Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Italiano Español English Português Dutch Српски

BrucePennington1ITDAL CIELO ALLA TERRA

HO SCRITTO IL 16 SETTEMBRE 2011:

LEGGETE. IL PADRE POTREBBE RIPETERE UNA STORIA DEL PASSATO.
GENESI, IO MI SON PENTITO DI AVER CREATO L'UOMO: “Il Signore vide che la malvagità degli uomini era grande sulla terra e che ogni disegno concepito dal loro cuore non era altro che male. E il Signore si pentì di aver fatto l'uomo sulla terra e se ne addolorò in cuor suo. Il Signore disse: “Sterminerò dalla terra l'uomo che ho creato: con l'uomo anche il bestiame e i rettili e gli uccelli del cielo, perché sono pentito d'averli fatti" (Gen 6,8).
OGGI, IN QUESTO TEMPO, L'EPILOGO SARÀ DIVERSO. PERCHÈ IL SIGNORE ADONAY RIMANDERÀ SULLA TERRA SUO FIGLIO GESÙ-CRISTO PER GIUDICARE TUTTI E SEPARARE I BUONI DAI MALVAGI. AFFINCHÈ SI INSTAURI IL REGNO DI DIO IN TERRA (Matteo, cap 24).

IN FEDE
 G.B.

GLI ADORATORI DELLO STERCO DI SATANA
Di Sandra De Marco

Il Signore Dio prese l’uomo e lo pose nel giardino di Eden, perché lo coltivasse e lo custodisse” (Gen 2,15).....

Anno Domini 2011. Tutto.. per trenta monete l'uomo si è venduto tutto: l'anima e il paradiso terrestre che Dio a lui aveva affidato.
Si è venduto l'acqua...  ispiratrice di vita, linfa vitale della nostra Madre Terra… che crea, sana, rigenera... ventre materno e fonte di nutrimento, che con ogni sua goccia feconda. E così l'uomo inquinò gli oceani, i mari, i fiumi, i laghi. Sui fondali ha riversato distese di petrolio e sepolto tonnellate di veleni. E mentre le maree rigurgitavano valanghe di rifiuti tossici e di scorie radioattive, ha inquinato falde acquifere, deturpato coste, soffocato barriere coralline.
Si è venduto l'aria…  il soffio della vita. Energia vitale che attraverso il suo respiro nutre l'intelletto, ogni ispirazione. Elemento inafferrabile, che tutto avvolge, tutto unisce e compenetra, facendo vibrare all'unisono lo spirito e i cuori di tutti gli esseri. E la tramutò in aria fetida e irrespirabile.

Si è venduto anche la Terra... la Madre Terra, la Grande Madre. Dea dai tanti seni profondi, la Gaia dei romani, la Gea dei greci... Colei che ospita e nutre ogni creatura. Con gran ferocia l'uomo ha inflitto ovunque profonde e mortali ferite. Ne ha devastato le foreste, ricoprendola con desolate valli di catrame e di cemento. E piegandola a un’industria di sogni inutili e bisogni futili l'ha depredata, violentata, saccheggiata. Di tutti gli animali ne ha fatto un'ecatombe silenziosa, minacciando la sopravvivenza e condannando all'estinzione molte specie del pianeta. E ne ha poi fatto merce da ingrassare, cavie da laboratorio, e trofei imbalsamati da ostentare. Imprigionati, maltrattati, truci- dati, torturati.
E ancora… prostrato alla propria avidità e in preda ad un'irrefrenabile orgia di sensi, è sceso al più infame compromesso e, bestemmiando lo Spirito Santo, sfidato l'ira del Padre. Cosi l'uomo si è venduto anche i suoi bambini, i pargoletti della vita. Li ha stuprati, uccisi, armati, affamati. Ha venduto le sue donne, le proprie madri con i loro grembi. Le ha seviziate, abusate, sfruttate, violentate. Soffocando la loro dignità le ha poi rese schiave e condannate ad oggetto di perversi desideri.
Per colmare la sua sete di dominio e di sopraffazione ha costruito armi, venduto morte e distruzione. Si è reso schiavo di facili guadagni e tesori inesistenti, pagati e rivenduti con soldi immaginari. Per un pugno di monete si è venduto gli ideali e, dopo aver disonorato il sacro dono della vita, anche gli inscindibili valori universali. E cullandosi nell'abominio dell'indifferenza, compiaciuto e inorgoglito da una scienza senza coscienza, inerte ha assistito con inutili statistiche alle tappe del tragico e drammatico degrado.
Quando poi non gli rimase più nulla da offrire mise in vendita la fede, e il nome di Colui che lo ha creato. In nome del buon Dio, con suffragi ed indulgenze, si avvalse di una 'santa immunità' nel commettere i crimini più efferati. E con la compiacenza dei fedeli anche la sua chiesa si alleò con i corrotti, i dittatori e gli assassini della vita. Abbracciata al potere ha investito in armi e riciclato i soldi della mafia e, profanando tutto ciò che vi è di sacro, del suo Tempio ne ha fatto un gran mercato.
….Ma “Il Signore vide che la malvagità degli uomini era grande sulla terra e che ogni disegno concepito dal loro cuore non era altro che male. E il Signore si pentì di aver fatto l'uomo sulla terra e se ne addolorò in cuor suo. Il Signore disse: «Sterminerò dalla terra l'uomo che ho creato: con l'uomo anche il bestiame e i rettili e gli uccelli del cielo, perché sono pentito d'averli fatti”  (Gen 6,8).
La gravissima crisi mondiale, la bancarotta dell'impero americano e il fallimento delle banche mondiali saranno il tema di oggi. Un inganno colossale sotto lo spettro di un conflitto nucleare posto in essere da quella che, in tono ironico, Giorgio riconduce ad una grande verità: “È sempre una questione di soldi”,  l'arma del demonio che alimenta la sete di potere e di dominio degli uomini. Questo incontro si apre con la lettura del messaggio di Giorgio riguardante l'attuale e sempre più drammatica situazione economico-finanziaria nel mondo.

