Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Italiano Español English Português Dutch Српски

 Segni dei Tempi

lagou200Nella Death Valley è comparso ‘a sorpresa’ uno spettacolare lago di 16 chilometri, come mostra lo scatto del fortunato fotografo. Ma come è possibile? I meteorologi ci spiegano che le cause di questa formazione sono legate alle abbondanti precipitazioni che hanno bagnato questa terra così arida creando questo lago temporaneo.
Nella Death Valley è comparso improvvisamente un enorme lago di 16 chilometri, le immagini dello spettacolo naturale hanno fatto immediatamente il giro del web, ma vediamo insieme come sia possibile e cosa è successo nel Parco Nazionale.

oggetto200Aerei dirottati a Orio e Linate, voli lasciati “in avvicinamento” fino al rientro dell’allarme
I radar di Malpensa hanno rilevato questa sera, domenica, un oggetto luminoso in volo a circa 6 chilometri a sud della torre di controllo, nella direzione dello scalo destinata agli arrivi.
Attorno alle 19 sono scattate le procedure di controllo, il capo scalo ha avvisto Enac e Polaria e alcuni voli in arrivo per precauzione sono stati dirottati nei vicini aeroporti di Orio e Linate.
Altri voli sono risultavano “in avvicinamento” a partire dalle 19; l’allarme è rientrato prima delle 20: l’aeroporto è tornato alla piena operatività alle 19.38.
Lo scalo non è mai stato chiuso, ma solo con operatività limitata per i velivoli in arrivo.
Nell’arco di circa 30 minuti i voli dirottati sono stati in tutto 7, di cui due a Linate, 3 a Bergamo e 2 a Torino.
Sono tuttora in corso le indagini affidate alla Polizia per capire di cosa si sia trattato: è probabile più un piccolo drone azionato da terra che un elicottero, in quest’ultimo caso il velivolo è dotato di radio per le comunicazioni con la torre di controllo.
di Andrea Camurani - 3 Marzo 2019
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

iceberg2Brunt Ice Shelf, in Antartide, in una foto del 23 gennaio 2019: a destra la crepa che avanza

(Credits: Nasa)

La Nasa mostra le immagini e i rischi legati a due crepe che avanzano. Paura per "gli insediamenti umani" della base scientifica Halley

CREPE che fanno paura. Secondo la Nasa un gigantesco iceberg, grande circa come due volte la superifice di New York, è pronto a staccarsi dalla piattaforma di ghiaccio dell'Antartide nell'Oceano Atlantico. Gli scienziati affermano che è impossibile prevedere quando accadrà e gli impatti concreti della rottura sulla restante piattaforma ma temono per "le infrastrutture scientifiche e la presenza umana" nella Brunt Ice Shelf, dove è presenta la Halley Vla Research Station, stazione di ricerca in cui la British Antarctic Survey opera fin dal 1955 ottenendo importantissime scoperte come ad esempio quella relativa al buco dell'ozono.

figliTREVISO C’è una storia, tra le pagine, che parla di integrazione e solidarietà nate da dolore e paura, oggi così vicine e partite da così lontano. Ma anche, con aneddoti di quotidiana semplicità, di cosa significa aprire le porte di casa, da un giorno all’altro, a sei figli africani arrivati dal mare. Accoglierli nelle stanze accanto a quattro figli già grandi e due genitori che si sono battuti per la dignità di chi, povero e affamato, cerca una famiglia prima ancora che un tetto. Ragazzi con la pelle scura e il cuore grande che dopo pochi mesi di convivenza già hanno preso il cognome del papà italiano: «Io sono Saeed Calò».

La (grande) famiglia Calò

Diario di mamma

eje2Le misurazioni fatte dai satelliti e dagli osservatori terrestri non corrispondono più ai dati del vecchio modello elaborato nel 2015

Inseguito dalle bussole di tutto il mondo, il Polo Nord magnetico si sta spostando più rapidamente del previsto dal Canada verso la Siberia, a una velocità di circa 55 chilometri l’anno. Per questo l’ente americano per le ricerche sull’atmosfera e gli oceani (Noaa) ha pubblicato con un anno di anticipo il nuovo Modello Magnetico della Terra, che viene solitamente aggiornato ogni cinque anni per garantire precisione e sicurezza ai sistemi di navigazione marittima e aerea, ma anche per fornire informazioni utili in campo militare e civile come nelle operazioni di soccorso, e perfino per le bussole degli smartphone.

DVD - CD

mensajes_secretos

dvd-lacrima

CD MUSICALI PER SOSTENERE FUNIMA INTERNATIONAL
cd-alea cd-viaje-bg

Siti amici

220X130_mystery

ban3milenio

ILSICOMOROA

Collaboratori

unpunto_boxdelcielo_box
logofunimanuevo2015crop_box
catania3banner flavio ciucani 125

Libri

ilritorno1 tapa libroGB Giovetti1
cop dererum1 ricagni1
Nuova copertina libro Debora1 books11

libroicontattiuniti139