Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Italiano Español English Português Dutch Српски
DAL CIELO ALLA TERRA

ninios
SE TORTURATE E UCCIDETE I BAMBINI UCCIDETE DIO E BESTEMMIATE CONTRO LO SPIRITO SANTO. È STATO DETTO E SCRITTO DAL GENIO SOLARE CRISTO, FIGLIO DI DIO: “SE CREATE SCANDALO AI BAMBINI È MEGLIO CHE VI METTIATE UNA PIETRA AL COLLO E VI GETTATE IN MARE” (Matteo, cap. 18-6).
LA MAGGIORANZA DELL'UMANITÀ DEL PIANETA TERRA HA UCCISO DIO TANTE VOLTE CON L'ODIO E LA VIOLENZA. MA DIO RISORGE CON IL SUO INFINITO AMORE E CONTINUA A PERMETTERE CHE LA VITA SI MANIFESTI SUL VOSTRO MONDO.
MA STATE ATTENTI, DIO È ETERNO ED È GIUSTO. LA SUA PAZIENZA POTREBBE TRASFORMARSI IN IRA SANTA E ALLORA LE CITTÀ DEL MONDO SUBIREBBERO LO STESSO DESTINO DI SODOMA E GOMORRA.
I SEGNI DELL'IRA SANTA DI DIO INIZIANO A MANIFESTARSI AFFINCHÉ GIUSTIZIA SIA FATTA PER AMORE DEI GIUSTI, DEI BUONI E DEGLI ELETTI.
IL GIORNO DEL PADRE È PROSSIMO E SARÀ IL GIORNO DEL FIGLIO GESÙ CRISTO CHE RITONERÀ CON POTENZA E GLORIA SULLA TERRA PER GIUDICARE IL MONDO E INSTAURARE ANCHE SUL VOSTRO PIANETA IL REGNO DEL PADRE GLORIOSO.
PACE!
 
DAL CIELO ALLA TERRA
 
Sant’Elpidio a Mare (Italia)
3 Agosto 2016. Ore 12:46
 
Tratta e sfruttamento dei minori: il report di Save the Children
Nigeriane. Somali. Eritrei. Chi sono le baby vittime di sfruttamento e violenza in Italia.

Piccoli schiavi. Ragazze poco più che bambine gettate sulla strada. Bambini inghiottiti da ogni tipo di traffico illecito, dallo spaccio al lavoro nero.
Migliaia di minori che sono un business per le mafie e per la criminalità organizzata. Nel nostro Paese la tratta di persone costituisce infatti la terza fonte di reddito per le organizzazioni criminali, dopo il traffico di armi e di droga.

PICCOLI INVISIBILI. Il fenomeno della tratta è estremamente complesso e difficile da mappare, soprattutto in Italia. Spesso infatti coinvolge minori stranieri non accompagnati, soprattutto eritrei e somali, molti dei quali sono in transito nel nostro Paese e si spostano da una città all'altra. Minori che, in assenza di sistemi di transito legali e protetti, si allontanano dai centri di accoglienza e si rendono invisibili alle istituzioni nella speranza di raggiungere il Nord Europa, divenendo però facili prede degli sfruttatori.

NEL 2016 SBARCATI 11.608 MINORI. I numeri del dossier Save the Children (Piccoli schiavi invisibili - I minori vittime di tratta e sfruttamento: chi sono, da dove vengono e chi lucra su di loro) parlano chiaro: tra gennaio e giugno 2016 sulle nostre coste sono arrivate 70.222 persone in fuga da guerre, fame e violenze, e di queste 11.608 sono minori, il 90% dei quali (10.524) non accompagnati, un numero più che raddoppiato rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente (4.410 da gennaio a giugno 2015).

BABY PROSTITUTE. Il profilo dei minori vittima di tratta e sfruttamento vede una presenza significativa di ragazze nigeriane, rumene e di altri Paesi dell'Est Europa, sempre più giovani, costrette alla prostituzione su strada o in luoghi chiusi.
Attraverso le attività delle unità mobili e di outreach, Save the Children ha inoltre intercettato gruppi di minori egiziani, bengalesi e albanesi inseriti nei circuiti dello sfruttamento lavorativo e nei mercati del lavoro in nero, costretti a fornire prestazioni sessuali, spacciare droga o commettere altre attività illegali.

