Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Italiano Español English Português Dutch Српски

INCONTRI SPIRITUALI CON GIORGIO BONGIOVANNI
Di Sandra De Marco

Cristo ti salva100Di Sandra De Marco

Fin dalla Sua nascita, nei panni dei pastori che gli fanno visita, e durante tutta la Sua predicazione, Gesù è spesso attorniato da gente comune, chiamata ora folla, a volte popolo, a volte turbe: non è quel sciame di sacerdoti, scribi e farisei con il loro potere e la loro dottrina; e nemmeno il popolo di Dio, quell’Israele scelto per tracciare il sentiero del Vangelo sulle orme di quel giovane Nazareno.

Ma che ne è stato delle folle che Lo seguivano?

È strana la folla…, tutta quella gente senza volto né nome, spinta da una fede che reclama segni, che chiede una parola, un conforto, un miracolo, la speranza che la propria vita possa cambiare o il perdono dei propri peccati; una folla avida di affetti e di risposte alla ricerca disperata di qualcosa che possa colmare i propri vuoti interiori. Che indaga, interroga, ricerca; che esulta, si meraviglia, si rallegra, getta le monete al tempio e chiede maldestramente giustizia… Che Lo stringe e Lo schiaccia da ogni parte, che Lo vuole sempre con sé... che non vorrebbe mai lasciarlo partire, tanto da impedire alla Madre e ai fratelli di avvicinarsi.

È strana la folla… ma è lei la prima testimone, l’inviata umile e spontanea, che comincia a raccontare... Una cornice costante nella vita di Gesù: arriva da tutta la Giudea, da Gerusalemme e dal litorale di Tiro e di Sidone, dall’Idumea e dalla Transgiordania… Si accalca davanti alla casa di Pietro a Cafarnao, in riva al lago di Tiberiade e Lo segue lungo il peregrinare in Galilea nella speranza di poterlo ancora ascoltare, di vedere i prodigi di cui era capace. Lo ha visto scendere da Betfage, in mezzo agli ulivi, attraversare il torrente Cedron, esultante Lo ha accolto a Gerusalemme, steso a terra avanti a Lui i mantelli e vedendolo avanzare in groppa a un asinello Lo ha acclamato Re.

È anche brava la folla…, senza dubbio non teme il giudizio di condanna già emesso dagli scribi, inviati dalle autorità del Sinedrio a controllare la situazione; anzi, fa mostra di volerlo proteggere da costoro e dagli stessi parenti di Gesù, venuti da Nazareth a prenderlo.

rosasobrecruzDi Sandra De Marco

“Mago dello specchio magico, sorgi dallo spazio profondo, tra vento e oscurità io ti chiamo. Parla! Mostrami il tuo volto! Specchio specchio, servo delle mie brame, chi è il più cristiano del reame?”

Ammettiamolo, il vizio ancora non ce lo siamo tolto! È un male sottile e persistente che s’insinua nel nostro quotidiano. La caccia alle streghe, ai malvagi, ai falsi profeti oggi non pone in evidenza distinzioni d’epoca o di territorio: è rimasta immutata, si è semplicemente evoluta, ha cambiato volto. Quel voler a tutti i costi trovare un capo espiatorio su cui proiettare le proprie miserie, i peccati e le nostre paure, una inquisizione moderna più subdola e ubiqua per sviare l’occhio delle nostre coscienze.

jesusmontedelosolivos100Di Sandra De Marco
Gesù e i suoi discepoli lasciarono la stanza superiore del cenacolo e, scendendo un ripido pendio, attraversarono la brusca spaccatura della valle del Cedron, per raggiungere un giardino sui fianchi del monte degli Ulivi, giungendo a un podere chiamato Getsèmani. Egli disse ai suoi discepoli: «Sedetevi qui, mentre io prego». Prese con sé Pietro, Giacomo e Giovanni e cominciò a sentire paura e angoscia. Disse loro: «La mia anima è triste fino alla morte. Restate qui e vegliate». Poi, andato un po’ innanzi, cadde a terra e pregava che, se fosse possibile, passasse via da lui quell’ora.

