Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Italiano Español English Português Dutch Српски

dalcieloallaterra

 

HO SCRITTO IL 20 MAGGIO 2009:

I GIOVANI RINUNCIANO ALLA VITA.
VI DOMANDO:  PERCHÈ?
NON SAPETE RISPONDERMI? VE LO DICO IO!
PERCHÈ QUESTA ASSURDA SOCIETÀ GOVERNATA DA IPOCRITI! STOLTI! EGOISTI! E ASSASSINI NON PROPONE NESSUNA ALTERNATIVA PER RENDERE FELICI E RESPONSABILI I GIOVANI.
I GENITORI, COLPEVOLI ANCHE LORO DI GRAVI MANCANZE.
ANCHE DI QUESTO VI SARÀ CHIESTO CONTO DAL GIUDICE SUPREMO CHE PRESTO SI MANIFESTERÀ CON GRAN POTENZA E GLORIA SULLE NUVOLE (MATTEO. CAP 24)


                                                                                              GIORGIO BONGIOVANNI
                                                                                                       STIGMATIZZATO

Sant'Elpidio a Mare (Italia)
20 Maggio 2009

 

VIA IL CELLULARE PER PUNIZIONE. QUINDICENNE SI IMPICCA
Ha legato un lenzuolo al soffitto di casa

MILANO — È toccato al padre trovarla morta. Quando ha aperto la porta di casa si è visto di fronte la figlia con un lenzuolo al collo, impiccata ad una delle grate del soffitto. M. aveva solo 15 anni e avrebbe festeggiato il suo sedicesimo compleanno il 20 agosto. Ottimi voti all'istituto magistrale di Lecce, amici e amiche con cui divideva i pomeriggi dopo la scuola, una famiglia con la quale, almeno apparentemente, andava d'accordo: non c'erano mai stati grandi problemi, se non le classiche incomprensioni tra genitori e figli adolescenti.
Eppure quella punizione che il padre le aveva inflitto, il «sequestro» del cellulare per qualche ora e il divieto di uscire con un gruppo di amici, a M. deve essere sembrato insopportabile, ed è per questo, forse, che ha deciso di farla finita. Domenica pomeriggio i genitori di M., padre negoziante e mamma casalinga, si sono avviati in Chiesa, in un paese della provincia di Lecce, per celebrare la Comunione dell'altro figlio più piccolo. Anche M. avrebbe dovuto unirsi a loro, ma quando è stato il momento di uscire si è rifiutata. «Preferisco tornarmene a casa per conto mio e poi voglio uscire con i miei amici» avrebbe detto ai genitori, mandandoli su tutte le furie. «Se non vieni con noi non uscirai neppure con i tuoi amici» la risposta. Da qui sarebbe scoppiato il diverbio, che si è concluso con la decisione del padre della ragazza di portarsi via il suo cellulare come punizione.
Lei è rimasta in camera sua e non si è mossa di casa. Ha trascorso il pomeriggio a leggere e a chiacchierare con le amiche al telefono, raggiunte con il telefono fisso. I carabinieri, che hanno indagato sull'episodio, le hanno ascoltate tutte, nel tentativo di scavare meglio nelle motivazioni che l'avrebbero spinta a un gesto tanto estremo.
Le compagne di classe hanno ascoltato gli sfoghi di M., ma nulla ha mai fatto sospettare loro che le cose si sarebbero concluse in modo tanto tragico. Increduli anche i genitori, che non vogliono accettare l'idea di un gesto volontario. M. non ha lasciato alcun biglietto di addio, sembra che non avesse confidato a nessuno il desiderio di farla finita. Ed è anche per questo che l'impressione di chi ha lavorato sul caso è che M. forse non voleva uccidersi. È possibile che il suo gesto volesse essere solo un atto dimostrativo, dettato dalla rabbia per il divieto di uscire, vissuto come una punizione incomprensibile. I genitori della studentessa, rientrati intorno alle 23 dopo la festa, hanno subito chiamato i soccorsi, l'ambulanza è arrivata in fretta, ma ogni tentativo di rianimarla è stato inutile. Amici e compagni di classe hanno scritto molti messaggi per lei su Facebook, salutandola con tantissimi abbracci, perché a tutti sembra impossibile che si sia fatta travolgere dalla disperazione solo per una lite con mamma e papà.
C. Mar.
Corriere della Sera Online - 12 maggio 2009

 

DVD - CD

mensajes_secretos

dvd-lacrima

CD MUSICALI PER SOSTENERE FUNIMA INTERNATIONAL
cd-alea cd-viaje-bg

Siti amici

220X130_mystery

ban3milenio

ILSICOMOROA

Collaboratori

unpunto_boxdelcielo_box
logofunimanuevo2015crop_box
catania3banner flavio ciucani 125

Libri

ilritorno1 tapa libroGB Giovetti1
cop dererum1books11
  libroicontattiuniti139copertina italiano140