Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Italiano Español English Português Dutch Српски
Logo_aguila2_itDAL CIELO ALLA TERRA


HO SCRITTO IL 24 FEBBRAIO 2007:

“NESSUNO POTRÀ DIRE NON SAPEVO”

IL PADRE SOLE.
LA SUA ENERGIA INDISPENSABILE E FONDAMENTALE PER L’UOMO E PER IL PIANETA TERRA. PER TUTTI I PIANETI DEL SISTEMA SOLARE. PER L’INTERO UNIVERSO.
IL SOLE POTREBBE SALVARE L’UMANITÀ DALLA SUA AUTODISTRUZIONE. IL SOLE HA SEMPRE OFFERTO ALL’UOMO AMORE, ENERGIA, SAPIENZA E SAGGEZZA.
IL SOLE DELL’AMORE, CRISTO, INCARNANDOSI IN GESÙ, HA DATO LA SUA VITA PER OFFRIRE ALL’UOMO LA REDENZIONE.
L’UOMO È DISUBBIDIENTE E ARROGANTE.
PAGHERÀ IL PREZZO DELLA SUA ODIOSA SFIDA AL CREATORE CON L’AUTODISTRUZIONE? È PROBABILE! ANCHE SE VI È UNA PICCOLA QUANTITÀ DI ESSERI UMANI CHE AMA LA VITA E VUOLE EVOLVERSI, VUOLE AMARE ED ESSERE FELICE.
PER AMORE DI QUESTI PROBABILMENTE, IL PADRE SOLE ADONAY NON DISTRUGGERÀ L’UMANITÀ MA LA RIGENERERÀ, LA TRASFORMERÀ IN UNA COMUNITÀ POSITIVA. OPERATIVA NEL BENE, NELL’AMORE, NELLA GIUSTIZIA.
OGGI, NEL TERZO MILLENNIO, MALGRADO LA NOSTRA SOCIETÀ VIVA AI LIMITI DELL’AUTODISTRUZIONE UMANA, IN UN TEMPO DI GUERRE, FAME, POVERTÀ, MORTE E SOPRATTUTTO DI CRISI ENERGETICA (SCARSITÀ DI PETROLIO E QUANT’ALTRO) CAUSA DI TUTTE LE GUERRE IN CORSO E DI QUELLE FUTURE ANCHE NUCLEARI, IL PADRE SOLE, ADONAY, IL SIGNORE,  OFFRE ALL’UMANITÀ E AI POTENTI DEL MONDO  UNA OPPORTUNITÀ DI SALVEZZA. UNA VIA D’USCITA DALL’INCUBO DELLA GUERRA. UNA SOLUZIONE A TUTTI I PROBLEMI UMANI LEGATI ALLE RISORSE ENERGETICHE.
L’ULTIMA OFFERTA? UNITA A QUELLA SPIRITUALE CHE RIGUARDA IL RISVEGLIO DELLE ANIME AL SOLE-CRISTO-GESÙ?
IO SONO CERTO! CERTISSIMO CHE QUESTA È L’ULTIMA POSSIBILITÀ OFFERTA ALL’UOMO PRIMA CHE IL SOLE PONGA IN ESSERE IL SUO PIANO, GIÀ IN FASE INIZIALE DI PURIFICAZIONE E RIGENERAZIONE TOTALE DELL’UMANITÀ DI QUESTO PIANETA.
MA QUAL’È QUESTA OPPORTUNITÀ DI SALVEZZA?
DI QUELLA SPIRITUALE NE ABBIAMO GIÀ PARLATO AMPIAMENTE E CONTINUEREMO A PARLARNE FINO ALL’ATTESO RITORNO DEL FIGLIOL DELL’UOMO GESÙ-CRISTO: IL MESSAGGIO D’AMORE E DI GIUSTIZIA OFFERTO DAL MEDESIMO E DAI SUOI ANGELI IERI, ESSERI DI LUCE O EXTRATERRESTRI OGGI.
DI QUELLA UMANA-MATERIALE-SCIENTIFICA NE PARLAMMO, MOLTI ANNI OR SONO DEL VOSTRO TEMPO, ATTRAVERSO DUE DEI NOSTRI MESSAGGERI: GEORGE ADAMSKI ED EUGENIO SIRAGUSA CHE È STATO ANCHE LA GUIDA SPIRITUALE DEL  NOSTRO OPERATORE GIORGIO BONGIOVANNI.
CI RIFERIAMO ALL’ ENERGIA-SOLARE.
NON AVETE ASCOLTATO I NOSTRI CONSIGLI, MENO CHE MAI GLI SCIENZIATI E I POTENTI DELLA TERRA.
SOLO ALCUNI DEI VOSTRI SCIENZIATI, ANCHE SE ALL’INIZIO SCETTICI, HANNO APERTO IL CUORE, OLTRE CHE LA MENTE, ED I RISULTATI SONO ARRIVATI. UNO DI QUESTI IL PROFESSORE CARLO RUBBIA, GIÀ PREMIO NOBEL PER LA FISICA, HA OFFERTO RECENTEMENTE A TUTTA L’UMANITÀ L’ULTIMA POSSIBILITÀ PER LA SOLUZIONE DEI GRAVISSIMI PROBLEMI ENERGETICI CHE VI ATTANAGLIANO.
A PARTE LA POSSIBILITÀ DI COSTRUIRE UN SATELLITE ARTIFICIALE TIPO PHOBOS, UNO DEI SATELLITI DI MARTE, CHE POTREBBE PROIETTARE GRANDI QUANTITÀ DI ENERGIA SULLA TERRA, VI È UN'ALTRA OPPORTUNITÀ PIÙ RAPIDA PER POTER PRODURRE ENERGIA SOLARE. SI TRATTA DELL’ENERGIA SOLARE TERMODINAMICA A SPECCHI. L’ARTICOLO-INTERVISTA ALLEGATO, CON LE RISPOSTE DEL PROF. RUBBIA, DOVREBBE FARVI SERIAMENTE MEDITARE, DEDURRE E DETERMINARE.
UNA DELLE TANTE PROVE CHE DIMOSTRA LA CINICITÀ E LA FOLLIA DI CHI GOVERNA: VOLER PERIRE AD OGNI COSTO.
SE NON PRENDETE IN SERIA CONSIDERAZIONE L’OFFERTA CHE IL SOLE VI PROPONE TRAMITE QUESTO VOSTRO SCIENZIATO SARÀ LO STESSO SOLE-ADONAY CHE UN GIORNO SEPARERÀ IL GRANO DALLA GRAMIGNA ED ALLORA PREGARE, CARI TERRESTRI, NON VI SERVIRÀ A NULLA.
PACE!

