Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Italiano Español English Português Dutch Српски
santarosa100Di Andrés  Jorge Volpe
Cronaca di un viaggio alla Quebrada del Toro – Provincia di Salta - Argentina

Beati i miti, perché erediteranno la terra.
Beati quelli che hanno fame e sete di giustizia, perché saranno saziati.
Beati i puri di cuore, perché vedranno Dio.
(Matteo 5, 3-12)

Esistono ancora nel nostro mondo dei luoghi dimenticati dal tempo, dimenticati persino da coloro che sono impegnati nella difesa dei diritti umani e lottano per la loro tutela. Questi luoghi custodiscono ancora oggi ciò che l’umanità ha ormai perso: il senso dell’esistenza.

santarosa1Sono regioni dove dimorano le anime rifiutate dalla società, che rimangono nascoste e relegate, e sono molto pochi coloro che cercano di riportarle sotto gli occhi di tutti. Sono esseri che vivono in un ambiente dove l’amore è legge, dove si respira il rispetto e dove i cuori si espandono attraverso l’incontro.
Santa Rosa de Tastil è uno di quei luoghi, sito a poco più di 3.200 metri di altitudine, in pieno territorio di Salta, dove la diversità di colori, le forme e la magnificenza del luogo si fondono con il rigore di un clima estremo.
Recentemente la zona è stata dichiarata dall’Unesco Patrimonio dell’Umanità, rivalorizzando i beni archeologici che si trovano sul posto. Questo ha richiamato turisti da tutto il mondo, avidi di paesaggi e di storia, ma incapaci di vedere la ricchezza spirituale e le estreme necessità dei loro abitanti.

Quando li abbiamo osservati e ci siamo immedesimati per un momento nelle loro vite, mi sono reso conto che noi, più che rappresentare un aiuto per loro, siamo stati uno specchio che, puntato verso di noi, ci ha messo faccia a faccia con le nostre miserie più grandi. Abbiamo capito in pochi istanti del nostro tempo vissuto lì, che non c’è niente di più puro dei sentimenti che esprimono e che ci hanno permesso di sperimentare: fratellanza, umiltà, coscienza, amore, pace, carità e senso di giustizia. In un certo modo loro, quelle anime pure che hanno ricevuto la nostra visita, rappresentano ciò che l’umanità dovrebbe essere, e non è.

santarosa2Un capitolo a parte meritano Ramón Gómez e la sua famiglia, combattenti instancabili, sempre presenti nel ricordo e nella preghiera degli abitanti della valle ed oltre, perché sono loro che, con tutto l’amore, il cuore ed il sacrificio, donano la propria vita per aiutare i loro fratelli del Nord. Insegnamenti semplici, ma difficili da seguire per molti, ci ha lasciato Ramón in questi giorni, insegnamenti racchiusi nella testimonianza di vita che ci ha dato di questi abitanti: “nei miei 13 anni di aiuto in questi luoghi, non ho mai sentito nessuno di loro lamentarsi per la propria situazione o sfortuna”, ci ha detto. Se paragoniamo questo atteggiamento tanto saggio con le nostra insensibili vite di istinti saziati, di tecnologia e divertimento, chiederci “di cosa ci lamentiamo” sarebbe fondamentale, perché, lo voglio ripetere, poiché mi viene una ed un’altra volta: di cosa ci lamentiamo? Quali sono le nostre tristezze? Le nostre vite hanno un senso? Perché sono qui, in questo mondo? Chi sono? Dove sto andando?

santarosa3Quando si entra in contatto con delle vite impossibili da immaginare, tutte le domande riacquistano senso e trovano la loro risposta. Jesús è un giovane di 22 anni che abita nella valle e che non potrà mai essere come qualunque altro giovane nel mondo, avere la prospettiva di un futuro, poter imparare un mestiere, avere amicizie, una fidanzata, progetti ed altre cose ancora che ci sembrano tanto importanti, senza avere la consapevolezza di cosa realmente sia utile per il nostro spirito.
Jesús ha scelto di venire in questo mondo ad offrire la sua testimonianza ed il suo servizio, affinché noi possiamo capire ciò che conta davvero; Come si può concepire che un giovane come Jesús stia, come di fatto è, confinato in un letto, con appena un fascio di luce che filtra da una piccola finestra nella sua stanza, una madre anziana costretta a lavorare tutto il giorno ed a lasciarlo quasi sempre da solo.

