Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Italiano Español English Português Dutch Српски
Juan_bautista_01DAL CIELO ALLA TERRA

L'INGANNO È PEGGIORE DEL TRADIMENTO

SAREBBERO COERENTI, SUBLIMI E CARICHI DI CRISTICO AMORE E SOLENNE GIUSTIZIA I DISCORSI DI BENEDETTO XVI SUL MARTIRIO DI GIOVANNI IL BATTISTA, SE A PRONUNCIARLI FOSSE IL VESCOVO E PASTORE DI UNA CHIESA CATTOLICA LIBERA DAL PECCATO E DA DELITTI UGUALI O PEGGIORI DI QUELLI POSTI IN ESSERE DA ERODE, L'ASSASSINO DEL BATTISTA.
PURTROPPO IL VATICANO È L'ISTITUZIONE POTENTE E NEFASTA CHE HA NELLE MANI LA CHIESA CATTOLICA ED È AUTORE, NELLA STORIA DEGLI ULTIMI 1500 ANNI DOPO CRISTO, DI GENOCIDI, STRAGI, TRADIMENTI, STUPRI, CORRUZIONI MAFIOSE, RICICLAGGIO DI DANARO BAGNATO DAL SANGUE, ARRICCHIMENTO ILLECITO SULLA PELLE DEI POVERI, GUERRE, DEPRAVAZIONI, FORNICAZIONI, ORGE E, NEGLI ULTIMI ANNI DEL VOSTRO TEMPO IN PARTICOLARE, ALLEANZE CON DITTATORI SANGUINARI, ATTI DI PEDOFILIE, CENSURE, SCOMUNICHE ECC, ECC, ECC. PER TALE RAGIONE I BELLISSIMI DISCORSI DI PAPA BENEDETTO XVI SU GIOVANNI IL BATTISTA, LA DENUNCIA DEI PECCATI DEI POTENTI ED IL SUO MARTIRIO IN NOME DELLA VERITÀ DEL CRISTO, SONO NOCIVI E OFFENDONO L'INTELLIGENZA E L'ANIMA DEL CREDENTE, PERCHÈ PROVENGONO DAL CAPO DI UNA CHIESA ALL'INTERNO DELLA QUALE VI SONO UOMINI POTENTI CHE NON ESITEREBBERO UN SOLO ISTANTE AD UCCIDERE IL BATTISTA O IL CRISTO STESSO PER PAURA CHE COSTORO POSSANO SMASCHERARE I LORO MISFATTI E I LORO MODERNI DELITTI.
I DISCORSI SUBLIMI SUL BATTISTA DEVONO ESSERE ACCOMPAGNATI DA OMELIE NELLE QUALI OCCORRE AVERE IL CORAGGIO DI DIRE TUTTA LA VERITÀ E RIFORMARE UNA CHIESA NELLE MANI DI SATANA, RIPORTARLA ALLE SUE ORIGINI, ALLA CHIESA DEI POVERI, DEGLI AFFLITTI, DEGLI INNOCENTI, DEI PURI. SE PONESSERO IN ATTO QUESTA RIVOLUZIONE FRANCESCANA IL PAPA E LA CHIESA TUTTA SUSCITEREBBERO IL PERDONO E LA MISERICORDIA DI CRISTO E QUINDI DI SUO PADRE ADONAY, NOSTRO E VOSTRO CREATORE.
L'INGANNO È PEGGIORE DEL TRADIMENTO!

“Guai a te pontefice massimo, papa di una chiesa corrotta e assassina, guai a voi governanti, guai a voi ricchi commercianti che vendete armi e prendete la sacra comunione che i cardinali ipocriti e corrotti vi elargiscono malgrado le vostre sozzure.

Guai a te, primo ministro, che fornichi con le prostitute e poi vieni ricevuto e benedetto dal vescovo di Roma il quale non profferisce nei tuoi riguardi nessun divino ammonimento. Guai a voi venditori di guerra, morte e colpevoli della fame nel mondo. Temete Colui che verrà dopo di me, il Cristo Gesù che vi purificherà con il fuoco...”.

SECONDO VOI POTREBBE ESSERE QUESTO L'AMMONIMENTO DIVINO CHE GIOVANNI IL BATTISTA OGGI GRIDEREBBE AI POTENTI E AI FARISEI MODERNI?
SPERIAMO CHE QUALCHE ALTA GERARCHIA DEL VATICANO O LO STESSO BENEDETTO XVI ABBIA IL CORAGGIO DI RISPONDERE A NOI  “ALIENI CRISTIANI”.
PACE!