HO SCRITTO IL 14 AGOSTO 2011:

L'ANTICRISTO ECONOMICO (PARTE 2)

LA VERITÀ EMERGE SEMPRE E QUINDI VINCE SULLA MENZOGNA.
ABBIAMO TANTE E TANTE VOLTE SCRITTO E DIVULGATO COSA RAPPRESENTA PER NOI L'ANTICRISTO, IL MALE. COLUI E COLORO CHE COMANDANO VERAMENTE IL MONDO CON IL SANGUE, LA TORTURA, L'OMICIDIO, LO SCHIAVISMO E L'INGANNO.
SE AVRETE IL CORAGGIO DI LEGGERE L'ARTICOLO VERITÀ QUI ALLEGATO DEL GIORNALISTA GIULIETTO CHIESA, È MOLTO PROBABILE CHE UN SENSO DI RABBIA E DI DESIDERIO DI GIUSTIZIA ASSALIRÀ LE VOSTRE ANIME E LE VOSTRE MENTI.
NOI CREDIAMO NELLA GIUSTIZIA DIVINA E, NELL'ATTESA DELLA SUA VENUTA, PARTECIPIAMO ALLA NUOVA RESISTENZA SOCIALE PROPONENDO UNA ALTERNATIVA ALL’INIZIO DELLA FINE DELLA CIVILTÀ CHE I MOSTRI (ANTICRISTI) DELL'ECONOMIA E DELLA GUERRA HANNO GIÀ POSTO IN ESSERE.

 G.B.