Ciò che sembra impossibile è che qualcuno possa vivere in tali condizioni per più di 20 anni senza che nessuno provi pietà per la sua condizione, solo Ramón è presente da circa un anno e sta costruendo una piccola dimora più comoda per questo angelo in servizio in questo pianeta, che oggi illumina con la sua luce le nostre coscienze. O il caso di Franco, che a soli 14 anni soffre di una malattia degenerativa dei suoi muscoli. Il suo passaggio in questo mondo sarà breve, ma indelebile e lascerà il suo segno. La sua mamma, anima nobile e sofferta, ha una forza poco comune e percorre ogni giorno i sentieri in pietra della valle portando suo figlio su una sedia a rotella, senza mai manifestare il minimo gesto di rassegnazione o infelicità.

santarosa4Abbiamo percorso molti chilometri, vissuto molte testimonianze di vita e, nell’immensità della montagna, molto lontano da qualunque accenno di civiltà, mi è sorta spontanea una domanda: se ci succede qualcosa da queste parti, chi ci salva? Chi avrà cura di noi? Di conseguenza mi sono chiesto: chi si occupa di loro? La risposta sorge spontanea: Dio ha cura di loro, attraverso alcuni pochi umili e giusti che portano un po’ di speranza nelle loro mani e nelle mani di coloro che desiderano un mondo migliore.
Ringrazio i miei compagni di viaggio che si sono impegnati con tutta l’anima affinché la nostra testimonianza giungesse a tutti, persino al cuore più duro che abbiamo incontrato ed a coloro che rivestono un ruolo di primo piano in questo piccolo angolo dell’esistenza.
Prendiamo coscienza una volta per tutte che gli artefici della bontà nel mondo possiamo essere noi, prendiamo coscienza della realtà con la R maiuscola e non della nostra realtà, sappiamo che non abbiamo bisogno di guardare molto lontano, sappiamo che, come gridano i versetti di Armando Tejada Gómez:

Loro hanno dimenticato
che c’è un bambino nella strada,
che ci sono milioni di bambini
che vivono in strada
e una moltitudine di bambini
che cresce in strada.
In questo preciso istante
c’è un bambino che cresce.
Io lo guardo stringere il suo piccolo cuore,
guardando  tutti con i suoi occhi da favola,
viene, si avvicina all’uomo che accumula cose,
un fulmine spezzato attraversa i suoi occhi,
perché nessuno protegge questa vita che cresce
e l’amore si è perso,
come un bambino per strada…
 
 
Andrés  Jorge Volpe
Arca Lily Mariposa
Rosario - Santa Fe - Argentina
31 Agosto 2015
sintecho100Di Diego Grachot

Ho tante cose da raccontare di quella notte, che non so da dove cominciare. Inizierei proprio raccontando com’è nata l’idea di scrivere, poiché sono una persona a cui non riesce facile farlo. Ero seduto in una delle panchine di piazza Cagancha la sera del 14 agosto, vicino al fratello Ricardo, sotto la pioggia, riparati sotto lo stesso ombrello, quando i miei occhi si sono riempiti di lacrime semplicemente osservando quel poco che riuscivo a vedere dal punto dove mi trovavo. Vedevo passare uomini, donne e giovani, macchine di lusso, carrozze con cavalli, etc. Non è necessario essere un grande scrittore per descrivere e trascrivere in un libro tutto ciò che è accaduto in quel luogo. In quel momento si è avvicinata mia madre e le ho raccontato ciò che stavo pensando e a quel punto lei, guardandomi negli occhi col suo tenero sorriso, mi ha detto: "Provaci, non è necessario scrivere un libro, ma puoi scrivere quello che stai sentendo questa notte". Pochi secondi dopo che lei si era voltata, mi sono emozionato solo guardandola. Mi è tornato in mente di nuovo il pensiero di scrivere un libro, ma questa volta su di lei. Non era impossibile, perché l'ho vista fare molte cose. Era ammirabile vederla lì sotto la pioggia, morta di freddo e tutta bagnata, perché è una persona che non sopporta il freddo: non è strano vederla addirittura con il giubbotto in pieno febbraio. Aveva un ombrello ma era piccolo, non la copriva bene, ma sembrava non badarci. Ripararsi dalla pioggia era secondario, bastava solo guardarla per rendersi conto che era felice di essere lì, triste per la causa, ma felice di essere lì ad appoggiarla.  