MANOS200DAL CIELO ALLA TERRA

HO SCRITTO IL 23 MARZO 2017

L'HO VISTA. L'HO VISTA RAGAZZA CON UN BAMBINO NEL SUO SENO.
L'HO PRESA PER MANO LEI E IL SUO BIMBO.
ADESSO È DONNA, SCRIVE E TESTIMONIA DI GESÙ CRISTO, FIGLIO DEL DIO VIVENTE.
SII BENEDETTA FIGLIOLA E CON TE  IL TUO FIGLIOLO.
IN FEDE
IN CRISTO TUO
G.B.

Ps: Leggete, meditate e deducete.

Sant’Elpidio a Mare (Italia)
23 Marzo 2017

OMNIA VINCIT AMOR
Di Sonia De Marco

"Großgmain… innevata quanto soleggiata, terra ai piedi del Monte Untersberg, antico custode della leggenda delRe dormiente; la cui storia coinvolge un Eroe leggendario, accompagnato da fidati guerrieri armati che riposano in remoti siti di questa montagna.

sonsan2DAL CIELO ALLA TERRA
 
HO SCRITTO IL 15 GENNAIO 2017:
L’EMOZIONE E LA GIOIA PREVALGONO SULLA TRISTEZZA, SOFFERENZA, DELUSIONE E AMAREZZA CHE AFFATICANO SEMPRE IL MIO SPIRITO CHE VIVE IN MISSIONE IN QUESTO PIANETA, DOVE I MIEI FRATELLI DEL MONDO SONO ATTANAGLIATI DALLA MATERIA.
PERÒ, OGGI, L’EMOZIONE E LA GIOIA VINCONO E CONQUISTANO IL MIO CUORE,  PERCHÉ QUANDO I GIOVANI CHE HO SPOSATO COME MIEI FIGLI ESPRIMONO, CON SOLARE AMORE E BELLEZZA, LA VERITÀ, IL  MIO SPIRITO GUARISCE DALLE FERITE INFLITTEGLI DALLA MISERIA UMANA.
L’HO DETTO E LO RIPETO: IO  DIMINUISCO E LORO CRESCONO. LORO, I GIOVANI CHE HANNO GIÀ VINTO IL MONDO DELLA MATERIA E MAMMONA, INNALZANDO L’AMORE DELLO SPIRITO CRISTICO DELLA CONVIVENZA.
GRAZIE SONIA DE MARCO E MAURICE, CON INFINTIO AMORE PATERNO, VOSTRO

G.B.

P.S. E … VOI TUTTI, LEGGETE MEDITATE  E DEDUCETE.


IL RE E IL PASTORE
Di Sonia De Marco

Dice Gesù: Un discepolo non è da più del maestro, né un servo da più del suo padrone; 25è sufficiente per il discepolo essere come il suo maestro e per il servo come il suo padrone. Matteo cap. 10

“Perché mai un Re parla con un pastore?” domandò il ragazzo, pieno di vergogna e stupore.

'Per varie ragioni. Ma diciamo che la più importante è che tu sei stato capace di realizzare la tua Leggenda Personale'.

Il ragazzo non sapeva neppure cosa fosse la Leggenda Personale.

'È quello che hai sempre desiderato fare. Tutti, all’inizio della gioventù sanno qual è la propria Leggenda Personale. In quel periodo della vita tutto è chiaro, tutto è possibile, e gli uomini non hanno paura di sognare e di desiderare tutto quello che vorrebbero vedere fare nella vita. Ma poi, a mano a mano che il tempo passa, una misteriosa forza comincia a tentare di dimostrare come sia possibile realizzare la Leggenda Personale. Sono le forze che sembrano negative, ma che in realtà ti insegnano a realizzare la tua Leggenda Personale. Preparano il tuo spirito e la tua volontà. Perché esiste una grande verità su questo pianeta: chiunque tu sia o qualunque cosa tu faccia, quando desideri una cosa con volontà, è perché questo desiderio è nato nell’anima dell’Universo. Quella cosa rappresenta la tua missione sulla Terra'.

