Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Italiano Español English Português Dutch Српски
Giorgioscrivelaposta100 DAL CIELO ALLA TERRA
 
HO SCRITTO IL 5 FEBBRAIO 2016:
 
COLLOQUI DI VITA
LA POSTA DI GIORGIO BONGIOVANNI
 
L’INTENSA ATTIVITÀ SPIRITUALE E SOCIALE LEGATA ALLA MISSIONE CELESTE CHE MI È STATA AFFIDATA E CHE COMPORTA CONTINUI SPOSTAMENTI E TANTISSIME ORE DI LAVORO AL GIORNO, MI IMPEDISCE DI RISPONDERE PERSONALMENTE E CONSTANTEMENTE A TUTTE LE LETTERE CHE RICEVO GIORNALMENTE E CHE COMUNQUE LEGGO CON MOLTA ATTENZIONE.
PER RISPONDERE A TUTTE LE ANIME CHE MI SCRIVONO, COME HO SEMPRE PROMESSO, CONTO SULLA PREZIOSA COLLABORAZIONE DI ELISABETTA MONTEVIDONI, ANTICA SORELLA DELLA NOSTRA OPERA SPIRITUALE, CHE RISPONDE INSIEME A ME A TUTTE LE LETTERE CHE MI GIUNGONO, CON IL DESIDERIO DI DARE LUCE ALLE NUMEROSE DOMANDE CHE TROVANO RISPOSTA NEL MESSAGGIO CELESTE CHE DIVULGO DA MOLTI ANNI.  
IN FEDE
G. B.

Palermo (Italia)
5 Febbraio 2016

Cari tutti per me è un onore essere al servizio del Cielo e collaborare con il suo Messaggero. Ho avuto la grazia di conoscere l’esperienza mistica di Giorgio Bongiovanni nell’Aprile del 1989, quando ebbe le prime apparizioni della Madre Santissima che lo chiamava a Fatima.  
Da allora ho potuto seguire da vicino la sua vita di stigmatizzato, ho assistito a centinaia di sanguinazioni delle sacre stigmate, assistito alle sue conferenze e agli incontri spirituali, letto tutti i suoi messaggi, approfondito gli studi di filosofia cosmica avendo accesso alla biblioteca dell’Associazione Culturale Giordano Bruno creata da Giorgio stesso: i libri di Padre Pio e di altri stimmatizzati, libri sulle Profezie, sulle più importanti apparizioni mariane nel mondo, i messaggi del suo padre spirituale Eugenio Siragusa… quindi mi sono messa a disposizione nella segreteria spirituale per aiutare Giorgio nel servizio di elargire la conoscenza iniziatica a tutte quelle anime che non potendo incontrarlo gli scrivono.

Elisabetta Montevidoni

 


Riceviamo da Vito

Ciao Elisabetta!
Ti scrivo questa mail per sapere da Giorgio, cosa mi può dire al riguardo della GHIANDOLA PINEALE.
Ho fatto qualche ricerca a riguardo ma ho dei dubbi su ciò che si dice di questa particolare ghiandola che  tutti noi abbiamo nel centro della nostra testa.
Per esempio:
1)  E' vero che il nostro digitale terrestre della TV, emana delle frequenze che calcifica la ghiandola pineale?
2)  E' vero che ascoltando un brano con frequenza di 936 hz, si attiva la ghiandola pineale?
A parte queste due domande, come possiamo concretamente attivare la ghiandola pineale? Le frequenze influiscono sulla sua attivazione? E quali sono le cose o le situazioni che dobbiamo evitare affinchè non si calcifichi?
Aspetto come sempre le preziose risposte.
Grazie mille in anticipo!!!
Un abbraccio!
Vito
 
RISPOSTA

Caro Vito,  tutto ciò che distoglie dalla vita spirituale e crea dipendenza  o  è in antitesi con essa, induce una sorta di ipnosi che chiude la ghiandola pineale.
Dalla pubblicità consumistica, ai film e  le trasmissioni televisive demenziali,  alla musica distonica, all'inquinamento, fumo, droga, alcol, sesso sfrenato, cibi adulterati, farmaci antidepressivi.
Giorgio durante una  conferenza ha dato questa risposta:
“La ghiandola pineale risiede nel cervello ed è la porta che apre il contatto tra lo spirito e la mente… Lavorando a favore della vita la ghiandola pineale si apre e si sensibilizza ai valori dello spirito.

