Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Italiano Español English Português Dutch Српски

capovilla2Morto Mons. Capovilla: vide un “essere alieno” con Giovanni XXIII

Astronomi vaticani confermano l’esistenza dei Riv (“Res Inesplicata Volantes”). Il Gesuita Padre Reyna: «Da due degli Osservatori molte volte ho seguito le evoluzioni degli Ufo»

________________________________________

Cordoglio nella Chiesa per la morte avvenuta a Bergamo del Cardinale Loris Francesco Capovilla, già segretario particolare di Angelo Roncalli, quando era patriarca di Venezia, poi divenuto Papa con il nome di Giovanni XXIII. Loris Capovilla era il più anziano vescovo d’Italia ed era stato ordinato Cardinale da Papa Francesco nel febbraio del 2014. Aveva compiuto i cento anni nell’ottobre dello scorso anno e aveva scelto di festeggiarli a Sotto il Monte (BG) – paese natale di Roncalli – insieme ai tanti profughi ospitati in un Istituto di suore. Dopo la morte di Giovanni XXIII era diventato nel 1967 vescovo di Chieti, in seguito passò a Loreto e nel 1988, dopo aver dato le dimissioni, si ritirò a Sotto il Monte. Il primo incontro con Roncalli risale al 1950 quando il futuro Papa era nunzio a Parigi, e come Patriarca di Venezia lo volle al suo fianco quale segretario. Divenuto Papa, Roncalli confermò Capovilla in questo delicato incarico. Per dieci anni, dal 15 marzo del 1953 al 3 giugno del 1963, quando Giovanni XXIII morì, Capovilla ha custodito la memoria e rivelato il pensiero e le opere del “Papa buono”, che fu beatificato da San Giovanni Paolo II il 3 settembre del 2000 e canonizzato da Papa Francesco il 27 aprile del 2014.

La morte del Cardinale Capovilla riporta alla ribalta un episodio poco conosciuto dal pubblico, in quanto con Loris Capovilla scompare l’ultimo testimone di un incontro che Papa Giovanni XXIII avrebbe avuto con un “essere alieno” nel 1961 due anni prima della sua morte. L’incontro sarebbe avvenuto nei giardini della Villa Pontificia di Castel Gandolfo e Loris Capovilla ne sarebbe stato testimone. Il Segretario del Papa per espresso desiderio di Roncalli avrebbe mantenuto per anni il segreto di questo “incontro”. La notizia apparve su un quotidiano inglese e fu poi ripresa dal “Sun” nel 1985. Molti, all’interno della Santa Sede, sono propensi a ritenerlo veritiero. Secondo quanto riferito da Mons. Capovilla, il “contatto” sarebbe avvenuto in un pomeriggio di luglio del 1961.

capovilla«Camminavamo – racconta Capovilla – il lago a pochi passi, uno accanto all’altro, come due amici, come avevamo fatto tante volte in quegli splendidi pomeriggi d’estate. Come persone qualsiasi che hanno voglia di starsene un po’ in disparte, fuori dalla routine quotidiana. A un tratto, sopra le nostre teste apparvero luci colorate, arancio, ambra, azzurro e poi accadde l’imponderabile che è difficile da raccontare: le luci si fermano per qualche minuto sulle nostre due figure che camminano fianco a fianco, poi il contatto. Una delle astronavi si stacca dallo stormo e atterra nel lato sud del giardino. Il portellone si apre e dalla carlinga esce fuori qualcosa» .È «assolutamente umano» riferirà Capovilla, solo che ha una luce intorno che lo avvolge. Caddero in ginocchio i due, poi Roncalli si alzò e senza esitare andò verso “l’uomo”, quell’essere assolutamente umano avvolto da una luce tenue, penetrante.

Parlarono per circa venti minuti ma non si potevano sentire quelle voci: «non sentii nulla» ma parlavano tra di loro, gesticolavano. Per ben venti minuti poi l’Uomo voltò le spalle e se ne ritornò sull’astronave che ripartì. «Roncalli mi guardò e pianse. Quando ritornò verso di me – prosegue Capovilla – mi disse: “I figli di Dio sono dappertutto. Anche se a volte abbiamo difficoltà a riconoscere i nostri stessi fratelli”». Questo avrebbe detto Papa Roncalli al suo segretario che per anni, forse per volere dello stesso Giovanni XXIII, gli impose il silenzio sulla vicenda. Sono passati 55 anni dall’“incontro” in quello strano pomeriggio e tuttora in Vaticano sono presenti dubbi e perplessità. Ora con la morte del Cardinale Capovilla, ultimo testimone del fatto straordinario, si chiude il ricordo di quel contatto.

C’è da dire in proposito che durante il pontificato di Benedetto XVI, in un convegno tenutosi nel 2009 in Vaticano su altre forme di vita nell’Universo, astronomi gesuiti ne hanno ammesso l’esistenza. Il Gesuita Padre Reyna astronomo e professore di fisica all’Università del Salvador a Buenos Aires, ha ammesso: «Gli Ufo sono oggetti reali le cui strutture, velocità e traiettorie sono state fotografate e registrate dai radar. Da due degli Osservatori (operativi per la Santa Sede n.d.r.) molte volte ho seguito le evoluzioni degli Ufo. Quasi sempre seguivano dei satelliti o dei missili ma sempre a una certa distanza come per non disturbarli con il loro campo magnetico. Quando i satelliti entrano nel cono d’ombra della Terra essi spariscono, invece gli Ufo rimangono luminosi e cambiano generalmente rotta a velocità fantastiche. Una notte per la prima volta al mondo abbiamo seguito uno di essi al telescopio».

Giancarlo Cocco

Foto © Creative Commons – Wikimedia Commons

4 Giugno 2016 |

https://www.eurocomunicazione.com/morto-mons-capovilla-fu-testimone-dellincontro-papa-giovanni-xxiii-gli-alieni/

DVD - CD

mensajes_secretos

dvd-lacrima

CD MUSICALI PER SOSTENERE FUNIMA INTERNATIONAL
cd-alea cd-viaje-bg

Siti amici

220X130_mystery

ban3milenio

ILSICOMOROA

Collaboratori

unpunto_boxdelcielo_box
logofunimanuevo2015crop_box
catania3banner flavio ciucani 125

Libri

ilritorno1 tapa libroGB Giovetti1
cop dererum1books11
  libroicontattiuniti139copertina italiano140