UN FIGLIO DEL SIGNORE SOLARE ADONAY
NIBIRU-ARAT-RA
GIORGIO BONGIOVANNI

Montevideo (Uruguay)
24 Febbraio 2007. Ore 20:30

«VI PORTO GLI SPECCHI SOLARI. COSÌ EVITEREMO IL NUCLEARE»
Dal quotidiano “L’Unità” del 17.02.07

CARLO RUBBIA torna in Italia, collaborerà con il ministero dell’Ambiente: «Da capo dell’Enea ho bussato al governo Berlusconi chiedendo di investire sul solare termodinamico. Niente. Sono andato in Spagna e lì hanno dato il via libera a decine di impianti. Che producono gli stessi Megawatt di una centrale atomica. Possiamo farlo anche noi».
Il paradosso è che basterebbe un timbro. Un semplice bollo e l’Italia potrebbe recuperare in un attimo quello che ha buttato via in cinque anni. Basta guardare la Spagna, partita nel 2004 e adesso leader nel solare termodinamico. Non potevamo fare lo stesso? Già, potevamo. Ma non lo abbiamo fatto.
Lo ricorda bene Carlo Rubbia quando, a capo dell’Enea, dovette scontrarsi con il consiglio di amministrazione per far sì che l’Ente di ricerca si lanciasse anima e corpo in quel filone che lui giudicava strategico. «Mi spararono a zero, dissero che era un progetto troppo innovativo». E lo stesso capitò poco dopo quando, durante il governo Berlusconi, bussò al ministero dell’Ambiente d
Matteoli. «Ero andato a chiedere di riconoscere al nuovo progetto lo status di fonte rinnovabile, un certificato verde che permettesse alle industrie che avessero adottato quel tipo di solare di avere i benefici previsti dalla legge per le fonti rinnovabili».