“Anche se si tratta soltanto di viaggiare?”

Sandra De Marco2016 100DAL CIELO ALLA TERRA

SETUN SHENAR COMUNICA:
RINGRAZIAMO CON IL CUORE E CON LO SPIRITO LA SORELLA CRONISTA CHE HA REDATTO E DIVULGATO, NELL'ARTICOLO ALLEGATO, I CONCETTI UNIVERSALI ESPRESSI DAL NOSTRO AMICO E MESSAGGERO, LO SCRIVENTE.
NEL GIORNO DEL GRANDE CONTATTO TRA NOI “ALIENI” E VOI TERRESTRI REALIZZERETE, FINALMENTE, TUTTA LA VERITÀ SUL BENE E IL MALE, SU DIO E L'UOMO, SUL CIELO E LA TERRA E L'EVOLUZIONE DEL COSMO, SULL'ETERNITÀ DELLO SPIRITO E DELL'AMORE UNIVERSALE.
PACE!
SETUN SHENAR SALUTA

Sant’Elpidio a Mare (Italia)
9 Novembre 2016. Ore 15:26


IL VERBO SOLARE CRISTICO SI FA PAROLA E ANNUNCIA
LA VITTORIA SUL MALE E SULLA MORTE

mozart100aDi Sandra De Marco

Incontro con Giorgio Bongiovanni

Come in un incantesimo, il paesaggio rigoglioso e surreale del Tirolo scorre davanti ai nostri occhi: imponenti cime montuose, boschi silenziosi, laghi, torrenti e piccole cascate che si snodano sinuosi percorrendo i sentieri verso valle. E poi ancora... fortezze incastonate in una natura incontaminata che si alternano a piccoli borghi dall’aria fiabesca: l’architettura tirolese ci sorprende con i suoi tetti spioventi, gli Erker e i suoi balconi fioriti, mentre mucche e caprette pascolano indisturbate tra un susseguirsi di vallate e cime spettacolari.

PIETRO100

Di Sandra De Marco

La presenza di Dio nella Bibbia, così come la presenza degli angeli di ieri, extraterrestri di oggi, è chiara ed inequivocabile.
Nella Bibbia gli uomini commettono errori e, nel nome di Dio, si commettono omicidi, ma Dio interviene con amore e giustizia, nei secoli dei secoli, fino ad arrivare al tempo dell'incarnazione del Messia, Gesù Cristo, il Figlio di Dio.
Il Vangelo è amore purissimo, incondizionato. Gli insegnamenti di Cristo correggono il Vecchio Testamento e ci proiettano verso l'Amore infinito, la redenzione e il Giudizio finale.

GesunonabbiateDi Sandra De Marco

«Perché avete paura, uomini di poca fede?» (Mt 8, 26)
La paura è il vero contrario dell’amore. È tremenda, scava lentamente e saccheggia l’anima. Porta l’uomo a barricarsi dietro a mille sicurezze, per non affrontare il rischio, fino a farle diventare il proprio dio.
Se l’amore vero è donarsi incondizionatamente, come può venir frenato dalla paura di perdere qualcosa? Amare è rischiare. E chi non rischia non vive, non potrà mai assaporare il gusto di sognare, imparare e di crescere, di compiere opere grandi. Chi non rischia non ama, e chi non ama ha perso la propria libertà, il dono più grande in assoluto che Dio ha dato a tutte le creature dell’Universo.

DVD - CD

mensajes_secretos

dvd-lacrima

CD MUSICALI PER SOSTENERE FUNIMA INTERNATIONAL
cd-alea cd-viaje-bg

Siti amici

220X130_mystery

ban3milenio

ILSICOMOROA

ban antimafia

Collaboratori

unpunto_boxdelcielo_box
logofunimanuevo2015crop_box
catania3banner flavio ciucani 125

Libri

ilritorno1 tapa libroGB Giovetti1
cop dererum1 ricagni1
Nuova copertina libro Debora1 books11

libroicontattiuniti139