Montevideo (Uruguay)
14 agosto 2011

D: Puoi approfondire il messaggio sull’anticristo economico e l’articolo allegato di Giulietto Chiesa riguardante il fallimento delle banche?
R: Ora vi spiego in parole semplici cosa è successo. Due senatori americani, Ron Paul e Alan Grayson hanno fatto passare un emendamento alla legge Dodd-Frank, senza quasi che nessuno se ne  accorgesse, che consentiva al parlamento e al senato americano di andare a vedere i conti della Federal Reserve. La Federal Reserve è la banca americana privata a cui il governo ha garantito il potere di emettere moneta, che a sua volta presta al governo caricando gli interessi. Un giorno ve lo spiegherò meglio ma non è questo il tema di oggi. Ebbene, questi due senatori, credo illuminati da Dio in persona, hanno fatto una cosa incredibile. Sono riusciti ad entrare nei conti della Federal Reserve e a vedere nel dettaglio chi preleva, quanto hanno prelevato e dove i soldi sono stati  destinati. E con questo decreto tutti i senatori han potuto accedere a queste informazioni, che poi sono finite sul web. Ovviamente il tentativo di fermare il dilagare della notizia è stato immediato, e ha evitato che la CNN, la Fox Television, Sky, la Rai, le televisioni di Berlusconi, la BBC... e tutte le televisioni che appartengono al potere divulgassero questa notizia. Quindi nei giornali nazionali come il Corriere, la Repubblica e tutti i giornali nelle mani dei padroni, dei miliardari che non sono interessati a far conoscere la verità, troverete forse un rigo. Ma noi la stiamo diffondendo a caratteri cubitali perché si tratta di una cosa che noi denunciamo da anni e alla quale nessuno credeva. E ora vi spiego cosa hanno fatto questi mostri, con l’avvallo purtroppo del presidente Obama che non ha potuto opporsi. Ci era stato raccontato che i problemi dell’Europa o del mondo, venivano da Stati in fallimento come la Grecia, la Spagna, il Portogallo, l’Irlanda o addirittura l’Italia. Perché è vero che siamo indebitati, ma la cosa più scandalosa è che dieci, ma forse anche cinquanta volte di più, lo è l’America. E per evitare il fallimento delle banche, la Federal Reserve ha stampato abusivamente quantità impensabili di banconote  E' come se io e te andassimo alla fabbrica della Zecca e ci stampassimo dei soldi per pagare i nostri debiti. Questo è un reato penale punito con la galera. Loro invece per evitare il fallimento delle banche e per evitare che la gente scendesse armata in strada  e scoppiasse una guerra civile in tutta Europa e in tutti gli Stati Uniti, hanno prelevato ingenti somme e li hanno versati alle seguenti banche. Questo perché se fallissero le banche più ricche del mondo nessuno potrebbe prelevare soldi, nemmeno con il bancomat. Per cui non riusciresti nemmeno a fare la spesa.

Citigroup: $2.5 trillion ($2,500,000,000,000)
Morgan Stanley: $2.04 trillion ($2,040,000,000,000)
Merrill Lynch: $1.949 trillion ($1,949,000,000,000)
Bank of America: $1.344 trillion ($1,344,000,000,000)
Barclays PLC (United Kingdom): $868 billion ($868,000,000,000)
Bear Sterns: $853 billion ($853,000,000,000)
Goldman Sachs: $814 billion ($814,000,000,000)
Royal Bank of Scotland (UK): $541 billion ($541,000,000,000)
JP Morgan Chase: $391 billion ($391,000,000,000)
Deutsche Bank (Germany): $354 billion ($354,000,000,000)
UBS (Switzerland): $287 billion ($287,000,000,000)
Credit Suisse (Switzerland): $262 billion ($262,000,000,000)
Lehman Brothers: $183 billion ($183,000,000,000)
Bank of Scotland (United Kingdom): $181 billion ($181,000,000,000)
BNP Paribas (France): $175 billion ($175,000,000,000) – che controlla la BNL

E molte altre banche minori che qui non starò a citare.
Quindi, mentre a noi fanno sudare sette camicie per ottenere un prestito di qualche migliaia di euro, le banche per evitare il fallimento e quindi salvaguardare gli interessi degli Stati Uniti, hanno ricevuto gratuitamente miliardi di euro, a costo zero, senza nessun interesse, e senza nessuna condizione di restituzione. “...Adesso ci è più chiaro chi sono i nove banchieri che si ritrovano, assieme ai loro complici, in qualche ufficio di Wall Street, o a bordo di qualche nave, una volta al mese per complottare contro le nostre vite, il nostro lavoro, il nostro futuro. Sicuramente – dice Giulietto Chiesa - sono tutti fedeli partecipanti alle riunioni del Gruppo Bilderberg e della Trilaterale...”, dei grandi massoni. E con questa manovra l’America  si è ancora più indebitata, più di quanto non lo sia oggi, per prolungare per quanto possibile la fase terminale del cancro da cui sono affetti. Solo una guerra potrà salvare l’economia mondiale. Quindi preparatevi! Oppure potrebbe succedere anche un’altra cosa. E cioè che dopo il fallimento di tutte le banche, uno di questi nove banchieri appartenente al gruppetto di famiglie che hanno posto in essere questo folle sistema, esca allo scoperto offrendoci la salvezza. Offrendo a tutti noi il risanamento dei conti, l'aumento delle pensioni, un reddito di cittadinanza  per tutta l’umanità, fino ad offrirci la pillola per allungare la vita. E a costui ci inginocchieremo tutti, e diremo, “Finalmente è arrivato il salvatore dell’umanità!”. Io però non mi inginocchierò. Anzi. Probabilmente andrò in carcere perché diventerò un rivoluzionario contro il sistema. Non mi arresteranno per atti di violenza, ma  perché commetterò reati ideologici. Perché per merito di questi signori entrerà in vigore anche una legge contro i reati ideologici. Lo so che nessuno mi crede, così come nessuno mi ha creduto quando qualche anno fa dichiarai che tutte le banche erano povere, invitando coloro che avessero depositato del danaro a prelevarlo in fretta, perché glielo avrebbero rubato e mai più restituito. Questo è l’anticristo.