Riceviamo da Carla

Egregio signor Giorgio Bongiovanni,
Salve, ho letto il suo sito, sono credente al 100% ma praticante molto poco. Ho paura del futuro che ci aspetterà se le cose non cambieranno in meglio per l'umanità.
Ho 28 anni, sono sposata da quasi 9 anni. Non abbiamo figli perchè io ho paura di averne.
Vorrei consigli su quest'argomento. mia madre insiste di si. Ma devo averli perchè lo dice lei?
Attendo presto sue risposte.
mille grazie!
saluti cordiali. Carla.
 
RISPOSTA
Carissima Carla,  il tragico futuro che ci aspetta è causa delle scelte diaboliche dell'uomo, soprattutto degli ultimi 50 anni per  l'uso  scellerato dell'energia nucleare a cui la maggior parte dell'umanità  non si è opposta. Quindi raccoglieremo ciò che abbiamo seminato tutti, nessuno escluso, perché il valore più grande che ci fa evolvere è l'amore per la vita in ogni sua forma. Invece la maggior parte degli  uomini ha vissuto egoisticamente e con totale  indifferenza di fronte alle  gravi ingiustizie che ogni giorno vengono commesse sul nostro pianeta  da duemila anni a questa parte. Non si tratta di essere credenti, perchè credere non  è sufficiente per l'avanzamento evolutivo dello spirito. E’ necessario  soprattutto operare a favore della vita e del prossimo. Infatti Giorgio dice sempre che ci sono molti più atei credenti rispetto a coloro che si definiscono cristiani. Chiaramente non è un giudizio nei  tuoi confronti,  ma solo la constatazione della realtà che viviamo sul nostro Pianeta.

Il 6 febbraio 2016 Simone ci scrive:

Caro Giorgio ho scoperto che ti posso scrivere nella mail per farti delle domande...
ti chiedo di spiegarmi come è costituita la gerarchia celeste, da quello che ho capito io in cima c'è il Padre Adonay , subito sotto il Cristo con la sua Santissima Madre.
Poi credo che sotto questa triade si collochino i sette arcangeli solari, di cui Ashtar Sheran dovrebbe far parte visto che è il principe delle milizie celesti (Arcangelo Michele), giusto?
Grazie di cuore
Simone
 
RISPOSTA:

Caro Simone, il Sole è la sede delle deità solari. Le antiche civiltà come Atzechi, Maya, Egizi, erano coscienti adoratori dell’astro solare. Senza la Luce del Sole non ci sarebbe vita sulla Terra. Quando Gesù è spirato sulla croce il Sole si è oscurato proprio per dare un segno che stavamo “uccidendo” la Luce Cristica che si era fatta carne e sangue.
Nel Sole dimorano le divinità solari che compongono  la triade dimensionale superiore,  esseri spirituali con corpo di Luce.  Le  divinità solari si contraddistinguono per il grado di coscienza evolutiva e formano una gerarchia che si divide in direttivi ed esecutivi della volontà del Monarca del sistema solare.
Nella corona solare dimorano i Cherubini, angeli di luce esecutivi, appartenenti alla quinta dimensione; Gesù e la Madonna sono Cherubini. Anche altri Maestri orientali come Krshna, Budda, Yogananda sono cherubini. Tieni conto però che rispetto a tutti gli altri cherubini Gesù è stato personificato da Cristo, quindi la sua coscienza è superiore.

Il 18 febbraio 2016 Cecilia ci scrive:
Ciao Giorgio, volevo chiederti,
ho notato che nei vangeli ricorre il numero 40: la presentazione dei primogeniti al Signore e la purificazione delle madri avveniva dopo 40 giorni, Gesù trascorre 40 giorni digiunando nel deserto, dalla risurrezione passa 40 giorni con i discepoli e gli apostoli prima di ascendere al cielo, e pure il mercoledì delle ceneri è 40 giorni prima della pasqua di resurrezione.
Qual'è il significato di questo numero?
Poi volevo pure chiederti: se il Padre di Gesù Cristo è Adonay,  perchè nell'antico testamento troviamo Jehovah o Yahweh?
Grazie infinite, spero di avere la benedizione di vederti presto,
con amore, Cecilia
 
