Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

dalcieloallaterra

 

HO SCRITTO L'8 SETTEMBRE 2008:

 

UNA DELICATA VISITA, AMABILE, PROFONDA, EMOZIONANTE AFFINCHÈ COLORO CHE DEVONO CAPIRE CAPISCANO. DURANTE LA CONFERENZA DI NICOLOSI ABBIAMO RICEVUTO LA VISITA DI FRANCESCO SIRAGUSA, UNO DEI TRE FIGLI DI EUGENIO SIRAGUSA, IL NOSTRO PADRE SPIRITUALE.
SAREBBE MOLTO INTERESSANTE PER VOI LETTORI, LEGGERE E O ASCOLTARE LE PAROLE CHE LUI HA PRONUNCIATO PUBBLICAMENTE DURANTE LA CONFERENZA. (leggi1) (leggi2)
GRAZIE AL CIELO!

GIORGIO BONGIOVANNI
STIGMATIZZATO

francosiragusa1

francosiragusa3

francosiragusa4

Foto: Giorgio Barbagallo

 

Notizia di Nicolosi, Sicilia

Il 4, 5, 6 e 7 settembre sono stati giorni speciali vissuti in Sicilia, Italia.
Giorgio Bongiovanni si è recato alla zona dell'Etna, dove il  suo Padre Spirituale, Eugenio Siragusa, ha vissuto tante esperienze di contatto.
Anche quest'anno, a due anni dalla scomparsa fisica di Eugenio, gli è stato reso un sentito  omaggio durante la conferenza che si è tenuta nella sala congressi dell'Hotel Gemmellaro. Omaggio  tanto significativo per i collaboratori dell’Opera. 
Fratelli come Saro Pavone, Pier Giorgio Caria ed  altri che da molti anni accompagnano Giorgio, insieme ad altre anime che oggi iniziano a fare i primi passi, si sono dati appuntamento per questa importante commemorazione.
Oltre 300 le persone presenti alla conferenza, tra loro la presenza di uno dei figli del piú grande contattato che è salito sul palco per intervenire ed  esprimere il suo sentire frutto di tanti anni di vicinanza alla missione del  Padre. Francesco Siragusa, con molta emozione ringrazia Giorgio per l’omaggio, sottolineando che secondo lui Giorgio è degno prosecutore dell’Opera di suo padre con coerenza perchè ha saputo cogliere cabalmente e assimilare gli insegnamenti nel continuare un’opera che non appartiene loro, ma al Cielo. Molti giovani hanno trasmesso la loro volontà di collaborare nell’opera ed hanno applaudito con fervore queste parole. Un momento particolare nella loro vita. Era presente anche l’editore di uno dei libri piú importanti di Eugenio: “I giganti del Cielo”.  Una serata caratterizzata dall’emotivitá e dalla volontá di adoperarsi in questa causa che appartiene a tutti e alla stessa Umanitá.
Nelle prossime cronache potrete approfondire piú dettagliatamente quanto è stato detto nella conferenza.

Erika Pais
Montevideo (Uruguay)
8 settembre 2008