D: Chi può impedire loro di stampare altri soldi senza l'esistenza di un controvalore?
R:  Nessuno. E Lo potrebbero anche rifare, solamente che adesso non conviene. Per il momento sono riusciti a 'tappare' dei buchi sulle spalle della povera gente. Infatti quei soldi che non valgono nulla, il cui valore è equivalente a zero, vengono compensati dal vero valore dei soldi dei cittadini. Per cui tolgono le pensioni, aumentano le tasse a tutti tranne che ai ricchi, diminuiscono i finanziamenti destinati alle cose essenziali della nostra vita quotidiana come la sanità, il lavoro, gli investimenti sulla produzione, etc. Ma nessuno lo può impedire, nessuno. Solo Gesù Cristo può farlo.
 
D: Mi è parsa molto interessante la figura di questo personaggio che ci prometterà la salvezza e la soluzione a tutti i nostri problemi. Ma tutto ciò non si contrappone alla necessità da parte di questo superclan, come lo definisce Giulietto Chiesa, di sterminare miliardi di persone perché le risorse stanno per finire e siamo in troppi su questo pianeta?
R: Dipende. Io vi fornisco delle ipotesi. Loro poi dovranno fare i conti con Gesù Cristo, non con me. La prima ipotesi è che Gesù Cristo potrebbe sconvolgere le loro menti e far scatenare una guerra tra di loro. In questo caso non ci sarebbe nessun salvatore della patria, ma un caos totale che porterebbe all'esplosione di una guerra mondiale. E da li si edificherebbero gli eventi che sappiamo. La seconda ipotesi è che tra qualche anno, in una situazione catastrofica dovuta soprattutto alla mancanza di risorse, apparirà sulla scena mondiale un personaggio che prometterà di risolvere tutti i nostri problemi, anche se di fatto non sarà in grado di portare a compimento i suoi progetti. Quello che posso dire è che loro, questi personaggi che governano il mondo, stanno portando avanti l’inganno, perché si sono mangiati tutto. Voi non vi rendete nemmeno conto di quello che sta succedendo. Immaginatevi una grande festa alla quale siamo tutti invitati dove, giunti al termine, sul tavolo è rimasto solo un pezzettino di torta. Siccome questo pezzettino è controllato dagli invitati più forti, rappresentati da una decina di magnate, questo significa che se gli invitati sono mille, novecentonovanta dovranno essere tenuti a bada ed eliminati senza che loro nemmeno se ne accorgano. E chiunque di loro dirà la verità, come noi, diventerà un potenziale nemico perché istigherà una rivoluzione a favore dei novecentonovanta che rimarranno a bocca asciutta. Per questo vengono posti in essere questi inganni.
 
