Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Italiano Español English Português Dutch Српски

condenaDi Claudio Rojas G.

Sabato 23 marzo 2019, il quotidiano La Tercera ha pubblicato un articolo intitolato: "La Chiesa ha concluso che c’è un uso arbitrario della liturgia da parte di Mariano Puga”.

L'articolo è tendenzioso e crea confusione, ha il proposito di essere poco chiaro. Non aiuta il lettore a comprendere il motivo per cui il sacerdote Mariano farebbe "un uso arbitrario della liturgia", ancor meno fa capire perché, malgrado l’eventuale denuncia sia stata ritirata, l'indagine sia proseguita; un fatto alquanto curioso. Per quale ragione si continua a indagare se non risulta una denuncia in atto? La richiesta proviene dalla stessa gerarchia della Chiesa Cattolica?

Il punto è interessante, nonostante quanto detto sopra, poiché presuppone che la Chiesa Cattolica sia realmente impegnata nell’essere coscienziosa e nell’agire in seguito alle denunce di persone che si sentono danneggiate in uno o più aspetti; anche se poi ritirano la loro accusa. È singolare che i funzionari della Chiesa dimostrino tanto impegno proprio quando, se non fosse per le pressioni esterne e la costante lotta delle vittime, l'impunità sarebbe stata garantita. Si mostra insistenza per un tale processo, mentre i responsabili e i complici di ogni tipo di abusi sessuali hanno dimostrato mancanza di compassione, premura e responsabilità; negando scuse sincere alle vittime, abusate da rappresentanti del clero.

Non è il caso di questo vero pastore, il quale è giustamente un testimone coerente, non senza errori, dell’amore e del Vangelo verso i semplici e gli oppressi della Terra.

L'articolo è stato pubblicato lo stesso giorno in cui Papa Francesco ha accettato le dimissioni del cardinale Ricardo Ezzati, malgrado si fosse a conoscenza della presunta denuncia contro Mariano Puga, già dal settembre 2018. La decisione editoriale di pubblicare ieri l'articolo è certamente deliberata, ha come intenzione di infierire su uno dei volti più coerenti della Chiesa Cattolica del XX° secolo. Ci si accanisce contro la stessa persona che ha scelto di lasciare i propri privilegi originali e di far parte di Villa Francia, Cerro Navia, La Legua e Chiloé. Un uomo torturato, vessato e rispettato dalle persone comuni di realtà diverse, nelle quali gli esclusi e i senza potere si identificano.

L'articolo ha l'intenzione di infierire sul popolo in sintonia con questa liturgia.

Il sacerdote Mariano Puga è stato tacciato di essere vicino alla "Teologia della Liberazione", di essere un comunista, come se il suo comportamento fosse incompatibile con i veri insegnamenti di Gesù. (Matteo 10: 22 E sarete odiati da tutti a causa del Mio nome, ma chi avrà perseverato fino alla fine, sarà salvo.

Matteo 5:11 Beati voi quando vi insulteranno e vi perseguiteranno e, mentendo, diranno ogni sorta di male contro di voi per causa Mia. 12.Rallegratevi ed esultate, perché grande è la vostra ricompensa nei Cieli. Così, infatti, hanno perseguitato i profeti prima di voi).

… Lui non possiede niente di questo mondo.

C'è qui una dichiarazione di condanna verso questo articolo, pubblicato dal quotidiano:

1. Il giornale La Tercera di oggi diffonde una notizia legata al nostro sacerdote operaio-amico, Mariano Puga Concha. In modo tendenzioso e malevolo, pretendono di infangare la sua vita, collegando tutto con l'attuale crisi della Chiesa.

2. Chi conosce Mariano Puga, sa che è la persona che più si avvicina, oggi, all'immagine e alla vita coerente di un apostolo e seguace di Gesù di Nazaret. Mariano non solo ne parla, ma lo mette in pratica con una vita di austerità, di sobrietà, stando vicino ai perseguitati durante la dittatura; egli stesso è stato un detenuto nelle prigioni della Dina. Lui ha detto di essere un operaio, ma lo è stato davvero, condividendo la vita dei suoi amici nei cantieri.

3. È insolito che in questo modo, durante l’assenza di Mariano dal Cile, qualcuno tenti di seminare dubbi su di lui e si nasconda dietro certe calunnie; ma ci siamo noi: migliaia di persone pronte a testimoniare la sua dedizione, il suo amore senza limiti per l'essere umano. Un sacerdote sempre al nostro fianco negli scioperi della fame in nome della Verità e della Giustizia; Mariano ha ricevuto al ‘Sebastián Acevedo’ acqua e bastonate per difendere la vita. Un servo del Signore che percorre il mondo per conoscere, condividere e vivere l'esperienza di rendere reale la parola del Nazzareno.

4. Ad appoggiarlo ci sono i credenti e coloro che non credono, perché hanno fiducia in lui senza alcun dubbio; tutti sono sempre disposti a dare testimonianza della sua vita integra e coerente.

Fundación Ciudadana de DDHH (Fondazione Cittadina dei Diritti Umani).

Credo che valesse la pena includerla, perché chi lo conosce parla delle sue opere e della sua coerenza. Purtroppo, sono molto pochi quelli come lui, talmente pochi da essere l'unico che conosciamo nel Paese.

Claudio Rojas G.

25.03.2019

DVD - CD

mensajes_secretos

dvd-lacrima

CD MUSICALI PER SOSTENERE FUNIMA INTERNATIONAL
cd-alea cd-viaje-bg

Siti amici

220X130_mystery

ban3milenio

ILSICOMOROA

Collaboratori

unpunto_boxdelcielo_box
logofunimanuevo2015crop_box
catania3banner flavio ciucani 125

Libri

ilritorno1 tapa libroGB Giovetti1
cop dererum1books11
  libroicontattiuniti139copertina italiano140