RISPOSTA

Cara Cecilia il numero 4 è il numero della materia perchè  quattro sono le dimensioni fisiche  di cui  l'uomo è capostipite : minerale, vegetale, animale, umana.
La quarta dimensione è quella dell'uomo cosciente dell'identità spirituale che domina sulla materia, l'uomo-angelo.
Il dieci è il numero simbolico del perfezionamento terreno. della completezza.
Il  numero 40 è dieci volte il numero 4. Un ciclo di presa di coscienza e dominio della materia, per far emergere la parte spirituale dell'uomo.
40 sono i giorni di fortificazione di Gesù nel corpo materiale prima di iniziare la predicazione.
 40 i giorni di "penitenza corporale" volta al rafforzamento spirituale per comprendere il significato della Pasqua e intraprendere il cammino del Cristo.

Antonio ci scrive:
Salve a tutti.
Il mio nome è Antonio.
Innanzitutto vi volevo ringraziare per tute le informazioni molto interessanti che mi inviate.
Sono un grande ammiratore e seguace (solo nel senso che seguo le conferenze) di Piergiorgio Caria e Giorgio Bongiovanni.
Ho letto il messaggio HANNO UCCISO DIO http://www.giorgiobongiovanni.it/component/content/article/6236.html
e mi sono venuti come sempre i brividi di dolore e rabbia riguardo la brutta notizia del bambino morto.
Però volevo esprimere il mio pensiero riguardo ad alcune parti del messaggio indirizzato a noi, l'umanità.
Sicuramente sarà sbagliato come io sono, ma mi è venuta rabbia quando il messaggio dice che la MAGGIORANZA degli umani ha venduto l'anima al diavolo, che uccide, ecc. ecc.
Io non mi trovo per nulla d'accordo con questo.
Sono d'accordo che la maggioranza incluso me, sia peccatrice, ma definire assassini e con l’anima venduta al diavolo la maggioranza dell’umanità, no,  non lo accetto.
Giorgio Bongiovanni nelle sue conferenze ha parlato spesso di questi temi  e Gesù, come Dio "ama" per così dire, i peccatori.
Certo so benissimo di quali peccatori parla e non certamente degli assassini o di chi nemmeno si pente di peccati più gravi o minori.
Io voglio solo esprimere il mio pensiero.
Il mio lavoro mi porta sempre in giro per il mondo.
Visito per lavoro. ormai da 15 anni, tantissimi paesi diversi, città diverse, paesini diversi e nonostante sia stato anche in paesi molto pericolosi, posso affermare con esperienza diretta che per me la maggioranza degli uomini non ha venduto l'anima al diavolo.
La maggioranza è buona gente che fa quello che può per sopravvivere per sé stessi, la propria famiglia, per gli amici e anche per chi ha bisogno.
La maggioranza certamente come me è complice di tutto il male che c'è nel mondo perché non stiamo facendo nulla o troppo poco per ribellarci ai potenti assassini, delinquenti e mafiosi che davvero detengono il potere.
Non è giusto secondo me che a causa di una minoranza (mille persone? il 2%?) L'umanità debba soffrire la furia dei 4 moschettieri dell'apocalisse, anche perché quante altre foto di bambini morti potremo vedere dopo questa furia o diluvio?
Non ci sarà nessun fotografo a farle
Quindi nessuna meno male.
Vorrei aggiungere altro ma non voglio poi passare per davvero per un uomo che ha venduto l'anima al diavolo.
Lo scopo di questa mia è di dirvi anche che messaggi così, in relazione ai tanti dati espressi nelle conferenze, mettono un pò in confusione.
Nel senso, ma chi sono davvero gli eletti?
Quanti di noi si salveranno?
E perché?
Qual è il criterio che Dio e Suo figlio useranno per queste domande sopra?
Che confusione.
Un caro saluto a tutti
Antonio
 
RISPOSTA

Caro Antonio,  premesso che ricevo messaggi dalle Potenze Celesti.
Per tua conoscenza Gesù e la  Madonna leggono i cuori degli uomini, di tutti,  nessuno escluso.
Siccome gli abitanti del pianeta Terra sono oltre 7 miliardi, pur  avendo tu girato il mondo non puoi paragonarti al Cielo che ha un quadro dell'umanità a 360°.
Dio non ama gli assassini della vita, ma neanche i tiepidi. E' scritto nell'Apocalisse: 3.15-19 che Lui vomiterà i tiepidi dalla Sua bocca.