D: Quindi la figura di questo personaggio che tenterà di ingannare tutti noi servirà da abbaglio, mentre viene portato a termine il diabolico progetto di eliminare gli altri novecentonovanta che vorrebbero spartirsi la torta.
R: Nel mondo non c’è più produzione. A parte poche fabbriche che producono auto e cibo, il resto è tutta produzione spazzatura. Le borse mondiali producono soldi inesistenti, titoli che non valgono niente e le banche comprano titoli di stato, anche nostri, di paesi che sono indebitati.
E vi faccio un esempio. Io compro 50.000 euro dei tuoi debiti, offrendoti 45,000 euro. Debito che poi  rivendo ad un cliente per 55,0000 euro, un prezzo maggiore; e quest'ultimo a sua volta  li rivende a 75.000. Cosicché i tuoi 50.000 di debito in pochi giorni saranno aumentati del 50%. Quindi chi compra e vende, compra fumo e vende fumo, cioè debito. E ti faccio un altro esempio. Se la Fiat produce 500.000 auto, nella vendita del proprio prodotto avrà un guadagno.  Ma dato che la Fiat è quotata in borsa, insieme ai suoi titoli immetteranno anche il tuo debito per venderlo ad altri. Quindi la produzione è minore, rispetto al debito che diventa maggiore, e alla fine ci troviamo con 500.000 auto vendute, un utile ipotetico di 100,000 euro e un debito di dieci milioni euro. Ecco, questo giro vizioso è quello che fanno i grandi magnate dell’economia. Loro speculano proprio su questo. Infatti Berlusconi ha dovuto ricorrere ad una manovra da 40 miliardi da attuare in tre anni. Altrimenti l’Italia avrebbe perso molta parte della credibilità che le resta sui mercati finanziari e la Banca Europea lo avrebbe mandato a casa a pedate. Perché tutti quei miliardari anonimi, cioè gli anticristi, che sono in possesso di titoli di stato italiani, li avrebbero venduti tutti e il debito si sarebbe triplicato. Una volta triplicato, l’Italia sarebbe fallita e noi saremmo finiti nella miseria. E quindi ci tengono per la gola cosi. Alla fine dei conti, chi ha più debito deve pagare. Infatti gli Stati Uniti, il Paese che ha il debito più grande del mondo, inganna tutti gli altri dicendo che produce e che è il più ricco, anche se è esattamente il contrario. E senza alcuna autorizzazione immette somme astronomiche nei conti delle banche. Soldi che non valgono niente, senza alcun controvalore.
 
D: La tua proiezione è molto interessante, oltre che sconcertante. La possiamo identificare in una prova di come si può manifestare l’anticristo?
R:  I potenti che controllano l'economia e detengono in mano il mondo, si sono arricchiti così. Loro non producono niente, comprano e vendono debito e ci guadagnano soldi veri. Quindi hanno da parte miliardi di euro veri, e sul debito di tutti noi ricattano il mondo, intimando il fallimento se non attuiamo la politica guerrafondaia che, schiacciando il mondo, permette loro di accaparrarsi le risorse. Loro hanno in mano il coltello dalla parte del manico. Tutte le persone che vedete, i governi, il parlamento, le democrazie e i loro presidenti, sono tutti fantocci. Non contano niente. Meno di niente. Quindi ritornando alla Federal Reserve, questi personaggi che hanno poteri massonici criminali-mafiosi, hanno imposto al Presidente degli Stati Uniti e al presidente della Banca americana l'erogazione di ingentissime somme per evitare il fallimento. Questo è l’anticristo.
 
D: Come ci possiamo difendere da questa crisi?
R: Ci dobbiamo difendere con astuzia e con la nostra unione. Quello che possiamo fare è unirci tutti, fare una campagna di raccolta di firme e non pagare il debito. Ma se lo facciamo in pochi rischiamo la galera, il che ci porterebbe a ben pochi risultati. Noi comunque possiamo convincere la gente di tutto il mondo, con un piano intelligente, politico, culturale, e spirituale se necessario, di rifiutarsi di pagare il debito. Solo così questi personaggi perderanno il loro potere e ci potremo riprendere in mano gli Stati. E per far questo, se vuoi veramente fare una rivoluzione, devi dimostrare matematicamente a tutti che hai ragione, altrimenti ti accusano di fanatismo. Se ci costringeranno a scegliere tra il pane che dobbiamo dare ai nostri figli e non pagare, io scelgo di non pagare. Adesso è arrivato il momento di dire “Guardate che ci stanno ingannando e ci stanno distruggendo la vita!”. Che è quello che stiamo facendo, anche se resta comunque una proposta utopistica. Noi possiamo benissimo appoggiare un progetto politico di questo tipo, ma la nostra missione è la denuncia di questa situazione gravissima e annunciare la venuta di Cristo.
 