L'odissea delle ragazzine nigeriane

Nei primi sei mesi del 2016, sono sbarcate sulle nostre coste 3.529 donne di nazionalità nigeriana. Molte di loro sono adolescenti di età compresa tra i 15 e 17 anni.
Tra il 2014 e il 2015 gli arrivi di ragazze nigeriane in Italia hanno conosciuto un incremento del 300%.,

IL DEBITO DA RIPAGARE. Secondo le testimonianze di Save the Children, «le ragazze vengono adescate nel circuito della tratta tramite conoscenti, vicini di casa, compagne di scuola o spesso anche sorelle maggiori già arrivate in Italia». Una volta reclutate, vengono costrette a un giuramento tramite i riti dello juju o del voodoo, con cui si impegnano a restituire allo sfruttatore il proprio debito, che si aggira tra i 20 mila e i 50 mila euro. Spesso sono messe a conoscenza del loro destino una volta in viaggio e quindi, secondo il report, sono indotte alla prostituzione «già nelle aree limitrofe ai centri di accoglienza e identificazione, oppure vengono trasferite dai trafficanti in Campania, per essere smistate e distribuite nelle principali città italiane».
Le ragazze per liberarsi devono restituire la cifra pattuita allo sfruttatore, insieme con le spese di affitto sia della camera sia della porzione di marciapiede che viene loro assegnato. Quest'ultimo può arrivare a costare dai 100 ai 250 euro al mese.

DISPOSTE A TUTTO PER GUADAGNARE. Non solo. Il magnaccia può multare le ragazze per ogni loro minima ribellione alle regole. Per questo, scrive il rapporto, «costrette a prostituirsi in qualsiasi condizioni fisica e a costi bassissimi e ad accettare anche rapporti non protetti, con la conseguenza di dover ricorrere all’interruzione volontaria di gravidanza, spesso clandestina, ed esponendosi al rischio di malattie sessualmente trasmissibili».
Per andare avanti in queste condizioni, molte ragazze sono costrette a fare uso di sostanze stupefacenti.

Le schiave rumene e dell'Est: dalla strada ai campi

Anche le ragazze rumene sono esposte alla prostituzione forzata, con un aumento delle minorenni dai 15 ai 17 anni.
Come fa notare Save the Children, «spesso provengono da contesti socio-culturali poveri e sono sin da piccole vittime di violenze domestiche e alcolismo».

I FIDANZATI AGUZZINI. Arrivano in Italia con collegamenti via terra a costo contenuto, sperando di trovare lavoro come bariste o cameriere. Spesso sono accompagnate dallo sfruttatore che spessi si maschera da fidanzato.
Ma queste giovani non finiscono solo in strada. Vengono sfruttate anche nei campi, dove sono «soggiogate dai loro datori di lavoro, tra cui anche cittadini italiani», che arrivano a costringerle ad avere rapporti sessuali.

I bambini egiziani, sfruttati per ripagare il debito

Secondo le testimonianze raccolte da Save the Children, i minori egiziani arrivati in Italia nel 2016 hanno tra i 14 e i 16 anni, un'età inferiore rispetto ai connazionali sbarcati nel 2015.
Il viaggio è organizzato da una rete di persone conosciute dalla comunità con cui vengono stipulati veri e propri contratti.
Il debito per ogni bambino va dai 2 mila ai 4 mila euro. Ma può arrivare a 10 mila per chi è giunto nel nostro Paese attraverso la rotta balcanica.
Dopo lo sbarco, questi adolescenti lasciano i centri di accoglienza diretti a Nord e nel Centro Italia: le mete più gettonate sono Roma, Milano e Torino. Alcuni invece puntano a raggiungere altri Paesi europei.

NEOMAGGIORENNI A RISCHIO. Una volta arrivati a destinazione, se sono fortunati entrano nelle comunità per minori. Molti ragazzi, però, che non hanno la possibilità di entrare nel percorso di protezione, in particolare i neomaggiorenni rischiano di essere sfruttati e vivere per strada.
Tutti però hanno la necessità di mandare soldi a casa per ripagare il proprio debito.
Accade così che a Milano e Torino, la maggior parte di loro viene sfruttata in pizzerie, panifici o mercati ortofrutticoli. Mentre a Roma, «sono tantissimi i minori egiziani che lavorano all’interno dei mercati generali della frutta e verdura, nelle pizzerie, negli autolavaggi o nelle frutterie».

