Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Italiano Español English Português Dutch Српски
 LE POESIE DI UN RAMINGO
Oscar Morosini

FOTO BANNER OSCAR

 

LA NASCITA DELL'ARCOBALENO

Il Cielo, profondamente innamorato del Mare, si struggeva per non potersi unire a lui.
Specchiandosi nelle acque cristalline, osservava il suo triste riflesso aleggiare su tanta bellezza.
I giorni trascorrevano e il dolore, ormai lancinante, iniziò a condensarsi in cupe nubi. Il cuore sempre più colmo di amarezza.
Il suo grido di disperazione si tramutò in fasci di luce e ruggiti che attraversavano la sua volta infinita.
D'improvviso, nel silenzio, una goccia scaturì dal suo ventre, frutto di quel sentimento che bramava il suo amato.
Come dolci lacrime, le copiose gocce si riversavano nelle acque del Mare, fondendosi con esso.
Il Sole, in lontananza, si stupì del grande ardore. Profondamente emozionato, lasciò che i suoi raggi attraversassero le piccole gocce.
Una cascata di colori scivolò dall'alto. Come sigillo vivente a simboleggiare tale consacrazione.
É così che nacque l'arcobaleno, da una sacra unione d'amore.

Michela Raddi
4 luglio 2019

SORRIDI

Di Simone (Our Voice)

Sorridi
Perchè niente può andar male
Se tu non glielo permetti
Per cui sorridi
E celebra questa esistenza
Come un dono
Sorridi
E ascolta il cuore
Ascolta il calore che emana
Quello è l'amore
Lo stesso amore che muove il sole
E le altre stelle
Ringrazia Dio e il suo amore
E non chiedere di più
Perchè hai già tutto

Simone (Our Voice)
29 giugno 2019

INSIDE

Smarrito tra le tenebre
Passo lento e sguardo torvo
Diffida, critica
Il bene esiste solo per chi può permetterselo
Ti ho dato tanti nomi
Abisso
Gabbia
Inferno
Dannato ammasso di ingranaggi
Il tuo ticchettio mi fa impazzire
Ci porti a toccare con mano quegli ingranaggi
Ma poi giri
E stringi
Sempre più forte
Finché ci spezzi
Ma c'è qualcosa di noi che non puoi spezzare
Abbiamo il potere di tirare quella leva che ti fa girare
Abbiamo il potere di invertire il tuo giro
Perché è stato il nostro pensiero a crearti
Siamo stati noi a fondere la disperazione e il caos che oggi formano quegli ingranaggi
Dal nulla
Abbiamo creato un mostro
Dall'arte all'arte della guerra
Dall'amore al sesso
E la felicità, una volta non si poteva toccare, oggi è fatta di carta
Ma no
Non siamo più disposti ad accettare tutto questo
Perché stanno iniziando i temporali
Stai iniziando a piangere
E forse finalmente qualcuno sta alzando gli occhi da quella macchina mangia uomini creata da noi stessi
Forse finalmente qualcuno sta iniziando a toccare con mano la realtà
Non servono degli ingranaggi per capire come funziona la vita
Basta cercare dentro di noi
Alimentare un po' meno quell'ego che annebbia il nostro sole
Perché quando esso esce illumina te e il tuo cammino
E quando lo alimenti diventa così forte da sciogliere persino l'acciaio che oggi forma la grande macchina.
Acciaio forgiato dalle mille violazioni etiche imposte alle milioni di menti.
Un giorno capiremo di essere simili alle stelle
Milioni e milioni
Come loro
Con l'unica differenza che loro continuano a brillare

Riccardo Caronia
19 giugno 2019

STELLE


Fissavo le stelle
nelle notti tranquille d'estate
e in quelle fredde dell'inverno.
Ne avevo fame!
Tutto passa…
le malattie,
le sofferenze,
le vite…
ma le stelle “no”,
resteranno anche quando
l'ombra del mio corpo non ci sarà più
su questa terra
Poi mi son svegliato
ed ho visto altre stelle
ma il mio sguardo puntava l’orizzonte…
e, non era notte…
non erano neppure stelle…
la luce era identica
ma era quella di tanti spiriti
che mi circondano
in questo mondo di tenebre.