D: Qual è il collegamento tra il sistema finanziario e i debiti?
R: Ipotizziamo che io abbia un debito di centomila euro con dieci persone e che un giorno questi creditori vengano a casa mia per riscuotere la somma dovuta. Se io sono disarmato e non ho i soldi per estinguere il mio debito, cercherò di arrivare a qualche compromesso per la restituzione.
Se invece io sono armato fino ai denti, possiedo cento mitragliette, duecento bazooka, un carro armato e cento pistole, e li punto contro le teste dei creditori che giungeranno alla porta di casa mia, a loro non resterà che tornarsene da dove sono venuti. Questa è la politica attuata dagli Stati Uniti con tutti i loro debitori del mondo, compresa la Cina. Anche se quest'ultima potrebbe dare grande fastidio perché possiede le armi nucleari. Quindi gli Stati Uniti, insieme a tutti quegli Stati che possiedono armi nucleari, potrebbero rispondere “Non vi paghiamo”, e per risanare il debito organizzare una guerra assurda come tutte quelle che ci sono nel mondo. Perché  guerra significa produzione di munizioni, di armi, di aerei, lavoro per i soldati. Significa entrare in una produzione straordinaria impressionante con la vendita di materiale bellico. Infatti, paradossalmente, l’America vende le armi non solo all’interno del proprio Paese,  ma anche ai suoi nemici come la Libia o la Cina. Esattamente quello che hanno fatto gli Stati uniti con Saddam Hussein, prima di fargli la guerra.
 
D: Gli uomini che appoggiano l’anticristo  sono consapevoli della loro posizione?
R: Certo. Gli uomini che sono venuti ad appoggiare l’anticristo ne sono consapevoli.
 
D:  Come collochi la vanità in questo contesto?
R: La vanità è non accontentarsi mai del successo che hai avuto. E questo ti porta ad essere arrogante, vanitoso, e spiritualmente ti perdi. La vanità è un’arma straordinaria per Satana: ti fa credere che sei onnipotente, ti assale il delirio di onnipotenza. Invece noi siamo solo strumenti, servi di qualcuno più grande di noi.
 
D: Se una nazione, l’Italia per esempio, non comprasse più  armi e annullasse o quasi le spese militari, il debito verrebbe risanato?
R: Non verrebbe risanato, però il deficit sarebbe più basso. Ma oltre a ridurre le spese della difesa dovremmo anche fare una patrimoniale per i ricchi. Persino Luca Cordero di Montezemolo, il presidente della Ferrari, ex presidente della Fiat, uomo miliardario della famiglia Agnelli, amico intimo degli Stati Uniti d’America, amico intimo di Obama e di Kissinger, in un'intervista al Corriere della Sera ha dovuto ammettere, riguardo alla crisi, che le misure del governo non sono all'altezza dell'emergenza. E di fronte alla situazione drammatica del nostro Paese, ha proposto di tassare i più ricchi. Se i ricchi definiscono la situazione spaventosa è perché hanno paura che il popolo si rivolti contro di loro. E questo significa che siamo arrivati alla frutta. Luca Cordero di Montezemolo è un personaggio molto vicino all’anticristo. Molto, ma molto vicino. Nonostante ciò, forse illuminato da Dio, ha fatto questa dichiarazione straordinariamente positiva. Ha detto così perché sa che la situazione è come noi la crediamo: apocalittica. In settant'anni di politica italiana io non ho mai sentito un miliardario, uno che rappresenta il capitalismo, proporre di tassare i ricchi. Ma se l'ha detto non è un caso. Perché la situazione è spaventosa. Più spaventosa di quello che voi vi potete sognare, non solo immaginare.
 
D: Che risposta ha avuto? È stato ignorato?
R: È stato ignorato, ovviamente. Probabilmente è stato anche duramente ripreso dai suoi capi, che sono gli anticristi. Io sono rimasto molto sorpreso, perché Luca di Montezemolo guadagna centinaia di milioni di euro e nonostante ciò ha detto questo. Leggetevi l’articolo. Io lo considero un segno del Cielo che avalla le nostre teorie. Infatti dovrebbe essere così. Per risanare il debito si dovrebbero tassare i due milioni di miliardari presenti in Italia, abbassare le spese militari, spazzare via la mafia e privarla dei beni immobili che possiede. Ma siccome coloro che dovrebbero prendere questi provvedimenti sono mafiosi, non lo faranno mai.
 