LA TRAPPOLA DELL'APPRENDISTATO. «Vengono pagati pochissimi euro e a volte non vengono proprio retribuiti, con la scusa che il lavoro svolto costituisca un apprendistato», sottolinea il rapporto. «In alcuni casi, questi ragazzi sono anche vittime di sfruttamento sessuale o coinvolti in attività illegali come lo spaccio di sostanze stupefacenti».

Minori in transito: eritrei e somali sono i più a rischio

I più esposti al rischio di abuso e sfruttamento sono i minori in transito, soprattutto eritrei e somali,
«Si tratta di bambini e adolescenti giovanissimi che sin dall’inizio del loro viaggio subiscono trattamenti disumani e degradanti, spesso vere e proprie forme di tortura, e che vengono scambiati tra gruppi di trafficanti come avviene nel mercato della droga o delle armi», scrive Save the Children.
L’arrivo in Europa non significa per loro la fine dello sfruttamento ma un nuovo inizio. La strada che devono percorrere per raggiungere il Paese di destinazione e la necessità di rendersi “invisibili” li rende ancora più vulnerabili.

L'identikit del trafficante: dagli scafisti bambini ai boss nigeriani

Per la prima volta, il dossier approfondisce il profilo non solo delle vittime, ma anche degli “offender”, cioè gli sfruttatori, dal singolo fino alle organizzazioni criminali, che gestiscono «la tratta di persone come attività propedeutica e funzionale a traffici illeciti più lucrativi, come per esempio quello di droga».

AGENZIE INTERINALI DEL CRIMINE. I gruppi transnazionali più complessi hanno cellule in tutta Europa e riescono a spostare e gestire un numero notevole di persone, arrivando a muoverle da un Paese all’altro del continente, a seconda della domanda di lavoro forzato o di prostituzione che si creano di volta in volta.
Nel caso degli sfruttatori individuali, particolarmente frequente per le ragazze rumene e dell’Europa orientale costrette alla prostituzione, spesso la condizione di subordinazione e assoggettamento viene messa in atto da una persona con cui la vittima ha una relazione di parentela (cugine o sorelle) o un vincolo sentimentale.
La dipendenza affettiva quindi non fa percepire lo sfruttamento in atto.

INTERMEDIARI-GARANTI. Nel traffico dei giovani afghani, invece, è conosciuta la figura dell'intermediario, una sorta di garante che tiene «i rapporti con il trafficante allo scopo specifico di tenere bloccato il pagamento finché il minore non giunge al Paese di destinazione».
Gli scafisti che si occupano delle traversate sono sempre più spesso minorenni. Come raccontato da piccoli egiziani e afghani si può trattare «addirittura di loro pari costretti ad adempiere a questo compito per pagarsi una parte del viaggio. L’utilizzo dei minori per la traversata garantisce ai trafficanti di non esporsi al pericolo del viaggio via mare o al rischio di venire arrestati e incriminati dalle autorità italiane».

L'ACCORDO CON LE MAFIE. Le organizzazioni criminali che hanno in mano la tratta invece mirano allo sfruttamento delle vittime anche dopo il loro arrivo.
È il caso, sottolinea il rapporto, «dei boss nigeriani che, in accordo con le mafie locali, gestiscono oggi importanti segmenti del traffico e dello spaccio di droga tramite una elevata capacità di controllo sul territorio e sulle persone».

29 Luglio 2016© RIPRODUZIONE RISERVATA
http://www.lettera43.it/capire-notizie/tratta-e-sfruttamento-dei-minori-il-report-di-save-the-children_43675255405.htm
 
DAL CIELO ALLA TERRA
 migrantchild
Aylan, 3 anni, è morto annegato mentre, con altri migranti, da Bodrum cercava
di raggiungere Kos (Nilufer Demir/DHA/Reuters)

HANNO UCCISO DIO!