Oscar Morosini
19 giugno 2019

RISORGI UOMO

Abbiamo bisogno d’amore
lo abbiamo calpestato
smarrendoci
tra le vie di città bombardate.
I nostri cuori sanguinano
su barche senza porto
ormeggiate tra le onde.
Grida di disperata speranza
non raggiungono l’udito
nonostante facciano eco.
Scatti ed immagini
di fallimento di civiltà
commentate solo con biasimo.
Come possiamo essere umani
senza amare gli altri…
e definirci civiltà
se restiamo fermi
se non collaboriamo per un futuro migliore.
Risorgi uomo
e tendi la mano alla vita.

Oscar Morosini
17 Giugno 2019

FAMIGLIA

F amiglia
U niversale, non di
N ascita, né di
I dioma
M a di cuori che
A mano la vita

I stituzione
N ata per
T amponare l’
E morragia e
R estituire fiducia
N ell’umanità
A i
T anti bambini
I nnocenti a cui
O rchi vestiti da pecore
N egano
A utosufficienza e
L ibertà

Oscar Morosini
5 giugno 2019

NON È NOSTRO FIGLIO

Non è nostro figlio
e per questo
restiamo indifferenti.

Lo lasciamo in mare
invece di inviare navi.

Abbandonandolo
dovrà lasciare il corpo
che ritroveremo spiaggiato
o, sopra un altro, depositato in un fondale.

Non è nostro figlio
e restiamo a guardare
non ci indigniamo
non ci vestiamo a lutto
e dormendo tranquilli
votiamo i suoi persecutori.

Quest’umanità alla deriva potrà farlo
fino a che non toccherà a nostro figlio.

Oscar Morosini
21 maggio 2019


L’ARIA

L’aria… dei quattro elementi è sempre stato quello che di più mi ha affascinato, passavo ore a guardare la libertà degli uccelli in volo, dei gabbiani… ho sempre voluto poter volare…

Ma per volare necessitano le ali…

Non potendo volare per ovvie motivazioni, ho sempre pensato che si potesse volare anche restando con i piedi ancorati a terra; non accontentandosi mai e cercando di raggiungere traguardi all’apparenza oltre alle aspettative.

Crescendo ho imparato anche un’altra forma di volo, quella della penna, dello scrivere, che porta la carne a sublimare l’anima.

Ali che mi permettono di volare poiché mi liberano da ogni peso .

Non mi sono mai accontentato della Terra, io volevo guardarla dall'alto, sorprenderla a vivere e respirare dall'alto.

Volevo innalzarmi nei cieli, ma poi ho avuto nostalgia della Terra.

A guardarla dall'alto me ne sono innamorato, come mi ero innamorato del cielo; perchè solo dal cielo scopri che la Terra è una stella tra le stelle; che come in cielo le stelle, sulla terra, ci sono “fuochi” che si accendono di una fiamma Eterna. Fiamma che risveglia i cuori…

Volando ho scoperto che il cielo e la Terra si uniscono all'altezza del mio cuore.

Il mio cuore vola continuamente e quindi non posso fare che ascoltarlo.

E quindi la rinnovata e quotidiana promessa di far parte di questa bellissima famiglia.

Notte a tutti

Oscar Morosini
19 maggio 2019

NASCIAMO

Nasciamo
in uno sguardo d’amore
non il giorno
che i nostri genitori
ci hanno concepito,
bensì
quando i loro occhi
per la prima volta
si sono incrociati.
Un canto alla vita
come i fiori che danzano nel vento
o il calore del sole bacia il creato.
Nasciamo
come il seme
che si concede alla terra
e grazie al suo amore
sboccia.

Oscar Morosini
16 maggio 2019

 

DVD - CD

mensajes_secretos

dvd-lacrima

CD MUSICALI PER SOSTENERE FUNIMA INTERNATIONAL
cd-alea cd-viaje-bg

Siti amici

220X130_mystery

ban3milenio

ILSICOMOROA

Collaboratori

unpunto_boxdelcielo_box
logofunimanuevo2015crop_box
catania3banner flavio ciucani 125

Libri

ilritorno1 tapa libroGB Giovetti1
cop dererum1books11
  libroicontattiuniti139copertina italiano140