Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Italiano Español English Português Dutch Српски

chile1Di Claudio Rojas G.

Il Papa accetta le dimissioni del cardinale Ricardo Ezzati e nomina il nuovo amministratore apostolico.

Questo sabato Papa Francisco ha accettato le dimissioni del cardinale Ricardo Ezzati e ha nominato come amministratore apostolico, sede vagante dell'arcidiocesi di Santiago del Cile, il vescovo Celestino Aós Braco che era responsabile della diocesi di Copiapó.

Questo accade dieci mesi dopo la presentazione delle dimissioni da parte del Cardinale a seguito della crisi che ha interessato la Chiesa Cattolica per i casi di abusi sessuali e dopo la visita del Papa in Cile.

La decisione del Vaticano giunge nel pieno dell'indagine del Pubblico Ministero Regionale di O'Higgins, Emiliano Arias, nei confronti di Ezzati per presunto insabbiamento di abusi sessuali su minori da parte di membri della Chiesa. Venerdì 22 marzo, l'Ottava Sezione della Corte d'Appello ha respinto la richiesta di archiviazione avanzata dalla difesa del cardinale Ricardo Ezzati, per i presunti insabbiamenti di abusi compiuti dai sacerdoti Óscar Muñoz, Jorge Laplagne e Tito Rivera.

Il voto unanime dei membri dell'Ottava Sezione della Corte di Santiago consente al Pubblico Ministero di proseguire con l'investigazione contro il sacerdote. In precedenza il Pubblico Ministero Emiliano Arias aveva affermato che esistevano precedenti sufficienti per negare l'archiviazione.

Ricardo Ezzati era stato già citato a testimoniare alcuni mesi fa. Tuttavia, si era avvalso della facoltà di non rispondere in attesa di questa decisione della Corte d'Appello, ma ora potrebbe venire citato nuovamente per testimoniare in merito ai documenti che sono stati trovati nell'Arcivescovato durante la perquisizione condotta dal Pubblico Ministero Arias.

Il nuovo amministratore apostolico, Celestino Aós Braco, è di nazionalità spagnola e fu novizio nell'Ordine dei Frati Minori Cappuccini in Spagna nel 1955 fino a che, finalmente nel 1968, fu ordinato sacerdote. Tra gli incarichi a lui affidati dalla Conferenza Episcopale, il vescovo è membro della Commissione Episcopale delle Relazioni CONFERRE (Conferenza di Religiose e Religiosi del Cile), e presidente della Commissione Nazionale di Pastorale Presbiteriana, organismo dell'area ‘Operatori Evangelizzatori’.

Juan Carlos Cruz, una delle vittime di abusi della chiesa cattolica cilena, ha esternato tramite il suo account di Twitter, la sua soddisfazione per la decisione del Papa e ha rivolto i suoi auguri al nuovo amministratore apostolico. "La cosa migliore è che Ezzati e la sua banda rispondano davanti alla giustizia cilena prima di scappare dal paese", ha dichiarato.

Continuano a rimbombare nelle nostre menti e nei nostri cuori le parole della Vergine Santissima a Peñablanca, Villa Alemana-Cile quando disse: "Sono venuta a salvare anime che vanno alla perdizione perché vengono guidate male", o quando disse: "I Sacerdoti, Ministri di mio Figlio, per la loro empietà nella celebrazione dei Santi Misteri, per il loro amore al denaro, all'onore e al piacere, sono diventati delle cloache d'impurità. Sì, gridano vendetta e la vendetta pende sulle loro teste... Guai ai Sacerdoti e alle persone consacrate a Dio che con la loro vita malvagia e la loro infedeltà crocifiggono ancora Mio Figlio, Vostro Signore. I peccati delle persone consacrate a Dio gridano al Cielo e chiedono vendetta, ed ecco che la vendetta è alle porte, poiché non c’è più nessuno che implori misericordia e perdono per il Popolo; non ci sono più anime generose né persone degne di offrire la vittima senza macchia all’Eterno a favore del mondo”

Quello che più disturba è che proprio per questo, e solo per questo, questa apparizione fu disconosciuta dal Vescovo e successivamente da tutta la Chiesa. Loro, le stesse cloache, che erano proprio quelle coinvolte, si trasformarono in giudici della parola Divina, privando della salvezza molte anime, condannandosi così al fuoco dell'Inferno. A ragione, la Madre disse che il luogo ad aver accolto più male il suo messaggio, era stato proprio questo paese.

Auguriamo che la giustizia Divina ci dia quello che meritiamo!!!

https://www.latercera.com/nacional/noticia/las-cartas-ezzati-recibio-del-papa-francisco-del-nuncio-apostolico-ivo-scapolo-aceptando-renuncia/584180/

24 marzo 2019

DVD - CD

mensajes_secretos

dvd-lacrima

CD MUSICALI PER SOSTENERE FUNIMA INTERNATIONAL
cd-alea cd-viaje-bg

Siti amici

220X130_mystery

ban3milenio

ILSICOMOROA

Collaboratori

unpunto_boxdelcielo_box
logofunimanuevo2015crop_box
catania3banner flavio ciucani 125

Libri

ilritorno1 tapa libroGB Giovetti1
cop dererum1books11
  libroicontattiuniti139copertina italiano140