La nostra iniziativa non nasce il 14, bensì il 4 agosto, quando Erika ci ha consegnato il volantino che annunciava l'attività, affinché la diffondessimo. Io, molto ben predisposto, ho cominciato ad inviarlo via Whatsapp a diversi gruppi di "amici" perché mi appoggiassero. La sorpresa non è stata che non lo abbiano fatto, bensì i commenti al riguardo, come ad esempio, "la gente che vive in strada è perché lo vuole o perché non ha studiato, o non lavora né ha cercato lavoro, ed inoltre molti sono drogati e/o alcolizzati e per questo motivo si trovano in questa situazione". Un altro "amico" che frequenta la chiesa mi ha detto: "se non ho altro di importante da fare, ti accompagno", - non è venuto -. Devo ammettere che all'inizio ero un po’ pessimista, cioè, cosa potevo aspettarmi dalle persone là "fuori" quando i miei stessi amici e familiari mi voltavano la faccia? Non importa! Rispondevo subito a me stesso, non importa se saremo gli stessi pochi "pazzi" di sempre, perché alla fine quei "pazzi", sono "pazzi" giusti. Pazzi per questa società, perché è pazzo per questa società credere che esista la giustizia e perché questi pazzi sono la minoranza, ma minoranza in questo mondo, poiché fuori da esso, è pieno di "pazzi" giusti, e per loro siamo noi, gli umani, i pazzi. Auguriamoci che un giorno, questa Terra sarà piena di questi pazzi, pazzi per l'amore e la giustizia!  

La notte del 14 agosto, sono sceso dall'autobus ed ho iniziato a percorrere la via 18 de Julio verso Piazza Cagancha, ed arrivato al punto d’incontro mi sono imbattuto in un’enorme mobilitazione per Liber Acer (martire studentesco assassinato in Uruguay il 14 agosto del 1968). Mentre marciavano, cantavano canzoni contro lo Stato e l'educazione attuale, e questo mi incoraggiava ancora di più nella nostra battaglia. Nel luogo del nostro appuntamento c'erano due banner, uno di Antimafia ed un altro di Un Punto en el Infinito, ed un cartello molto bello con scritto “Senza Giustizia non c’è felicità sociale". Appese ad una corda c’erano numerose foto di persone che vivono in strada scattate da Erika, dopo un pomeriggio trascorso insieme a loro.   

Stavano ormai passando le ultime persone della manifestazione per Liber Acer quando un giovane dal brutto aspetto è passato di fronte a noi vendendo marijuana. Ci ha guardato e ce l’ha offerta diverse volte, si è avvicinato a Daniel, che lo guardava già con l’espressione di "Rambo" e gli ha chiesto: "Cos’è questo"? Indicando le foto. E Dani gli ha spiegato: "Sono foto di persone che vivono in strada. Oggi noi rimarremo a dormire qui per loro". Il ragazzo, dopo aver osservato le foto ancora qualche secondo, ha detto: "Ah, come me,…grazie”.

Loreley distribuiva volantini, non poteva essere diversamente, con tutte le informazione inerenti all’attività che proponevamo. Le ho chiesto del materiale da distribuire anche io per imitarla, compito non facile, poiché lei ha un aspetto combattivo e con il suo sguardo trasmette molto senso di rispetto. Ho distribuito tutti i volantini possibili a tutte le persone che sono passate, e mi hanno consigliato di lasciare gli ultimi per le persone interessate a partecipare alla manifestazione. Nel timore che la pioggia bagnasse quelli rimasti li ho coperti con una borsa. Inizialmente pregavo che non piovesse, ma poi ho compreso ed ho ringraziato per la pioggia. Ho sentito che il Padre ci stava accompagnando con il suo pianto, era vicino a noi e allo stesso tempo ci insegnava molto. Il Padre ci ammoniva, come faceva Giorgio quando ero piccolo, ma era un rimprovero carico d’amore, uno schiaffo che non era tale, bensì una carezza, che con sguardo fermo e poche parole, mi metteva al mio posto.