E invece? «Invece è finita che me ne sono andato in Spagna, dove hanno capito subito l’importanza di questa innovazione, hanno emesso un apposito decreto e hanno fissato l’obiettivo di installare un totale di 500 Megawatt. Ma il punto su cui riflettere è che l’industria spagnola ha saputo raccogliere la sfida grazie a queste condizioni favorevoli e adesso sono in programma altri dieci impianti che saranno pronti per il 2010, portando il totale a 1000-1200 Megawatt. Impianti extra, non previsti da nessun decreto: li stanno costruendo le aziende spagnole per ottenere energia dal sole. Capisce? Il governo ha girato la chiavetta e il Paese si è messo in moto. Tanto per essere chiari: quei 1200 Megawatt che saranno pronti in Spagna fra tre anni sono l’equivalente di una centrale nucleare».
Con la differenza che in questo caso l’energia viene dal sole. Ed è anche per questo che Pecoraro Scanio, il ministro dell’Ambiente, ha deciso di richiamare il Nobel per la Fisica in Italia offrendogli lunedì scorso l’incarico di consigliere del ministro per quel che riguarda le energie rinnovabili.
«Il sole è una fenomenale risorsa di energia. L’energia solare che cade su di un deserto in un anno è equivalente a quella che si avrebbe se quel deserto venisse ricoperto da uno strato di petrolio alto 20 centimetri. Un altro esempio: prendiamo un Paese come l’Arabia Saudita, ricco di petrolio ma anche di sole. Ebbene la quantità di energia solare che finisce sul territorio nazionale è mille volte la produzione di petrolio dell’intero Stato. Mille volte. Basterebbe ricoprire di specchi un millesimo dell’Arabia Saudita e avremmo lo stesso contributo energetico di tutto il petrolio prodotto da quel Paese».
Lei parla di specchi, non di pannelli... «Certo, perché il solare che intendo non è quello che abbiamo visto finora. Per due motivi: il primo è che, da un punto di vista energetico, il fotovoltaico è troppo costoso da realizzare. Il secondo è che dipende in tutto e per tutto dagli orari del sole e dalle bizze del cielo: di notte o quando è brutto tempo non serve a nulla. Il solare di cui parlo è quello termodinamico: uno specchio che, come quelli di Archimede, raccoglie il calore del sole in un tubo ricevitore riempito con un liquido speciale che raggiunge circa 550-600 gradi centigradi e lo convoglia verso un contenitore isolato termicamente che, a tutti gli effetti, è un serbatoio di energia. E questa è la grande differenza: il calore che ho immagazzinato può essere rilasciato anche durante la notte o quando il cielo è coperto. Ho un accumulo di energia a bassissimo costo. A questo punto basta collegarla a una turbina come quelle che già si usano oggi nelle centrali a gas e il gioco è fatto: l’energia del sole diventa energia elettrica».