Riceviamo da Giovanna
Caro Giorgio,
grazie per ciò che fai e per la forza che trasmetti quando racconti la tua esperienza.
Sto attraversando un momento di enorme smarrimento e di vuoto interiore che non riesco a colmare in nessun modo, ma l'ascoltare le tue parole mi dona conforto e serenità.
Non sto qui a raccontare la mia vita, anche perché sono consapevole che al mondo ci sono tante ingiustizie e sofferenze  che a confronto le mie sono un granello di sabbia...
"Ama il prossimo come te stesso",   ma come si fa ad amare il prossimo quando non ami te stesso?
Ti chiedo, se puoi e soprattutto se vuoi,  di includermi nelle tue preghiere, affinché le delusioni e le prove che debbo affrontare quotidianamente non mi allontanino da Dio.
Con immenso affetto
Giovanna

RISPOSTA

Carissima Giovanna Giorgio ha letto la tua mail e ti abbraccia fraternamente con l'amore del Cristo.
Per amarti devi prendere consapevolezza della tua identità spirituale,  che è eterna.

Riceviamo da Stefano  

Buona giornata dottor Bongiovanni, ultimamente ho rivisto con interesse tramite you tube, tutte le conferenze a cui ha lei ha partecipato. Credo di aver compreso il suo messaggio ma mi rimane un dubbio che le chiedo gentilmente di dissipare.  Premesso che i tempi sono maturi per il ritorno di Gesù Cristo che verrà a giudicarci.  Quando arriverà il momento del giudizio, che ne sarà dei 7 miliardi di persone che abitano il pianeta ? Moriremo tutti ed una piccola parte dell'umanità', circa 5/10 milioni giudicati giusti andranno in paradiso, mentre  per gli altri si apriranno le porte del purgatorio e dell'inferno? Oppure i giusti non moriranno e potranno continuare a vivere sul pianeta in qualche modo rinnovato? Le sarei grato se mi potesse rispondere in maniera che io possa definitivamente comprendere questo aspetto che mi è rimasto oscuro. La ringrazio anticipatamente nel caso trovasse il tempo e la voglia di rispondermi .

Cordiali saluti.  Stefano

RISPOSTA

Caro Stefano,  premesso che la morte è come un cambio d'abito, perchè lo spirito è eterno e si reincarnerà in un nuovo corpo.  Vorrei ricordarti che ogni giorno muoiono migliaia di bambini per fame, guerre e malattie e che la maggioranza degli uomini si sono abituati a questa situazione restando indifferenti e coltivando solo il proprio orticello.

Il Pianeta Terra è destinato a fare il balzo evolutivo verso la quarta dimensione (Paradiso Terrestre) quindi Gesù Cristo, in quanto Essere Patronimico del nostro sistema Solare,  avrà l'autorità di decidere quali anime si sono evolute e di conseguenza saranno  meritevoli di continuare la scuola della vita sul Pianeta Terra,  in una società pacifica.

Riceviamo da Fausto
Caro Giorgio
ti scrivo da Varese.  Ho seguito in questi anni le tue conferenze e conosco il tuo messaggio e la tua esperienza.
Vorrei chiederti un parere su di una questione spirituale che non riesco a collocare.
Ti premetto che la mia esperienza personale di contatto con le Realtà Celesti  l'ho avuta attraverso Giorgio Dibitonto  che tu, credo, conosci bene.
Ma vengo al dunque.
In questi ultimi tempi si fa di una gran parlare di Ascensione e del cambiamento della nostra Realtà.
Ho seguito questi messaggi dei vari contattati  con i Fratelli di Sirio e Pleiadi.  Ma pur sentendo  che questi eventi si stanno effettivamente verificando gradualmente, non riesco a collocare la promessa della Sua Venuta, di Gesù, che noi tutti attendiamo con questo evento di Ascensione.  Difatti il Ritorno di Gesù, come dice la Madonna, prevede la Resurrezione della carne dei viventi come sancito dalle Sacre Scritture, cosa che l'Arcangelo Raffaele e i Fratelli della Luce confermarono a Giorgio Dibitonto negli anni '80.
Come si colloca quindi l'Ascensione che è solo un passaggio dimensionale  Cosmico con l'evento totalmente spirituale del Ritorno del Cristo?
Un abbraccio fraterno in Cristo
Fausto