LA MORTE DI DIO E LA SUA RESURREZIONE!
GUARDATE QUESTA IMMAGINE!
IL CORPO DEL PICCOLO AYLAN ANNEGATO GIACE STRAZIATO SULLA RIVA DEL MARE.
VI HO GIÀ DETTO CHE I BAMBINI SONO L'ESPRESSIONE DELLA PUREZZA E DELL'AMORE PIÙ GRANDE DI TUTTI GLI AMORI. SONO IL CRISTO IN MEZZO A NOI.
UCCIDENDO I BAMBINI, UCCIDETE DIO!
SI, È VERO, AVETE UCCISO DIO ANCORA UNA VOLTA!
LO UCCIDETE 30MILA VOLTE AL GIORNO, TANTI QUANTI SONO I  BAMBINI CHE MUOIONO OGNI 24 ORE NEL VOSTRO MONDO TRA  ATROCI SOFFERENZE.
SE DA UN LATO IL SACRIFICIO DI QUESTI PICCOLI-GRANDI ESSERI CRISTICI, ELETTI DAL PADRE, REDIME E PURIFICA I PECCATI DEI CHIAMATI DA SUO FIGLIO IL CRISTO, DALL’ALTRO SONO TESTIMONI E VITTIME DELLA DIABOLICITÀ UMANA DELLA MAGGIORANZA DEGLI UOMINI I QUALI, VIOLENTI O INDIFFERENTI, HANNO VENDUTO L'ANIMA A SATANA E LUCIFERO E PER CIÒ SARANNO GIUDICATI DAL FIGLIO DI DIO.
AYLAN E TUTTI I SUOI FRATELLINI, MILIONI E MILIONI, SONO GIÀ NELLA LUCE DI CRISTO E PRESTO SI INCARNERANNO DI NUOVO NEL REGNO DI DIO IN TERRA.
IL LORO SACRIFICIO È GIUNTO SINO ALLA SOMMITÀ DEL CIELO,  NELLA CASA DEL PADRE ADONAY IL QUALE HA GIÀ ORDINATO ALL'ARCANGELO DELLA GIUSTIZIA DI SFODERARE LA SUA SPADA PER ABBATTERE SATANA E I SUOI SEGUACI.
TEMPI APOCALITTICI VERRANNO PER  L'UMANITÀ DEL VOSTRO PIANETA. I QUATTRO CAVALIERI DELL'APOCALISSE: L'ACQUA,  L'ARIA, LA TERRA E IL FUOCO METTERANNO IN GINOCCHIO GLI ASSASSINI DELLA VITA, COLPEVOLI DI REATI COMMESSI CONTRO LO SPIRITO SANTO E QUINDI  PRIVI DI ASSOLUZIONI E DI PERDONO. IN QUEL TEMPO, PROSSIMO A MANIFESTARSI, I CIELI SI SQUARCERANNO E APPARIRÀ IL FIGLIO DI DIO CON  POTENZA E GLORIA E ALLORA SARANNO GUAI, GUAI, PIANTO E STRIDOR DI DENTI PER COLORO CHE HANNO UCCISO TUTTI GLI AYLAN DEL MONDO.
HANNO UCCISO DIO!
 GLI UOMINI HANNO TRADITO, RINNEGANDO, LO SPIRITO DELL'ALTISSIMO E I 10 COMANDAMENTI CONSEGNATI A MOSÈ SUL MONTE SINAI.
SI!
DIO È STATO UCCISO DALL'UOMO MA EGLI, IL SOLE DIVINO, RESUSCITERÀ E  SCATENERÀ UN NUOVO DILUVIO UNIVERSALE, PER  LA SALVEZZA DEI  SUOI CHIAMATI,  DEI SUOI GIUSTI E DEI SUOI ELETTI.
SAPPIATELO!
PACE E GIUSTIZIA SULLA TERRA.

DAL CIELO ALLA TERRA
 
Sant’Elpidio a Mare (Italia)
3 Settembre 2015. Ore 20:23
 
 

Messaggi allegati:

- 10-08-15 Satana è di pelle bianca: Immigrati uccisi e torturati
http://www.giorgiobongiovanni.it/messaggi-2015/6166-satana-e-di-pelle-bianca-immigrati-uccisi-e-torturati.html }
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
- 7-07-11 L’Ira di Dio. Messaggio di Adonay, il Padre di Cristo, a tutti gli assassini della vita
http://www.giorgiobongiovanni.it/messaggi-2011/3688-lira-di-dio.html
 
 
 
 
 
 

DVD - CD

mensajes_secretos

dvd-lacrima

CD MUSICALI PER SOSTENERE FUNIMA INTERNATIONAL
cd-alea cd-viaje-bg

Siti amici

220X130_mystery

ban3milenio

ILSICOMOROA

ban antimafia

Collaboratori

unpunto_boxdelcielo_box
logofunimanuevo2015crop_box
catania3banner flavio ciucani 125

Libri

ilritorno1 tapa libroGB Giovetti1
cop dererum1 ricagni1
Nuova copertina libro Debora1 books11

libroicontattiuniti139