Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Italiano Español English Português Dutch Српски
1andres100DIALOGO CON I GIOVANI DELLE SCUOLE ARGENTINE
Di Andrés  Volpe
“L’educazione civilizza e sviluppa la morale dei popoli.
Le scuole sono la base della civiltà.
Uomo, popolo, Nazione, Stato, tutto: tutto si trova negli umili banchi di scuola”

La citazione è di Domingo Faustino Sarmiento, presidente della Repubblica Argentina (1868-1874) e precursore dell’Istruzione nel paese.

Già allora lui aveva capito l’importanza delle discussioni che si generano nelle aule ed i valori messi in gioco. Sarmiento è stato anche fondatore dello storico Istituto San Carlos della città di San Lorenzo, dove martedì scorso, 6 settembre, ci siamo dati appuntamento per parlare dei pericoli dell’energia nucleare. E parlo al plurale perché, nonostante viaggiassi da solo, portavo con me l’impegno, le energie e la predisposizione dei miei fratelli nel portare avanti questo progetto che oggi sta già dando i suoi frutti, un progetto che va oltre a dei meri dati tracciati su una lavagna, ma è focalizzato su una realtà di cui molti giovani del nostro paese non hanno idea. Ignorano la reale dimensione dei pericoli racchiusi nell’energia nucleare.

1andres

La conoscenza di questa realtà può risvegliare le coscienze ad una lotta necessaria per la libertà del pianeta e della nostra società. Lotta che, sebbene può essere feroce ed impari, può anche trasformare ogni giovane in un punto di luce in questa oscurità paradossalmente carica di energia. Perché l’energia nucleare è il fattore emergente più rappresentativo degli anti valori che l’uomo manifesta giorno per giorno e che si moltiplicano sempre di più.

Oltre 3 ore di dialogo insieme a circa 60 giovani di età compressa tra i 15 e i 18 anni. Giovani che presto si affacceranno al mondo del lavoro e che dovranno necessariamente entrare in questa macchina mostruosa chiamata società, che indottrina le coscienze, le rende sterili. Espressioni di stupore, di dubbio, mani alzate, sete di comprendere di più su questo scenario che colpisce il cuore della Madre Terra e che minaccia di far scomparire gli uomini dalla faccia del pianeta, se non il pianeta stesso. Dati che molti ignoravano, non sapevano che esistessero, o pensavano fossero immaginari come molte delle cose che circolano nei mass media, dove la verità e la menzogna si mescolano e ci confondono.
Confesso di essere rimasto sorpreso dall’attenzione posta da questi giovani, come se mai prima d’ora si fossero trovati ad ascoltare una simile lezione, e ancor di più dal fatto che il direttore dell’Istituto ci ha manifestato di non conoscere il tema dell’energia nucleare così nel dettaglio e nelle conseguenze del suo utilizzo. Questo atteggiamento da parte degli alunni e professori mi ha dato la misura di quanto siamo estranei a ciò che ci accade intorno.

1andres3
Il saggio indù Krishnamurti, di fronte ad una situazione simile, disse ad un gruppo di giovani alunni: “Se guardate attentamente vedrete che in tutto il  mondo vi è una spaventosa distruzione e sofferenza umana. Potete leggere riguardo le guerre nella storia, ma non conoscete la loro realtà, in che modo le città vengono completamente distrutte, come la bomba ad idrogeno, lanciata su un’isola, provoca la completa distruzione della stessa, come le navi vengono bombardate e svaniscono nel nulla. C’è una distruzione spaventosa a causa del cosiddetto progresso; ed è in questo mondo che voi crescerete. Potrete vivere bene, essere felici mentre siete giovani; ma quando diventerete adulti, a meno che stiate molto vigili, attenti ai vostri pensieri, sentimenti, perpetuerete questo mondo di battaglie, di spietate ambizioni, un mondo dove ognuno compete con l’altro, dove c’è miseria, inerzia, sovrappopolazione e malattie”.

È questo il punto, dare un taglio a questo ciclo di odio e distruzione che si perpetua nel tempo. Mi sento grato nel vedere che dopo il lavoro di questi ultimi mesi nel nostro progetto, alcuni ragazzi si avvicinano a fine incontro per chiedere come poter approfondire il tema, dove trovare materiale informativo ed audiovisivo, ed anche la possibilità di organizzare un nuovo incontro.

Ho lasciato quindi l’aula con un sentimento di felicità per aver contribuito, seppure in piccola parte, a dialogare con i futuri soldati della pace per una nuova era, perché la lotta è appena iniziata.

Con profondo amore

Andrés  Volpe

Arca Lily Mariposa

Rosario, Santa Fe, Argentina

11 settembre 2016

DVD - CD

mensajes_secretos

dvd-lacrima

CD MUSICALI PER SOSTENERE FUNIMA INTERNATIONAL
cd-alea cd-viaje-bg

Siti amici

220X130_mystery

ban3milenio

ILSICOMOROA

Collaboratori

unpunto_boxdelcielo_box
logofunimanuevo2015crop_box
catania3banner flavio ciucani 125

Libri

ilritorno1 tapa libroGB Giovetti1
cop dererum1books11
  libroicontattiuniti139copertina italiano140