RISPOSTA

Caro Fausto,  il passaggio dimensionale cosmico sarebbe dovuto avvenire 2000 anni fa, se il popolo scelto da Dio (che avrebbe poi dovuto  trainare l'evoluzione di tutta l'umanità)  non avesse gridato “crocifiggi…crocifiggi” chiedendo la liberazione di Barabba, che è simbolo della materia,   macchiandosi quindi di un gravissimo Karma, il deicidio.

Riceviamo dall’Australia:
Cara Eli,  scusa la banalità della domanda.  Donare un contributo in denaro ad un’associazione di volontariato come  Medici senza Frontiere, o donare il sangue, cosa che facevo in Italia (AVIS) e tutt'ora faccio qui a Melbourne (Croce Rossa),  può considerarsi un'opera?  Voglio intendere un'opera a favore della Vita,  agli occhi del Maestro o dell'Altissimo?
Abbracci

RISPOSTA

Operare a favore della vita implica il dare la faccia.  La carità cristiana è un gesto d'amore altruistico ma non è tutto. Bisogna partire dalle piccole cose: iniziando a livello cittadino, poi nazionale,  fino a quello internazionale.  E’ importante appoggiare uomini giusti, aderire a movimenti pacifici di protesta sui diritti umani e scendere in piazza, sottoscrivere petizioni e risvegliare le coscienze.

LUCA CI SCRIVE:

Salve, volevo fare al  sig. Giorgio Bongiovanni una domanda da porre alla sua guida spirituale chiamata Gesù.  Seguendo la sua  storia, posso dedurre che è illuminato, oltre che fortunato, o non so che.

-Se ognuno di noi siamo figli, di Dio perché  Jeshua si fa vedere solo da Giorgio o da persone che vuole Lui, allora in cosa non esiste l'uguaglianza. Ci saranno sempre differenze tra gli umani?

In attesa del suo riscontro, distinti saluti.

RISPOSTA
Caro Luca, Gesù, dopo la resurrezione non si è mostrato a tutti,  ma solo ai suoi apostoli e discepoli. (vangelo Matteo 28, Luca 24, Giovanni 20 e 21, Matteo 16) perchè Lui è stato rifiutato, quindi continua a dare Segni della Sua presenza e consola solamente coloro che  lo cercano con il cuore e con le opere,   mentre si mostrerà a tutta l'umanità nel giorno del Giudizio finale.
La differenza tra gli umani dipende dalla libera scelta individuale di ogni persona in virtù del libero arbitrio. Oltre a mettere in pratica gli insegnamenti evangelici  che  rendono l’uomo libero dai sentimenti dell'ego e del possesso, è necessario acquisire la virtù del discernimento che permette di  comprendere l'inganno del Male che impera nel mondo per potersi  schierare definitivamente dalla parte del Bene.
La vita terrena è una scuola dove lo spirito impara e apprende e questo è il tempo degli esami per passare alla classe superiore (Nuovo Regno). O si è promossi o si è bocciati. Per i bocciati la scuola dell'evoluzione continuerà su altri pianeti.
Restiamo a disposizione per ulteriori chiarimenti  inviando un saluto di Pace

RISCONTRO DA LUCA:
Molte grazie, per avermi risposto. Anche se avrei molte domande da farle, io sono felice per lei, perché lei non dovrà più cercare la verità,  mentre tante persone come me sono al buio, confusi, ci mettiamo le maschere per far capire che va tutto bene,  ma la realtà e ben diversa e sei costretto a far i conti tutti i giorni con la vita quotidiana. Noi  comuni umani non possiamo consolarci con nulla, solo con le nostre sofferenze,  chi più e chi meno.

