Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Karim El Sadi 100Di  Karim El Sadi
Una nuova moda diabolica si sta divulgando a chiazza d'olio sui social. Un gioco, più precisamente, che nasce in Russia e coinvolge in particolare i ragazzini che vanno dai 9 ai 17 anni. Questo gioco si chiama "Blue whale", tradotto la "La Balena Blue". Dal nome sembrerebbe un gioco innocente ma non è affatto così. Blue whale si ispira all'inspiegabile comportamento delle balene Blue le quali si spingono verso riva per poi trovare la morte. In poche parole Blue whale è un gioco che induce mano a mano il ragazzino/a al suicidio. E funziona in questo modo:

Blue whale  si sviluppa in 50 giorni dove un tutor o come si fa chiamare "curatore" guida il giocatore a compiere delle azioni macabre-sataniche che la vittima dovrà sempre documentare con foto o video da mandare su FaceTime al curatore stesso. Queste azioni vanno dal tagliarsi la pelle con lamette, ad ascoltare musica triste fino alla visione di film horror o addirittura guardare video (che il curatore invierà al giocatore) di suicidi o omicidi. Ogni giorno è prevista una challenge diversa che il curatore detterà alla vittima sui social. Tutto questo fino al 50esimo giorno quando il giocatore dovrà suicidarsi buttandosi dal tetto di un palazzo che il curatore ha scelto appositamente per lui. Ma non finisce qui, la cosa ancora più macabra e che il suicidio dovrà essere filmato, quindi qualcuno dovrà impugnare un telefonino e filmare il tutto. Inutile dire che saranno altri ragazzini (anche loro facenti parte del gioco a filmare la scena).

Il gioco che sta riscontrando grandissimo interesse in tutta Europa, ha portato, solo in Russia, al SUICIDIO DI 157 RAGAZZINI. E anche in Italia, a Livorno, c'è stata la prima vittima di Blue whale. Psicologi di tutto il continente europeo si stanno interrogando sulle possibili strategie per debellare questa moda diabolica. E stato girato un servizio straordinario su tutta questa storia. Vi metto il link qui sotto, viene sconsigliata la visione ai più sensibili. Mi sono sentito di condividere con voi questo servizio perché è una cosa allarmante e sottovalutata. Un’altra arma inventata dall'anticristo per strappare via vite giovani  pure e innocenti.

https://www.iene.mediaset.it/puntate/2017/05/14/viviani-blue-whale-suicidarsi-per-gioco_11331.shtml

Karim El Sadi

15 Maggio 2017