Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Italiano Español English Português Dutch Српски
Logo_aguila2_itNotizia:
Roma - Una barzelletta nell’attesa dell’arrivo del capo dello Stato all’inaugurazione dell’anno giudiziario. L’ha raccontata Silvio Berlusconi nella sala Giallombardo dove era insieme ai presidenti delle Camere Schifani e Fini, al vicepresidente del Csm Mancino e agli alti magistrati. «Come siete belli», si rivolge alle toghe in ermellino e poi racconta la storiella che così viene poi riferita da chi era presente: «Dio è preoccupato per la degenerazione regnante sulla terra, e invia Gesù in missione. Dopo 33 anni, però, suo figlio ancora non ritorna. Passa qualche altro decennio e di Gesù nessuna traccia. Dopo 100 anni si sente alle porte del Paradiso un imprevisto "toc toc". Dio apre le porte del Paradiso. «Papà», esclama Gesù. «Figlio mio, che cosa è successo? Ti aspettavo 60 anni fa». E lui: «Papà, in terra è successo di tutto, non c’è più la pena di morte e mi hanno dato l’ergastolo».
Il Corriere della Sera
30 Gennaio 2010

DAL CIELO ALLA TERRA
 
HO SCRITTO IL 30 GENNAIO 2010:

UNA STORIA VERA, IN UN PROSSIMO FUTURO CHE ACCADRÀ IN UN LUOGO DELLA TERRA, FORSE IN ITALIA.
TUTTO IL MONDO IN DIRETTA TELEVISIVA GUARDA SGOMENTO E CON TIMORE REVERENZIALE UNA DELLE TANTE SCENE IN CUI L'UMILIAZIONE E LA MORTIFICAZIONE SONO LE ASSOLUTE PROTAGONISTE.
MILIARDI DI TELESPETTATORI  SANNO CHE PRIMA O POI TOCCHERÀ  A LORO.
LA SCENA È QUESTA: SI VEDE UN GIOVANE UOMO VESTITO DI SACCO, MA ELEGANTE, FORTE E VIRILE. È ACCOMPAGNATO DA UN POSSENTE ESERCITO DI ESSERI POTENTI.
AI SUOI PIEDI, STRISCIANDO COME UN VILE SERPENTE, IPOCRITA E VIGLIACCO, IMPLORANDO PERDONO PER I SUOI INNUMEREVOLI PECCATI MORTALI  IL SIGNOR SILVIO BERLUSCONI E TANTI ALTRI POTENTI DELLA TERRA. ESSI E BERLUSCONI SI BATTONO IL PETTO DICENDO TUTTI IN CORO, “SIGNORE MEA CULPA”, “MEA MAXIMA CULPA”.  PERÒ DAL GIOVANE UOMO, CHE LI GUARDA DALL'ALTO IN BASSO, RICEVONO TANTA COMMISERAZIONE, MA ANCHE TANTA E TANTA GIUSTIZIA E CONDANNA.
LE VITTIME DI BERLUSCONI E DEGLI ALTRI POTENTI, INVECE, DAL GIOVANE UOMO RICEVONO FELICITÀ, BENESSERE E AMORE.
IL GIOVANE UOMO SI CHIAMA GESÙ, DETTO IL CRISTO, IL FIGLIO DI DIO. L'ESERCITO CHE LO ACCOMPAGNA È COMPOSTO DA MILIONI DI UOMINI DOTATI DI LUCE PROPRIA E ABITANTI DELLE STELLE. IL GIORNO È QUELLO DEL GIUDIZIO ED È PROSSIMO A VENIRE.
QUESTA NON È UNA BARZELLETTA, SIGNOR BERLUSCONI, QUESTA È UNA PROFEZIA CHE SI COMPIRÀ CERTISSIMAMENTE PERCHÈ VOLUTA DA DIO E RICHIESTA DAI GIUSTI.

GIORGIO BONGIOVANNI
STIGMATIZZATO

Pordenone (Italia)
30 Gennaio 2010

DVD - CD

mensajes_secretos

dvd-lacrima

CD MUSICALI PER SOSTENERE FUNIMA INTERNATIONAL
cd-alea cd-viaje-bg

Siti amici

220X130_mystery

ban3milenio

ILSICOMOROA

ban antimafia

Collaboratori

unpunto_boxdelcielo_box
logofunimanuevo2015crop_box
catania3banner flavio ciucani 125

Libri

ilritorno1 tapa libroGB Giovetti1
cop dererum1 ricagni1
Nuova copertina libro Debora1 books11

libroicontattiuniti139