Questo ha significato per me la pioggia in quel momento, un insegnamento. Il Padre, tra le altre cose, ci ha dimostrato che era falso dire che la gente che vive in strada lo fa perché lo vuole, ci ha fatto vivere sulla nostra pelle ciò che prova chi vive per strada, ma lo ha fatto semplicemente con una "carezza”. Grazie Padre!  

Chi diceva che sarebbe stata una notte noiosa? Chi aveva detto che rimanere sotto  la pioggia tutta la notte protestando contro la nostra società sarebbe stato noioso? Grazie ai ricchi panzerotti di Monica, l’armonia e le brutte barzellette di Paco, la luce della ragazza italiana che più tardi sarebbe arrivata accompagnando un ragazzo del partito umanista che si è aggregato alla nostra causa, ed ognuno dei discorsi tenuti con ognuno dei fratelli ha arricchito sempre di più questa notte di allegrezza spirituale.  

Erano sempre di più le persone che si avvicinavano a prendere i volantini, grazie a questo compito ho avuto la possibilità di conoscere molte persone, ognuno aveva qualcosa di nuovo da trasmettere. Come ad esempio una donna che non superava i quaranta anni, che quando le ho raccontato di cosa trattava la manifestazione, non ha fatto altro che ringraziarci, perché anche lei viveva in strada. Più tardi è passata di lì un’anziana signora che con molta rabbia ed indignazione criticava il governo di Pepe Mujica e Frente Amplio. Mentre andava via, tra una battuta e l’altra, ha detto a Domingo che aveva trovato la sua anima gemella…  

Ma la parte migliore è stata quando si è avvicinato un giovane signore, di circa trentacinque anni. Ha prestato molta attenzione alle foto appese. Mi sono avvicinato a lui e gli ho dato un volantino. Abbiamo iniziato a chiacchierare. Mi ha detto che le foto erano molto interessanti e che gli sarebbero piaciute per un documentario che stava realizzando. Più tardi sono venuto a sapere che si trattava di una persona che in passato aveva avuto problemi di tossicodipendenza ed aveva vissuto in strada per un periodo, pertanto era molto grato per quello che stavamo facendo. Ora era in via di recupero, abitava in una pensione e suonava musica negli autobus. Ha commentato che gli piacevano le cose spontanee e che se io avessi voluto ci avrebbe accompagnato con un po' di musica. Idea affascinante!  

Ha preso la chitarra che portava appesa alla spalla… Proprio in quel momento si sono avvicinati un suo collega ed un suo amico, apparsi come per magia - dico questo perché non li ho visti arrivare - che studiano nella Scuola di Musica dell'Uruguay - entrambi avevano la chitarra – ed hanno apprezzato molto le motivazioni per le quali eravamo lì.

Da lì è nata una breve chiacchierata amichevole tra noi quattro, anzi cinque, perché un altro giovane si è unito a noi - un giovane attore del Teatro Circular – ed hanno proposto la bella idea di suonare insieme…

Ho chiamato Erika e tutti i fratelli per farli ascoltare, sentivo che sarebbe stata una cosa molto carina, almeno per me, perché mi piace molto l'arte. E così è stato, tre grandi artisti erano sul posto. Il primo ragazzo - lo chiamo così, perché purtroppo non ricordo il suo nome - quello che aveva vissuto in strada, ha suonato canzoni molto commoventi e potenti, alcune esprimevano quello che lui stesso aveva vissuto. E gli altri due hanno suonato dei pezzi strumentali e cantato canzoni di Silvio Rodríguez tra le altre e, ad un certo punto, hanno improvvisato un pezzo tutti e tre insieme. Hanno realmente commosso e dilettato tutti noi che eravamo lì, bastava solo guardarci negli occhi per rendersene conto.   

In quel momento due cose mi sono passate per la testa, la prima un senso di profonda tenerezza nel vedere gli occhi di mia madre brillare, e poi la gratitudine che sentivo per l'insegnamento ricevuto quella sera. Non sarei mai più potuto stare male, né tanto meno avere paura di essere solo, perché i miei amici non mi appoggiano, ma sarei stato molto più tranquillo nella certezza che se facciamo il bene è la vita stessa ad occuparsi di porre le persone giuste nel nostro cammino.   

Dopo la performance, due dei ragazzi sono andati via, mentre l'altro ragazzo e l'attore sono rimasti a condividere gran parte della notte come fossero dei nostri.  