Riceviamo il 25 Gennaio 2016

Buongiorno sig. Bongiovanni,  mi scusi il disturbo, da qualche tempo la seguo tramite il suo sito e le sue conferenze, seguo anche Pier Giorgio Caria.
Mi chiamo Kurt, lavoro come operatore socio sanitario in una casa di riposo da venti anni, vedo tutti i giorni la sofferenza nelle persone ricoverate e nei loro familiari, tra l'altro ho mia mamma a casa con me, invalida al 100%; a volte mi sento inutile e impotente di fronte a certe situazioni, vorrei sapere, se c'è vita oltre la vita.. e mi creda, prego tutti i giorni perché il nostro Signore mi dia la forza per andare avanti, ma non le nascondo che a volte mi domando se Dio mi sente. Vorrei chiederle come potrei cercare di capire questa vita, che a volte mi sembra irreale;  mi piacerebbe tanto scambiare quattro chiacchere con il nostro Padre per farmi indicare la strada corretta. So di non essere immune dai peccati, ma credo anche che, nella mia vita, qualche cosa di buono l'ho fatta;  non cerco riconoscenza, vorrei solo avere la forza per andare avanti, o perlomeno capire quale è lo scopo della mia esistenza. Quando è sera le mie forze e le mie energie sono prosciugate, mi sento talmente vuoto che a volte non mi sembra di essere vivo.
Mi scusi ancora se mi sono permesso di scriverle, e spero di cuore di poterla conoscere di persona un giorno. Grazie per quello che fa.
Cordiali saluti.

RISPOSTA
Caro Kurt la vita terrena è una scuola che serve allo spirito a realizzare i valori universali. Purtroppo lo spirito quando risveglia la coscienza, soffre perché si sente prigioniero di una dimensione materiale limitante e soprattutto perché,  essendo il Pianeta Terra diventato un luogo di sofferenza infernale, lo spirito sente la mancanza di amore e giustizia che affratella tutti gli spiriti del Cosmo. Per questo Gesù  dice: lascia che i morti sotterrino i loro morti, tu seguimi...(vangelo Matteo 8,21)

Riceviamo il 5 febbraio 2016
Salve io credo.
Vorrei sapere il significato che ha l’odore di incenso dopo che una persona muore.
 E poi come preparare i miei bimbi 5 e 6 anni ad un’ eventuale Presa degli Angeli che li porteranno in un altra Dimensione finche non ritorneranno sulla Terra. Cerco per ora di iniziare a fargli comprendere come sia formata La nostra Galassia e sensibilizzare un po. Vi ringrazio, cordiali saluti Raffaela

RISPOSTA
Cara Raffaela il profumo di incenso, se ovviamente non ti trovi in Chiesa,  segnala la presenza di un' anima angelica o di un santo. Molte persone hanno testimoniato di aver sentito questo profumo mistico dopo aver conosciuto Padre Pio o  durante un apparizione Mariana. Tutti i profumi gradevoli come l'incenso, la rosa,  il gelsomino ci segnalano la presenza di esseri angelici e divini, mentre i profumi acri e sgradevoli segnalano la presenza di anime immonde, larvali.  
E' quindi un segno di  consolazione per il tuo spirito.
Riguardo ai bambini non devi preoccuparti, perché essendo il bambino un essere puro e avendo la ghiandola pineale aperta (terzo occhio), è ancora cosciente della reale dimensione dello spirito e gli Esseri di luce, la Madre Celeste e Gesù si mostrano e comunicano con loro. Spesso noi non crediamo alle esperienze dei bambini quando raccontano di aver visto esseri invisibili all'occhio umano perchè noi non riusciamo a vedere quello che loro vedono e pensiamo che siano tutto frutto di fantasia. I bambini sono i pargoletti del Signore.
Ti invito alla lettura del messaggio ricevuto da Giorgio nel 2010
http://www.giorgiobongiovanni.it/messaggi-2010/1697-i-vostri-figli-profeteranno.html
Non a caso Gesù, in Matteo cap.18 , ci raccomanda di diventare come i bambini per poter entrare nel regno dei Cieli. Un chiaro invito rivolto a noi adulti a spogliarci di tutto il materialismo egoistico e possessivo  che impediscono alla nostra reale natura, cioè lo spirito, di manifestarsi attraverso il veicolo animico-fisico corporeo.

