Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Italiano Español English Português Dutch Српски
knockout200DAL CIELO ALLA TERRA
 
SETUN SHENAR COMUNICA:
 
L’HARBAR CHE GALOPPA COME UN SOMARO MATTO
 
LO ABBIAMO DETTO E LO RIPETIAMO ANCORA, LA PESTE DEI NEURONI DEL CERVELLO (HARBAR) GALOPPA COME UN SOMARO MATTO. SIETE MALATI PSICHICAMENTE E SPIRITUALMENTE. SIETE ORMAI PROSSIMI ALL'AUTO DISTRUZIONE.
A PARTE UNA PICCOLISSIMA ECCEZIONE LA VOSTRA UMANITÀ È DESTINATA A SCOMPARIRE. NOI, ALIENI, SIAMO PRONTI E DISPONIBILI A PRESERVARE TUTTI I SOGGETTI ANCORA NON CONTAMINATI DAL VIRUS DIABOLICO CHE DOMINA LE VOSTRE ESISTENZE.
PACE!

SETUN SHENAR SALUTA

Sant’Elpidio a Mare (Italia)
31 Dicembre 2013
 
Messaggi allegati all'interno
 
 
«KNOCKOUT GAME»: IL GIOCO FOLLE DEI PUGNI A PASSANTI

Un pugno solo, assestato a passanti sconosciuti. E’ il gioco delirante del “Knockout game” sempre più diffuso negli Usa.
Lo chiamano «knockout game», ma non è certo un gioco. È invece un fenomeno allarmante, che sembra diffondersi sempre di più negli Stati Uniti. In qualche modo ricorda «Amici miei», quello scherzo degli schiaffi rifilati ai passeggeri affacciati ai finestrini dei treni in partenza. Ma negli Usa si contano già tre morti: teenager che aggrediscono in strada ignari passanti, senza alcun preavviso, provando a «stenderli» con un solo pugno, «per divertimento», e per dimostrare agli amici di essere capaci di farlo. Gli episodi si moltiplicano. E una pericolosa emulazione si sta registrando anche nella Gran Bretagna, dove la stampa parla del diffondersi allarmata del «knockout game».
L’ULTIMO EPISODIO 4 GIORNI FA - L’ultimo episodio in ordine di tempo è stato registrato domenica a Washington, dove una donna di 26 anni è stata aggredita da un ragazzino che, arrivato all’ improvviso con un gruppo di amici in bicicletta, le ha sferrato un pugno alle spalle, colpendola con violenza alla nuca. Molti casi del genere sono stati segnalati anche in New Jersey, Massachusetts, Wisconsin, Missouri, Illinois e a New York.
«BRAVATE» RIPRESE - E allo stesso tempo, aumenta costantemente il numero dei filmati postati su YouTube in cui si possono vedere persone di ogni età, uomini e donne, prese improvvisamente a pugni e finire a terra, spesso senza sensi e senza neanche la capacità di mettere le mani avanti per contenere i danni della caduta. Si tratta in gran parte di immagini riprese da telecamere di sorveglianza, ma anche di filmati ripresi con i telefonini dagli amici del bullo di turno, per documentare la bravata e suscitare commenti online, oltre che per fornire «l’esempio». In queste cose «non c’è rabbia», ha affermato un ragazzo intervistato dalla Cbs, è solo «per divertimento», ha detto un altro, «vogliono solo vedere se hanno abbastanza forza per mandare qualcuno k.o. con un pugno».
IPOTESI RAZZISMO - Ma la polizia di New York sospetta che dietro di sia anche qualche altra motivazione. Dopo una serie di aggressioni di questo tipo in una zona di Brooklyn dove c’è un’alta concentrazione di ebrei, ha cominciato a considerare la possibilità che si tratti di crimini d’odio. Secondo quanto scrive il New York Post, si tratta di un fenomeno che va avanti da anni in molte zone degli Stati Uniti, in cui, oltre agli ebrei, gang di ragazzi neri hanno preso di mira anche bianchi in generale o asiatici, e spesso non a caso chiamano le loro bravate «caccia all’orso polare».
GLI ARRESTI - A volte, proprio grazie alle telecamere di sorveglianza, i bulli vengono arrestati. Ad esempio, nel settembre scorso, due ragazzini di 13 e 16 anni sono stati condannati a 18 mesi di arresti domiciliari per l’uccisione di un uomo a Syracuse, nello stato di New York. In Missouri, un ragazzo di 20 anni è stato invece condannato a 55 anni di prigione per omicidio di secondo grado. Ma molti altri «giocatori», afferma il Daily News, sono invece riusciti a eludere la legge, e probabilmente sono pronti a «giocare» di nuovo.
23 novembre 2013
Corriere della Sera
                 
Allegati messaggi sull’Harbar:
 
 
 
 
02-01-12 Una peste psichica che attacca i neuroni del cervello
 

DVD - CD

mensajes_secretos

dvd-lacrima

CD MUSICALI PER SOSTENERE FUNIMA INTERNATIONAL
cd-alea cd-viaje-bg

Siti amici

220X130_mystery

ban3milenio

ILSICOMOROA

ban antimafia

Collaboratori

unpunto_boxdelcielo_box
logofunimanuevo2015crop_box
catania3banner flavio ciucani 125

Libri

ilritorno1 tapa libroGB Giovetti1
cop dererum1 ricagni1
Nuova copertina libro Debora1 books11

libroicontattiuniti139