E’ trascorsa così la notte del 14 agosto, una notte che ha lasciato molte emozioni, ma soprattutto molti insegnamenti. Una notte in cui i protagonisti non siamo stati noi, bensì ognuna delle persone che sono passate da lì e che sono rimaste a condividere, lasciando qualcosa di sé stessi. Come ad esempio una nicaraguense transessuale che custodisce le automobili in Uruguay, o un altro ragazzo venditore di caramelle negli autobus che ha parlato con Domingo, Paco ed Erika in tono disperato. Non ricordo cosa diceva, perché ero lontano da lui. Ed altri ancora che non ho avuto la fortuna di ascoltare, ma tutti avevano qualcosa in comune, la familiarità con la strada ed il grido di giustizia nei loro cuori.  

Diego Grachot.  

Montevideo, 25 agosto 2015.

sintecho1aUna notte con loro, sì, “loro” come tanti li vedono. Per me sono i nostri fratelli abbandonati dalla società. Esseri che si stanno spegnendo, anche a causa nostra. Ma questi esseri hanno dentro l’essenza di nostro Padre.
La notte del 15 agosto è iniziata la nostra protesta sociale a sostegno delle persone abbandonate per le strade.

rosariopier100

Video Conferenza di Pier Giorgio Caria nella città di Rosario

Di Emilia Cardoso


"Tu facesti i cieli,  
 la parte più alta del cielo e tutto il suo esercito,  
la terra e quanto contiene,  
i mari e tutto ciò che contengono.  
A tutto questo dai vita,  
e l'esercito del cielo si inchina dinnanzi a te."  
Nehemías 9.7

Potrei trascorrere ore contemplando lo spazio, sono molti i sentimenti che suscita in me osservare queste favolose immagini. In certi momenti sento persino timore nel distinguere dei disegni enormi, esplosioni di colori in mezzo all'oscurità e all’apparente silenzio, avvolti in un mistero che sembra eterno. 

atlantidapening100di Marco Marsili

Il giorno 22 agosto 2015 si è svolto nella città di Gubbio il Seminario “KARMA, REINCARNAZIONE e LEGGE COSMICA”, a cura di Pier Giorgio Caria. Circa quaranta persone hanno ascoltato per oltre quattro ore i discorsi del Ricercatore con grande attenzione ed entusiasmo, intervenendo a più riprese nel corso dell’incontro, ponendo interessanti domande ed emozionandosi alle impeccabili risposte.

rosarioramon100Di Patricio César Alod
Così come gli ultimi anni, il 2015 è iniziato in modo violento e frenetico, con guerre sparse in tutto il mondo ed una crisi economica che, come tutte le crisi, colpisce sempre più duramente quelli che hanno di meno.
Nel contrasto tra l’opulenza di alcuni e la disperazione provocata dalla fame di molti altri, gli anni passano e senza renderci conto ci avviciniamo sempre più alla fine della nostra civiltà, accecata dalla sua avidità e sete di sangue. Un’umanità perduta, che lascia morire i suoi figli, segnando così il suo fatale destino.

madonina100-2Di Francesca Panfili

Abbiamo ricevuto infinite immagini questo 15 e 16 agosto. Sono state impresse nelle nostre anime grandi iniziazioni. Siamo stati benedetti e battezzati dall'acqua della vita che è caduta copiosa sul corpo di un Uomo che porta i Segni di Cristo e che con il suo amore e il suo verbo redime e chiama anime assetate di Grazia ed Insegnamento, anime che spesso sono disadattate e pazze agli occhi di un mondo perverso e infame. La potenza degli Spiriti Elementali si è inchinata alla sua preghiera d'amore.

Acqua,  luce, un lungo dialogo innamorato ed estatico con la Madre Celeste, hanno fermato il tempo. Il mio cuore è ancora li mentre la mia anima cerca di metabolizzare questi istanti di rara leggiadria e grazia che il Padre ci ha donato.

Sorella acqua smette di scorrere sul volto di quest'Uomo, di quest'Essere la cui patria è il cosmo, la cui musica è rappresentata dall'armonia delle sfere che danzano negli spazi immensi dell’universo.

