigli del campo: non faticano e non filano. Eppure io vi dico che neanche Salomone, con tuta la sua gloria, vestiva come uno di loro. Ora, se Dio veste così l'erba del campo, che oggi c'è e domani si geta nel forno, non farà molto di più per voi, gente di poca fede?

oscarmamaDi Denis Bordin

Auguri Mamma:

Auguri Mamma, ti amo tanto, sei sempre nel mio cuore, ed io nel tuo come un unico ed immenso battito vitale, come un bimbo in grembo attaccato al cordone ombelicale del cosmo che lo nutre di infinito amore materno.

Grazie Mamma, che mi hai generato d'argilla e d'acqua, il corpo e la coscienza che hai unto e vitalizzato di spirito santo

Grazie Mamma di avermi sfamato del cibo della vita, del tuo amore incondizionato

Di non avermi dato ciò che più desideravo, ma di avermi donato ciò di cui avevo più bisogno

Grazie Mamma di avermi donato il femminile il lato creativo l'essenza più pura del creato senza il quale l'uomo non sarebbe mai nato

ouroscarDi Oscar Morosini

Non basta mettere un punto
per andare a capo.
Né lasciando chiuso il sipario
nascondere la realtà.
Non è così semplice!
Un attimo,
e possiamo raccontare un’altra storia
ma nel silenzio
continuerà a vivere
facendo bruciare l’anima.
con ferite che restano aperte.
Oggi i giornali,

virgenclauDi Claudio Rojas G.

Ieri, come primo sabato di mese, siamo accorsi come tante altre volte al Santuario di Peñablanca in Villa Tedesco - Cile, per pregare per l'Opera, i fratelli e per noi stessi che dobbiamo essere ogni giorno più forti per poter affrontare gli avvenimenti che si approssimano. La verità è che è molto rassicurante la pace che si respira in quel luogo, dove a volte si sente la presenza della Madre Santissima, la quale disse che sarebbe stata lì presente in quei giorni.

cuorebimbaDi Simone Piovani

Sui tetti scivolosi
Cercavo ragioni
Ragioni per cui guardandolo
Questo mondo potesse
Di sbieco
Sembrar pulito
Puro.
Lo è, lo riconosco.
Eppur mi domando
Illudendomi
Se l'amore creatore
Previsto aveva
Il terrore
Il sordo rumore
Dei funghi atomici
Le grida
Nere impressioni
Di giovani donne
E bambini
Che volano nella polvere.
Funerei arcobaleni
Esplosioni dorate
E tutto questo dai tetti di lamiera
Sui quali ero solito piangere
E morire
Uccidendo le illusioni.
A volte bisogna morire
Per alzare gli occhi
Alla rivoluzione
A volte bisogna morire
Per svegliarsi
Per vedere la realtà
Dell'inferno in Terra
A volte bisogna morire
E lasciare tutto
Sentire il peso
Di un'umanità sofferente
E spegnere le candele
Della speranza
Bisogna morire
Per vivere.
 
Simone Piovani
7 maggio 2019

riccardoDi Riccardo Caronia

La società è un abisso
Un mare di cemento
Dove il blu è grigio
Sentire sulla pelle la pesantezza della neve che gira per le strade
Anche quando è estate.
Dove i valori si imparano attraverso uno schermo
Con falsi sorrisi
E parole affilate
Parole che affilano le tue azioni
Azioni così affilate da accoltellare il prossimo
E se scampi alla coltellata cadrai presto in un pozzo di veleno
Addestrati a sputare le nostre parole in quei pozzi
Parole che per chi le dice non hanno peso
Come non ha peso ciò che hanno dentro
Ed impara a bagnarti quando piove
Perché nessuno è disposto a passarti il suo ombrello quando inizia un temporale
Ed abituati ai temporali
Sono soliti a far piovere morte
E farci tornare nei nostri blocchi a mangiare sofferenza
Non ci passa più nemmeno il mio respiro tra quei blocchi
La società è un abisso
Ed io non ho intenzione di sprofondare
Perché quando inizi a galleggiare vedi il sole
Compassione per chi ogni giorno sprofonda nell'oscurità di questo abisso.
Rialziamoci insieme.
La società siamo noi.

Condivido con voi questo momento anche se non gioioso
A volte mi perdo solamente per il dolore che gira in questi quartieri sentendo ciò che pensano le persone riguardo alla vita
Buonanotte famiglia

Riccardo Caronia
5 maggio 2019

claudiorojas1Di Claudio Rojas G.

A volte, col passare del tempo, non so se progrediamo, ma acquisiamo un po' più di conoscenza o di capacità di comprendere il significato e la profondità dell'Opera di Cristo che abbiamo abbracciato insieme allo Stigmatizzato di Fatima, ci sentiamo, mi sento ogni giorno più piccolo, a volte ho paura. Ma non paura delle catastrofi, quelle che a volte, forse erroneamente, ci auguriamo perché stanchi di tanto male, nemmeno paura del demonio che possa avere la meglio su di me; ma paura del Dio Padre, di non avere la fede e la forza sufficiente per riuscire a compiere ciò che devo.

Nel momento in cui crediamo di capirci qualcosa e il Signore ci chiede di lasciare tutto, non possiamo lasciare il nostro lavoro, ma tutto ciò che è al di fuori del mio lavoro deve essere fatto esclusivamente pensando e sentendo l'Opera di Cristo, altrimenti, non ha senso per me. Non riesco più a pensare a cose o progetti mondani, non ho né il tempo né la voglia, e per di più quasi tutto mi sembra spregevole in questo mondo.

DVD - CD

mensajes_secretos

dvd-lacrima

CD MUSICALI PER SOSTENERE FUNIMA INTERNATIONAL
cd-alea cd-viaje-bg

Siti amici

220X130_mystery

ban3milenio

ILSICOMOROA

Collaboratori

unpunto_boxdelcielo_box
logofunimanuevo2015crop_box
catania3banner flavio ciucani 125

Libri

ilritorno1 tapa libroGB Giovetti1
cop dererum1books11
  libroicontattiuniti139copertina italiano140