D: All'interno  di questo gruppo di potenti che governano il mondo, vi è qualcuno consapevole di essere guidato dall’anticristo?
R: Qualcuno credo di si, ma certamente non la maggioranza. Perché con questa consapevolezza c'è il rischio che l’uomo, attraverso il libero arbitrio, si rivolti contro l'anticristo stesso. Quindi Satana fa in modo che i suoi adepti, i suoi più stretti collaboratori  non credano che esista né  Dio, né l’anticristo, né Lucifero. Che non credano a niente, che non c'è niente. Che è esattamente quello  che ha detto la Madonna “Riuscirà a inculcare nei vostri cuori che lui non esiste”. Il mio compito è proprio questo, denunciare l’esistenza di Satana, il suo inganno, ed eventualmente convertire qualcuno della sua cerchia affinché possa tradirlo, e quindi  far scoppiare il caos. Non a caso io giro a destra e a sinistra cercando i pentiti. Io voglio innescare il cancro contro l’anticristo dall’interno, perché dall’esterno noi non abbiamo nessuna forza. Dall’esterno l’unica forza ci verrà data quando torna Cristo. Ma a quel punto non avremo più bisogno di niente, perché ci pensa Lui. Noi intanto nella nostra umiltà portiamo avanti la nostra opera.
 
D: C'è il rischio che anche l'Europa, seguendo l'esempio degli Stati Uniti, si metta a stampare euro falsi?
R: L'Europa non ha bisogno di stampare l'euro, perché la Germania produce. È la più grande produttrice di lavoro al mondo. La numero uno insieme alla Cina. E lei trascina tutti noi. Ma adesso si è stancata e ha detto che se gli altri Stati non si allineano, lei se ne andrà dall'euro e tornerà al marco. E se la Germania fa questo, l'Italia diventerà come l'Argentina. La Germania in questo momento è uno dei pochissimi Stati che produce, quindi ha diritto ad avere una moneta forte. La sua moneta ora è l'euro ma siccome si trascina dietro i mafiosi, i venduti, gli accattoni, i disgraziati e i delinquenti, cioè l'Italia, la Grecia, la Spagna e il Portogallo, potrebbe stancarsi e tornare alla sua moneta. Il marco diventerebbe la moneta più forte del mondo e noi andremmo letteralmente in mezzo alla strada. Quindi dobbiamo ringraziare la Germania se ancora ci mantiene in vita. Ovviamente parlo solo della Germania, perché la Francia e l'Inghilterra si sono vendute agli Stati Uniti. L'Italia nemmeno la nomino, perché è una vergogna… con tutta la sua ricchezza patrimoniale e artistica… si sono mangiati tutto! Io ricordo ancora mio padre, quando ero bambino, che nelle proteste sindacali diceva “Si stanno mangiando tutto!”. Ma ora che ne ho 47, posso dire “Si sono mangiati tutto!”. Ecco perché in Inghilterra le persone bruciano le case. Ma pensate che la gente sia impazzita? Li i giovani hanno capito che a questa situazione non c'è più rimedio. Quindi si sfogano così. Che è certamente una forma sbagliata e criminale, ma lo fanno perché sanno che è finita! È finito tutto!
 
D: Ci sarà una guerra economico-militare?
R: Fra ottobre e novembre ci sarà il punto massimo di questa crisi. Arriveremo senz'altro all'inizio di una guerra mondiale nel 2012.  Probabilmente inizierà fra Israele e Iran, oppure con  l'America che attacca un altro Stato che potrebbe essere la Siria. E poi vi accorgerete che la situazione andrà peggiorando. Ci sarà un lieve miglioramento apparente, grazie al finanziamento della Federal Reserve ma tra sei sette mesi la situazione precipiterà di nuovo, fino a che esploderà. Ma alla gente non interessa. Noi possiamo anche sgolarci, ma non ci crede quasi nessuno. Poi però, quando si troverà in mezzo alla strada e ci verrà a cercare, noi chiuderemo le porte.
 
