Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

3chicas100Questa cifra rappresenta il 50% del budget per la ricerca a disposizione del Sant Joan de Deu Hospital
 
Daniela e Mariona, 12 anni e Candela, hanno raccolto più di un milione di euro per la ricerca sul cancro infantile, con la vendita di braccialetti. (Quique García / EFE)
Quello che era iniziato come un gioco sta diventando un fenomeno sociale e di solidarietà. Daniela e Mariona, amiche di Candela, una ragazza affetta da leucemia, hanno deciso un bel giorno di iniziare questa impresa di solidarietà per aiutare la loro amica. Il gesto delle ragazze è piaciuto molto, così come i bracciali, ed hanno iniziato a venderli a buon ritmo!
Tre anni più tardi, grazie al coinvolgimento di centinaia di persone, il prodotto è diventato popolare ed ha già venduto più di 274.000 pezzi in tutta la Spagna; il che significa un milione di euro, destinati all’equipe di oncologia dell'ospedale Sant Joan de Deu ed alla creazione di un laboratorio dedicato esclusivamente alla ricerca sul cancro infantile, con sei linee di ricerca e 27 professionisti.
La storia è iniziata nelle mani della paziente stessa, che durante il suo ricovero ospedaliero a  Barcellona, ha imparato da un volontario a fare braccialetti. In uno dei viaggi a Benicarlo, ha  trasferito la sua conoscenza alle sue amiche, che hanno pensato che sarebbe stato un buon modo per raccogliere fondi per la ricerca per la sua malattia. In un primo momento, i loro genitori hanno preso l'iniziativa con un sorriso, ma dopo i primi risultati si sono resi conto della dimensione che stava prendendo "il gioco" delle loro figlie.

3chicasScuole, case di cura, associazioni di quartiere ed aziende si sono impegnate nella produzione e distribuzione di questo successo: i "Candelas". Si stima che per la composizione di tutti i braccialetti venduti fino ad oggi siano stati eseguiti 16 milioni di nodi ed utilizzati quasi 600 chilometri di filato.

La soddisfazione delle tre ragazze è palpabile nelle loro dichiarazioni. "Sono molto felice di raccogliere tanto denaro, perché so che aiuterà molte persone", ha spiegato emozionata Candela, dopo aver ricevuto da parte dell’ospedale un cuore d'oro, come riconoscimento della sua opera di beneficienza. "Credo che niente mi renderà mai di nuovo così tanto felice, questo è impressionante", ha ammesso Daniela. Nel frattempo, Mariona ha dichiarato: "Sono stupita e questo è merito di tutti", riferendosi alle migliaia di persone che hanno partecipato direttamente o indirettamente ai "Candelas".
L'Ospedale Sant Joan de Deu di Barcellona è un centro di riferimento nazionale per la cura dei tumori infantili e di riferimento internazionale per alcuni tipi di tumori. Ogni anno ospitanono circa 250 nuovi pazienti.
Il cancro infantile è molto diverso dal cancro degli adulti. Ha un’incidenza molto più bassa, non si può prevenire, richiede diverse terapie e risponde anche in modo molto diverso. Pertanto, i risultati delle indagini sul cancro negli adulti non possono essere estrapolati per il cancro infantile e si dovrebbe incoraggiare la ricerca scientifica.
 3chicas2
Daniela, a destra e Mariona, a sinistra, con la loro amica Candela che hanno aiutato a vendere 1 milione di braccialetti. Foto David Airob

Martí Paola
12/01/2017

http://www.lavanguardia.com/vida/20170111/413266229263/un-millon-de-euros-pulseras-cancer-infantil.html

Video: https://www.youtube.com/watch?v=Pru_43OEKqc