Il miracolo si ripete. Nella mia mente immagini di un antico battesimo, un battesimo di ravvedimento per il perdono dei  peccati (Luca 3:3), un’iniziazione per i nostri spiriti bambini. Immagini che mi fanno rivivere la grande pioggia a Fatima prima dell'apparizione della Madre Santissima.

Quando sei accanto a Lui ti accorgi che tutto diviene possibile. Le nostre miserie vengono sublimate dal Suo sguardo che come un raggio luminosissimo purifica i nostri spiriti e ci esorcizza. Anche a  questo si assiste quando si è in Sua presenza.  
Mentre di sottofondo la musica composta da Paramhansa Yogananda scandisce questi attimi di eternità,  nuove immagini si appalesano ai miei occhi. In quel momento vorrei danzare per rendere gloria a Cristo in un’estasi di contemplazione divina. In quel momento mi rendo conto che non potrei essere altrove.
Cristo ci ha chiamati! Fratelli, Cristo ci ha chiamati!

Non posso crederci. Non mi sento degna di questa chiamata. Eppure se sono li significa che Lui mi ha pensata. Almeno una volta Lui mi ha pensata e questo gioia basterebbe per essere felice in eterno!

Il pensare di poter essere nei pensieri del Maestro Cosmico mi emoziona tanto.

Ho speranza di rivederTi, o Signore. Ho speranza, se Tu mi pensi e mi attenzioni con il Tuo dolce amore. Questo mi spinge a vivere ancora in questo mondo di zombie e assassini, a volerti servire meglio offrendoTi tutta me stessa.

Dopo poco un altro simbolo emerge di fronte a noi.  Sono i bambini. Sono i bambini dimenticati dal mondo, i piccoli pezzi del cuore di Cristo che girovagano per le strade infernali di metropoli affamate di sangue e di morte. Sono i nostri bambini di Asunción, i piccoli angeli già uomini e donne dagli occhi intensi che ti levano il fiato. I piccoli amori del mio cuore che non potrò mai scordare. I Cristi del terzo millennio affamati d'amore e di attenzione che ti sorprendono con le loro mosse e il loro modo di arrangiarsi e lottare per sopravvivere. Questi bambini e giovani che cerchiamo di aiutare e sostenere per aiutare e sostenere noi stessi dal peso di un'esistenza che deve comunque proseguire in un sistema degenerato come il nostro. Aiutare loro è aiutare noi stessi perché loro è il Regno di Dio. Toccarli e andare nei loro luoghi di disperazione ed inferno è ricevere la benedizione di Cristo che ci parla di Se Stesso quando li abbracciamo. Non si tratta di perbenismo, non si tratta di lavarsi la coscienza per sentirsi più leggeri prima di andare a dormire ed affrontare un’altra notte. Si tratta di comprendere che veramente ciò che pensiamo di fare per loro è ciò che in realtà stiamo facendo per noi stessi.  

Penso al mio ego ingombrante con il quale mi ritrovo a combattere quotidianamente. Penso che a volte sarebbe più facile spegnere la mente e lasciare che il cuore respiri. Mio Dio, ti prego, rimuovi i veli che opprimono il mio cuore e concedimi di trasformare ogni emozione in intuizione ed azione a favore del disegno che hai preparato per il mio spirito. Aiutami a vivere in quella libertà che ci insegnano gli ultimi del mondo ma i primi nel Regno dei Cieli, la libertà di chi non possiede nulla nella materia ma possiede grandi gioielli e doni nello spirito.

La comunione delle anime sta nello spezzare il pane della vita con i fratelli e con tutti gli esseri che amano cibarsi del Tuo sangue e del Tuo corpo.

Mi interrogo su come vivono i nostri fratelli del cosmo. Quanto amore regna nei loro pianeti, qual è lo spirito che guida i loro viaggi interstellari e quanto deve essere emozionante poter viaggiare nel cosmo per conoscere nuovi mondi, per solcare i lidi più reconditi dello spazio, per osservare colori maestosi, albe, tramonti, differenti scorrere del tempo,  profumi indescrivibili e curiosi aromi, il crescere di una natura diversa da quella che potrei immaginare. Chissà come deve essere fare la conoscenza con i Signori dal Dolcissimo Sguardo, con questi Saggi che operano secondo valori e regole posti in essere da Intelligenze Superiori. E chissà come deve essere per loro percepire la Cristica Coscienza senza filtri ne barriere, senza immagini ne strumenti. Vivere costantemente la natura trascendente ed immanente di Dio che diviene manifestazione continua, forza genitrice che si espande sotto gli occhi e dentro alle menti e ai cuori di questi esseri speciali. Come deve essere per loro sentire Dio? Per loro che lo vivono e lo hanno realizzato pienamente nel cuore…

