Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Italiano Español English Português Dutch Српски

dalcieloallaterra

 

USA: FALLISCE LA INDYMAC BANK. SI AGGRAVA LA CRISI FINANZIARIA
di Marco Valsania
Le autorità americane sono state costrette a rilevare la IndyMac Bank, una delle principali casse di risparmio americane specializzate in mutui.
Il collasso dell'istituto, consumatosi nella notte, è uno dei più grandi fallimenti bancari nella storia degli Stati Uniti: IndyMac ha asset per 32 miliardi di dollari. L'istituto riaprirà i battenti lunedì mattina sotto la gestione dell'agenzia federale Federal Deposit Insurance Corp. (Fdic).
Il fallimento costerà alla Fdic, e quindi ai contribuenti, tra i 4 e gli otto miliardi di dollari, prelevati dal suo fondo che assicura i depositi bancari e che oggi dispone di 53 miliardi di dollari. Il collasso più grave tra le banche americane è stato, nel 1984, quello della Continental Illinois National Bank & Trust con asset per 40 miliardi di dollari.
Il fallimento di IndyMac e l'intervento governativo sono diventati il segno più evidente del continuo aggravarsi della crisi dei mutui e del credito. Le autorità temono che il crack nel settore finanziario non sarà l'ultimo. Negli ultimi giorni anche la crisi dei colossi dei mutui Fannie Mae e Freddie Mac ha scatenato voci di possibili e colossali salvataggi pubblici in arrivo.
Nella vicenda di IndyMac una delle agenzie di regolamentazione bancaria, l'Office of Thrift Supervision, ha accusato l'influente senatore democratico Charles Schumer di essere responsabile del fallimento: avrebbe seminato il panico inviando a fine giugno una lettera alle autorità che metteva in dubbio la solidità finanziaria della banca. Negli undici giorni successivi i risparmiatori hanno ritirato ben 1,3 miliardi in depositi. Ma Schumer ha risposto che la responsabilità è invece tutta dell'inadeguata supervisione: le autorità federali avrebbero dovuto svolgere il loro compito di controllo, impedendo alla banca di utilizzare irresponsabili pratiche nei prestiti immobiliari.
Tratto da il sole24ore.com

 

HO SCRITTO IL 15 LUGLIO 2008:

PURTROPPO LE NOSTRE PREVISIONI SI SONO RIVELATE ESATTE. LA INDYMAC BANK, UNA DELLE MAGGIORI BANCHE SPECIALIZZATE IN MUTUI, È CROLLATA LASCIANDO SUL LASTRICO MIGLIAIA DI FAMIGLIE AMERICANE CHE SONO ORA IN FILA DAVANTI AGLI SPORTELLI DELLA BANCA PER CERCARE DI SALVARE I PROPRI RISPARMI.
LA GRAVE CRISI HA DESTABILIZZATO E STA DESTABILIZZANDO LE BORSE DI TUTTO IL MONDO.
QUESTO TUTTAVIA NON È CHE IL PRELUDIO DI QUELLO CHE ACCADRÀ NEI PROSSIMI MESI E ANNI.
GUERRA, GUERRA E ANCORA GUERRA.
SOLO IN QUESTO MODO GLI USA POSSONO TENTARE DI RIEMERGERE, POCO IMPORTA SE A PREZZO DI MILIONI DI VITE UMANE.
L’EUROPA SAPRÀ REAGIRE CON SAPIENZA E SAGGEZZA OPPURE SARÀ COMPLICE DI QUESTO STERMINIO? L’HO GIÀ DETTO E LO RIPETO: L’APOCALISSE È IN CORSO.

 

GIORGIO BONGIOVANNI

Sant'Elpidio a Mare (Italia)
15 Luglio 2008

DVD - CD

mensajes_secretos

dvd-lacrima

CD MUSICALI PER SOSTENERE FUNIMA INTERNATIONAL
cd-alea cd-viaje-bg

Siti amici

220X130_mystery

ban3milenio

ILSICOMOROA

Collaboratori

unpunto_boxdelcielo_box
logofunimanuevo2015crop_box
catania3banner flavio ciucani 125

Libri

ilritorno1 tapa libroGB Giovetti1
cop dererum1books11
  libroicontattiuniti139copertina italiano140