DAL CIELO ALLA TERRA

San Giovanni di Polcenigo (Pordenone)
1 Agosto 2010. Ore 20:29
Giorgio Bongiovanni
Stigmatizzato

IL VANGELO SUL MARTIRIO DI GIOVANNI BATTISTA NEL MAGISTERO DI BENEDETTO XVI: TESTIMONIARE LA VERITÀ SENZA COMPROMESSI

La liturgia odierna ci propone il martirio di Giovanni Battista ad opera di Erode. Il Precursore di Cristo, narra il Vangelo di Matteo, viene ucciso perché non scende a compromessi con il potere, ma testimonia senza paura la verità. Proprio il “coraggio della verità”, l’annuncio del Vangelo senza compromessi, è uno dei temi portanti del Pontificato di Benedetto XVI.

Il servizio di Alessandro Gisotti:

“Cooperatores Veritatis”, “Collaboratori della Verità”: nel motto episcopale di Joseph Ratzinger troviamo anche la chiave di lettura del suo Pontificato. Già nella “Missa Pro eligendo Romano Pontifice”, il 18 aprile 2005, l’allora decano del Collegio cardinalizio aveva sottolineato l’urgenza dell’annuncio della verità. “In Cristo – aveva spiegato – coincidono verità e carità. Nella misura in cui ci avviciniamo a Cristo, anche nella nostra vita, verità e carità si fondono”. E cinque anni dopo, nella Caritas in Veritate, scrive che “difendere la verità, proporla con umiltà e convinzione e testimoniarla nella vita” sono “forme esigenti e insostituibili di carità”. Proprio San Giovanni Battista, avverte il Papa, ci mostra con il suo esempio il coraggio della verità nella carità:
“Da autentico profeta, Giovanni rese testimonianza alla verità senza compromessi. Denunciò le trasgressioni dei comandamenti di Dio, anche quando protagonisti ne erano i potenti. Così, quando accusò di adulterio Erode ed Erodiade, pagò con la vita, sigillando col martirio il suo servizio a Cristo, che è la Verità in persona. (Angelus, 24 giugno 2007)
La persecuzione, rileva il Papa, è dunque anche oggi “prova” dell’autenticità della nostra missione di annuncio del Vangelo:
“Chi partecipa alla missione di Cristo deve inevitabilmente affrontare tribolazioni, contrasti e sofferenze, perché si scontra con le resistenze e i poteri di questo mondo”. (Udienza alle Pontificie Opere Missionarie, 21 maggio 2010)
E osserva che il Vescovo di Roma, in quanto “primo custode e difensore della fede” è chiamato ad obbedire a Dio, affinché la Verità continui a risplendere per tutti gli uomini. Un compito, aggiunge, ancor più necessario oggi in un contesto che vede la fede come un ostacolo alla libertà:
“Di fronte a tale atteggiamento che tende a sostituire la verità con il consenso, fragile e facilmente manipolabile, la fede cristiana offre invece un contributo veritativo anche nell’ambito etico-filosofico, non fornendo soluzioni precostituite a problemi concreti come la ricerca e la sperimentazione biomedica, ma proponendo prospettive morali affidabili all’interno delle quali la ragione umana può ricercare e trovare valide soluzioni”. (Udienza alla Congregazione per la Dottrina della Fede, 15 gennaio 2010).
“Essere in cammino verso la verità, cercare di conoscere meglio la verità in tutte le sue espressioni – ribadisce – è realmente un servizio fondamentalmente ecclesiale”. “Dio – afferma il Papa - è la verità ultima a cui ogni ragione naturalmente tende, sollecitata dal desiderio di compiere fino in fondo il percorso assegnatole”:
“Dio non è una parola vuota né un’ipotesi astratta; al contrario, è il fondamento su cui costruire la propria vita. Vivere nel mondo ‘veluti si Deus daretur’ comporta l’assunzione di una responsabilità che sa farsi carico di indagare ogni percorso fattibile pur di avvicinarsi il più possibile a Lui, che è il fine verso cui tutto tende”. (Discorso all’Università Lateranense, 21 ottobre 2006).
E avverte che “porre al centro il tema della verità non è un atto meramente speculativo, ristretto a una piccola cerchia di pensatori”:
“Al contrario, è una questione vitale per dare profonda identità alla vita personale e suscitare la responsabilità nelle relazioni sociali”. (Discorso all’Università Lateranense, 21 ottobre 2006).
“Di fatto – è il monito di Benedetto XVI – se si lascia cadere la domanda sulla verità e la concreta possibilità per ogni persona di poterla raggiungere, la vita finisce per essere ridotta ad un ventaglio di ipotesi, prive di riferimenti certi”.

Tratto da: http://www.oecumene.radiovaticana.org

DVD - CD

mensajes_secretos

dvd-lacrima

CD MUSICALI PER SOSTENERE FUNIMA INTERNATIONAL
cd-alea cd-viaje-bg

Siti amici

220X130_mystery

ban3milenio

ILSICOMOROA

ban antimafia

Collaboratori

unpunto_boxdelcielo_box
logofunimanuevo2015crop_box
catania3banner flavio ciucani 125

Libri

ilritorno1 tapa libroGB Giovetti1
cop dererum1 ricagni1
Nuova copertina libro Debora1 books11

libroicontattiuniti139