Quanto vorrei stringere loro la mano. Quanto vorrei abbracciarli ed essere accarezzata dalla loro saggezza, dalla loro potenza trasmessa da un sorriso colmo di maestà spirituale, in piena sintonia con il Tutto. Quante paure e debolezze mi rendo conto di avere e quanta fatica si fa ad abbandonare il vecchio io per divenire una donna nuova con le caratteristiche e le prerogative per appartenere alla Confederazione Interstellare e per collaborare con questi Esseri Superiori.

Quando ti trovi ad essere testimone attivo dello straordinario e dell'Eterno anche il soffio d'ali di una farfalla che  ti si posa su una mano assume un senso da ricercare e un insegnamento da apprendere. Il miracolo e lo straordinario vengono vissuti con naturalezza e sobrietà da esseri speciali come Giorgio. La natura di Dio ci viene rivelata con l'Antico Ardore che ci ha portati alla ricerca del Padre in ogni sua sacra manifestazione.

La perfezione di Dio sta nell'imperfezione legata alla libertà che ha concesso all'uomo. Noi piccoli bambini della Scienza dello Spirito, perennemente alla ricerca della perfezione, dobbiamo comprendere che la natura divina non può essere ascritta alle categorie dell'umano sentire. Il Padre fa esperienza attraverso di noi, esseri creati, creature generate dalla Mente Onnicreante che ci permette di sperimentare ed evolvere, continuando in questo movimento ascendente e verticale che si sustanzia nello stesso tempo anche orizzontalmente nella vita materiale attraverso le nostre azioni.

Padre fammi comprendere e realizzare le Verità che ci hai dato di conoscere.

Cosi come il sole illumina ogni creatura sulla terra, giusti ed ingiusti, amanti della vita ed amanti della morte,  così l'amore di Cristo e la Redenzione vengono offerti ad ogni uomo perché prima ancora di essere creati siamo già stati pensanti dalla Mente Genitrice. Così l'uomo che ha in sé questi cosmici valori può scegliere se resuscitare dal torpore dal materialismo e dalla morte dello spirito.  E quando un grande peccatore decide di farsi illuminare dalla Luce di Cristo l'alba del Nuovo Regno sembra percepirsi all'orizzonte.

Quando l'uomo comprenderà di essere stato creato dal Santo Spirito, dall'Eternamente Presente e Sempre Manifesto, l'essere umano potrà finalmente sublimare la sua essenza senza anteporsi a Colui che era, che è e  che sarà. Potrà finalmente comprendere il suo ruolo, capire che la sua meta è il Padre e che anche quando diverrà un essere in grado di generare mondi e dimensioni, il suo spirito e le sue azioni saranno sempre sottoposte alle Leggi del creato e del Tutto. Questa è l'intima natura del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo che ci è stato concesso per ora di conoscere.

A noi ora realizzare tutto questo, coglierne l’essenza e le sfumature; ai nostri cuori ora reggere un simil giubilo di armonia e di libertà; ai nostri spiriti comprendere e realizzare il mistero della vita che a poco a poco ci viene insegnato e rivelato.

Che questo tempo di rivelazione a noi , anime alla ricerca della Verità Una e del Cristico Amore che rappresenta questa Verità, ci sia fecondo, ricco di attuazione e di coscienti illuminazioni che possano penetrarci dentro, plasmare la nostra umana personalità e permanere sempre come bagaglio di un lungo viaggio verso la via del ritorno a Dio.  Da Lui veniamo a Lui ritorneremo e così in Eterno nell’ascendere ancora verso mete per ora inimmaginabili e dinamismi superiori. Che questa strada sia ricca di intuizioni, di testimonianza,  di profondità interiore, di manifestazioni e segni che ci guidino nell’ascesa.

A tratti mi pare di percepire questo tempo cosmico, forse un secondo del tempo di Dio, forse un solo istante del Suo pensiero e nello stesso tempo un'eternità per noi che ancora non abbiamo coscienza di questo viaggio,  di questo movimento dal Padre al Padre, dal Tutto al Tutto nel Tutto, dei sentimenti di Dio che si distinguono da quelli degli uomini pur essendo quelli umani un Suo nutrimento evolutivo.  