E questo è proprio ciò che avviene in Spagna nei nove impianti da 50 Megawatt di potenza in fase di costruzione e dal costo di 200 milioni di euro. «Un chilometro quadrato di terreno ricoperto di specchi», dice Rubbia, precisando che questo è l’unico impatto ambientale del sistema. «Il liquido che usiamo è una miscela di sali fusi, nitrati di sodio e potassio che qualcuno chiama “Sale del Cile”: è un fertilizzante a basso costo (un euro al chilo) che fonde a 100 gradi, ma che a temperatura ambiente solidifica subito. Non ha alcun impatto ecologico e, nel caso di fuoriuscite, si forma uno strato solido che viene facilmente rimosso. Casomai ci cresce l’insalata: più verde di così...».
Eppure tra le energie rinnovabili doc, quelle a cui è stato riconosciuto il “certificato verde”, il solare termodinamico non compare. O non compare ancora. «E questo è ciò che mi aspetto dall’Italia.
Perché questo solare sarebbe il catalizzatore capace di innescare una vera reazione a catena industriale. La legge stabilisce, infatti, che una quota dell’energia usata da un’industria deve provenire da fonti rinnovabili certificate. Così avviene per il fotovoltaico e l’eolico, ma non per il termodinamico. Ed è un controsenso: perché di queste fonti solo il termodinamico ha le carte in regola per diventare una risorsa di energia per il futuro. Non solo, ma se il governo riconoscesse il certificato verde, le aziende inizierebbero a richiedere il solare termodinamico e, aumentando la domanda, calerebbero i costi. In altre parole, oltre ad avere energia a basso costo e non inquinante, potremmo far partire aziende in grado di produrre tutto quello che serve: specchi, serbatoi, condotti di alta qualità che le piccole e medie imprese di cui è ricca l’Italia potrebbero benissimo realizzare».
E questo sarà ciò che il Nobel per la Fisica dirà d’ora in avanti a Pecoraro Scanio nel suo nuovo ruolo di consigliere per le energie alternative. Un incarico importante, ma che lo stesso Rubbia tratta con calcolata prudenza. «Sono contento che l’Italia mi abbia richiamato e ho notato molta attenzione da parte dello stesso ministro su questi argomenti. Ma non basta. Bisogna che ciascuno faccia la sua parte: il governo, gli scienziati, gli industriali. Dobbiamo capire, tutti, che se non perdiamo più tempo possiamo diventare, assieme alla Spagna, i detentori di una tecnologia che tra pochi anni verrà esportata in tutto il mondo. Con una conseguenza inevitabile: che se non ci muoviamo subito, tra qualche anno ci troveremo il solare termodinamico Made in China».
Ma accanto a questo aspetto, prettamente economico, Rubbia ne sottolinea un altro. «In questi giorni (ieri, ndr) si celebrano i due anni dell’entrata in vigore di Kyoto e una settimana fa, a Parigi, hanno presentato il rapporto Onu in cui, al di là di ogni ragionevole dubbio, si dice che il cambiamento climatico è quasi certamente (al 95%) opera dell’uomo o meglio delle emissioni gassose legate alla sua attività. Forse, anche se in ritardo, abbiamo finalmente capito che quello che stiamo facendo col Pianeta e il suo clima è un immenso esperimento globale. Con un dettaglio non trascurabile: che dentro la provetta di quell’esperimento ci siamo noi, tutti noi. Ha senso continuare sulla strada che abbiamo percorso finora? Vogliamo davvero vedere come va a finire? O non è il caso di cominciare a costruire delle alternative?».
Anche perché il petrolio ha gli anni contati: non importa se saranno quaranta o cinquanta. La certezza è che prima o poi finirà. E allora?
«Le alternative sono due: il solare e il nucleare. Ma non quelli che abbiamo conosciuto finora. Il solare di cui parlo è proprio il termodinamico. E il nucleare è quello che ancora non c’è. È il nucleare sicuro o, ancora meglio, il nucleare da fusione. Dobbiamo innovare, non abbiamo scelta. Molti considerano questi discorsi un’utopia. Ma il compito degli scienziati è proprio questo: prendere le utopie e trasformarle in realtà. Sennò che ci stiamo a fare?».

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
di Luca Landò
17 febbraio 2007

Link al PDF dell’intervista esclusiva al Premio Nobel Carlo Rubbia, pubblicata nel 2006 dalla rivista “Newton oggi”: “ADDIO ITALIA, PORTO IN SPAGNA LA NUOVA ENERGIA SOLARE:
http://www.liberamenteservo.it/energiaalternativa/Addio%20Italia%20_%20Carlo%20Rubbia.pdf
 

DVD - CD

mensajes_secretos

dvd-lacrima

CD MUSICALI PER SOSTENERE FUNIMA INTERNATIONAL
cd-alea cd-viaje-bg

Siti amici

220X130_mystery

ban3milenio

ILSICOMOROA

Collaboratori

unpunto_boxdelcielo_box
logofunimanuevo2015crop_box
catania3banner flavio ciucani 125

Libri

ilritorno1 tapa libroGB Giovetti1
cop dererum1books11
  libroicontattiuniti139copertina italiano140