Riceviamo il 31 gennaio 2016

Ciao Giorgio, mi chiamo Cecilia, ci siamo incontrati all'arca di Porto S. Elpidio lo scorso Natale.  Ieri sera nell’incontro spirituale hai accennato ai cicli di sette anni nella nostra vita, che scandiscono periodi ben precisi. Puoi per favore dirmi qualcosa di più, o indicarmi dove posso trovare queste informazioni?
Grazie infinite per tutto ciò che sei e che fai.
con amore,
Cecilia

RISPOSTA
Cara Cecilia il sette è un numero esoterico molto importante perché è il numero della perfezione evolutiva, è il numero della Creazione  e  deriva  dalla somma dei numeri  4 e 3. Quattro sono le dimensioni evolutive nella materia: minerale, vegetale, animale e umana e tre sono le dimensioni superiori solari, quelle  dei Cherubini, Serafini e Troni.
Sette sono gli arcangeli, sette sono i raggi,  sette sono i chakra, sette i colori dell'arcobaleno e le note musicali, sette sono le apparizioni di Fatima. Dio creò il mondo in sette giorni. Nell'Apocalisse il numero sette è un numero ricorrente (sette sigilli, sette trombe, sette coppe, sette candelabri, sette stelle, sette angeli, sette flagelli…).  Gesù dice  che bisogna perdonare 70 volte 7. Sette sono i vizi capitali e Sette sono le virtù da realizzare. Sette sono i doni dello Spirito santo: sapienza, intelletto, consiglio, fortezza, scienza, pietà e timore di Dio. Sette sono le piaghe d'Egitto, castighi di Dio.
Il sette governa quindi anche i cicli della vita umana. La biologia ci assicura che il nostro organismo rinnova completamente le sue cellule, eccetto quelle del Sistema Nervoso Centrale. Quindi allo scadere di ogni settimo anno il nostro corpo fisico non è più lo stesso.

Lettera ricevuta il 31 gennaio 2016
Ciao Elisabetta vorrei sapere in cosa consiste il tuo lavoro, perché vorrei sapere se i messaggi li leggi e rispondi tu o se li fai vedere a Giorgio.
Questo per me è importante perché io non riesco a ragionare di fronte ai messaggi di cataclismi specialmente io che vivo sulla costa. Secondo me ci vorrebbe anche una proposta per quelli come me che non arrivano a comprendere come posso incitare mio figlio a studiare quando non ci sarà futuro. Io protesto perché con i vostri messaggi e nessuna proposta concreta di come uno si deve comportare mi state togliendo ogni speranza.
Tutto questo perché credo in Giorgio, ma ci vuole anche un pastore come Mosè che portò in salvo il suo popolo. Mi serve una guida  perché mi sono perso.
Spero che, con tutto l'impegno che ci metto a seguirvi,  Giorgio possa leggere questa richiesta di aiuto.
Grazie Enrico

RISPOSTA
Caro Enrico questa è la posta personale di Giorgio Bongiovanni e lui legge tutte le mail che gli arrivano,  ma essendo quotidianamente impegnato a svolgere l'ultima parte della missione che il Cielo gli ha affidato, cioè l'additamento dell'anticristo, Giorgio si avvale della mia collaborazione per rispondere.
Lamenti di essere in confusione ma abbiamo sempre risposto alle tue richieste di chiarimento secondo i canoni evangelici.
Ti abbiamo più volte scritto che i vangeli canonici sono conformi alla parola di Cristo di duemila anni fa. L'interpretazione dottrinale e dogmatica della Chiesa è invece cosa ben diversa.
Lo stesso vale per i messaggi di altri veggenti. Giorgio non avalla ciò che non è conforme al messaggio che lui riceve dalle Potenze Celesti quindi sta a te discernere e scegliere qual' è la verità.

DVD - CD

mensajes_secretos

dvd-lacrima

CD MUSICALI PER SOSTENERE FUNIMA INTERNATIONAL
cd-alea cd-viaje-bg

Siti amici

220X130_mystery

ban3milenio

ILSICOMOROA

ban antimafia

Collaboratori

unpunto_boxdelcielo_box
logofunimanuevo2015crop_box
catania3banner flavio ciucani 125

Libri

ilritorno1 tapa libroGB Giovetti1
cop dererum1 ricagni1
Nuova copertina libro Debora1 books11

libroicontattiuniti139