Che questa nostra esperienza in questa vita e dimensione momentanea sia fruttuosa, cari fratelli,  che sia ricca di coscienza e conoscenza.

Questo allontanarsi dall'Amato per poi ritornare a Lui cercando di non perdere mai il brivido dell'innamoramento e la passione degli amanti, è come un onda del mare. Vorrei imprimere dentro di me questo suono come quando si ascolta una conchiglia affinché io possa sempre ricordare da dove vengo  e dove andrò, tenere nel cuore il movimento del Tutto e lo scandire del Suo tempo.

Grazie Madre Santissima per il Segno dei Segni che cammina per le vie del mondo e ci guida con il suo amore, il suo coraggio e la sua saggezza permettendoci di comprendere che Cristo è qui in mezzo a noi, che il Verbo è Vita, la Sua Vita che si manifesta a noi, che Cristo sta per tornare e noi dobbiamo cercare di preparare il Suo Ritorno sulla terra, rimanendo sempre desti e pronti.

Grazie Madre Santissima per avermi fatto incontrare Giorgio,  per aver esaudito le preghiere che facevo da bambina quando ti chiedevo di voler conoscere l'amore di Gesù mentre di notte i miei dormivano e io avevo paura del buio,  del buio dell'anima e ti chiedevo aiuto.

Grazie Giorgio perché ci hai detto che tra noi e i nostri fratelli del cielo che tanto amo, ciò che ci unisce è l'amore,  il sentimento che ci accomuna e che ci permette di comprendere un pò della loro vita straordinaria e del loro servizio. Evolviamo per amore e grazie all'amore che doniamo. Ogni azione d'amore di cui siamo testimoni è un tassello in più verso la nostra evoluzione.  L'evoluzione del fratello è la nostra evoluzione.  Ogni dono del fratello è un dono di tutti perché questo significa essere una famiglia cosmica.

Ave Maria purissima

Francesca

16 agosto 2015

gesuweb
 Caro Giorgio,
ci hai accolto nella tua casa nel modo migliore che potevi, hai fatto il possibile per rendere realizzabile un viaggio, un'esperienza di cui ognuno ne farà tesoro.
Se siamo qui con te è solo merito tuo.
In tutto quel che facciamo c'è una tua idea dietro e un tuo contributo perchè ogni sogno che abbiamo, tu aiuti a realizzarlo.
Tu sei la perla nel nostro fondale, sei una luce nelle tenebre e sei il nostro portatore di voce dei messaggi dal Cielo alla Terra.

Matias-Guffanti100Di Matías Guffanti
Siamo colpevoli. Mi fa male, grido e piango, ma in fondo capisco che siamo sempre stati  colpevoli. Forse ci piace questo mondo di miseria e dolore? Perché lo facciamo? Perché lo accettiamo? Per paura? Per vigliaccheria? O per indifferenza?   

Noi abbiamo fatto questo. Abbiamo strappato la vita e l'amore da questo mondo innestando la morte e l'inganno. Noi, che diciamo di volere che le cose cambino, ma non facciamo niente, noi che diciamo che di questo passo tutto peggiorerà e, nonostante tutto, andiamo avanti come se niente fosse, siamo ipocriti e colpevoli della morte di ognuno di quei bambini che hanno gridato di dolore fin quando i loro piccoli cuori hanno smesso di battere, siamo ipocriti e colpevoli del sangue versato dai martiri che hanno sentito l’ardere della morte, di fronte alla nostra diabolica indifferenza. E anche se non ci piace sentirlo io non sto esagerando, so che noi siamo colpevoli.  

DVD - CD

mensajes_secretos

dvd-lacrima

CD MUSICALI PER SOSTENERE FUNIMA INTERNATIONAL
cd-alea cd-viaje-bg

Siti amici

220X130_mystery

ban3milenio

ILSICOMOROA

Collaboratori

unpunto_boxdelcielo_box
logofunimanuevo2015crop_box
catania3banner flavio ciucani 125

Libri

ilritorno1 tapa libroGB Giovetti1
cop dererum1books11
  libroicontattiuniti139copertina italiano140