D: Quando dici che ci dobbiamo preparare cosa intendi dire? Preparare come?
R: In tutti i sensi. Spiritualmente e fisicamente a questa crisi che ci porterà ad essere sempre più divisi, più violenti, a cercare soldi, cibo… ci saranno milioni e milioni di persone vaganti per le strade, come gli zombi a cercare tra la spazzatura qualcosa da mangiare per sopravvivere. Questo succederà intorno alle ville trincerate dei miliardari. Questo succederà anche in Europa, nelle nostre città. Tra poco. Tra pochissimo. Quindi ci dobbiamo preparare. Noi dobbiamo andare avanti con la nostra spiritualità, perché a noi non succederà niente se restiamo uniti. Se ci amiamo, se ci consideriamo fratelli, a noi non mancherà niente per fare l'opera. Però ci dobbiamo credere. Perché se non ci crediamo, ci sarà tolto anche quello che abbiamo. Poco, ma ci toglieranno anche quello. Se invece noi avremo fede ci sarà dato tutto il necessario per compiere la nostra missione di denuncia e di risveglio delle anime. I nostri amici, i giusti come Giulietto Chiesa o Lumia, i nostri amici giudici, gli uomini delle agende rosse, personaggi anche importanti seguiti da milioni di persone, in privato mi dicono “noi non abbiamo quello che hai tu. Tu hai dei militanti. Mentre noi li abbiamo persi tutti per strada. Noi abbiamo folle che sventolano bandiere, che ci votano per interesse, ma non abbiamo militanti. I militanti li hai tu. Quindi potenzialmente nel futuro tu puoi creare un movimento che può cambiare la storia. Perché anche Gramsci, in un bar di Milano, con una dozzina di persone ha creato il partito più potente del mondo dopo la democrazia: il partito comunista. Noi abbiamo visto chi ti segue. Abbiamo visitato i tuoi centri in Italia e in Argentina, tu non hai fanatici, tu hai militanti. Perché quando un leader ha dei militanti potenzialmente può cambiare la storia”. E questo, cari fratelli, noi lo dobbiamo difendere a denti stretti, non lo dobbiamo perdere. Perché è questo che fa tanta paura al diavolo. Perché ci sono delle piccole cellule nel mondo, a Sant'Elpidio, Milano, Palermo, a Pordenone, Bari, in Sardegna, Uruguay, Paraguay che sono veri militanti e gratuitamente rischiano la propria vita per degli ideali. Esattamente come hanno fatto Gramsci o Mazzini… per arrivare fino ai giorni nostri con Borsellino, Falcone, Pio La Torre, e tanti altri. Quindi sono convinti che il nostro movimento può cambiare la nostra società, che può diventare un vero movimento politico. Berlusconi non ha militanti, lui ha i leccapiedi, perché tutti quelli che lo votano lo fanno per interesse.
 
D: Il fine di questa Apocalisse io la identifico nella spinta al risveglio, e tutte le cose negative le percepisco come un brutto sogno che è necessario. Ma cosa significa allora essere astuti contro il demonio?
R: Significa che dobbiamo essere uniti tra di noi. Se dobbiamo sacrificare parte della nostra famiglia, lo dobbiamo fare. Se dobbiamo sacrificare parte della nostra vita, lo dobbiamo fare. E che se dobbiamo sacrificare parte del nostro lavoro, lo dobbiamo fare. Guadagneremo di meno, ma saremo più uniti. Essere uniti è un investimento. Essere uniti per noi militanti è un investimento che ci farà guadagnare molto di più nel futuro. Sia in spiritualità, sia nella materia se ancora esiste un'economia, sia in realizzazione come uomini. Perché se noi invece ci facciamo prendere dalla paura di non arrivare, di non farcela, di non avere il tempo per stare con i fratelli o di andare all'arca, di non avere il tempo per stare uniti e lottare, il maligno avrà vinto.  Anzi, ha stravinto. E noi avremo perso. Perdiamo la militanza, che di per sé è già una grande tristezza. Ma perdiamo anche un’altra cosa: l'anima. E perdere l'anima non ci darà tristezza. Ci farà morire dentro perché faremo la morte seconda. Voi non vi rendete conto di cosa significa essere uniti in questo momento. È l'unica arma contro l'anticristo. Anche se siamo quattro gatti. Perché da soli non andremo da nessuna parte.

Sandra De Marco
San Giovanni di Polcenigo (PN)
10 settembre 2011

DVD - CD

mensajes_secretos

dvd-lacrima

CD MUSICALI PER SOSTENERE FUNIMA INTERNATIONAL
cd-alea cd-viaje-bg

Siti amici

220X130_mystery

ban3milenio

ILSICOMOROA

Collaboratori

unpunto_boxdelcielo_box
logofunimanuevo2015crop_box
catania3banner flavio ciucani 125

Libri

ilritorno1 tapa libroGB Giovetti1
cop dererum1books11
  libroicontattiuniti139copertina italiano140